Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 33/CDN del 28 Febbraio 2008 n. 3 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera CD Territoriale presso il CR Marche – CU n. 85 del 18.1.2008 – Campionato di Eccellenza

Impugnazione - istanza:(162) - Reclamo della società ASD Biagio Nazzaro Chiaravalle avverso decisioni merito gara Biagio Nazzaro-Piano San Lazzaro del 23.11.2007

Massima: E’ regolare la lista di svincolo suppletiva, ex art. 107 NOIF, sottoscritta dal legale rappresentante della società, la cui nomina è stata comunicata agli organi competenti solo in epoca successiva l’inoltro della lista ed anche perché il tesseramento era stato ratificato dal competente Ufficio Tesseramenti in epoca precedente la gara. Consegue che il calciatore inserito nella lista è in posizione regolare.  

 

Decisione C.F.: Comunicato Ufficiale n. 1/C del 11 luglio 2005 n. 3 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Divisione Calcio a Cinque – Com. Uff. n. 653 del 20.5.2005

Impugnazione - istanza:Appello A.S. Pro Calcetto Avezzano avverso la sanzione dell’inibizione di anni 1 inflitta al Presidente sig. C.G. per violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S. e della sanzione dell’ammenda di € 550,00 inflitta alla stessa società per violazione dell’art. 2 comma 4 C.G.S., a seguito di deferimento del Procuratore Federale

Massima: L’elemento di prova della falsificazione della firma del calciatore sul modulo di tesseramento è costituito dal fatto che il predetto, al tempo della firma del modulo, non si trovava in Italia, ma in Argentina, suo paese di origine (“circostanza quest’ultima oggetto di positivo riscontro documentale, attraverso l’esame del passaporto e dei timbri di uscita e di ingresso nel territorio nazionale”).  

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 55/C Riunione del 7 Giugno 2004 n. 12 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Calabria - Com. Uff. n. 132 del 25.5.2004

Impugnazione - istanza: Appello della A.S. Calcio Riunite C. avverso decisioni merito gara Calcio Riunite/Delianuova del 16.5.2004

Massima: Non è irregolare la lista di trasferimento del calciatore che reca correzioni sul titolo definitivo e temporaneo, quando tali correzioni sono state apposte con il consenso (implicito) di entrambe le società, tant’è che si ritroverebbe su tutti i modelli esistenti, pur dovendosi ammettere che l’apposizione di cancellature e correzioni sulle liste di trasferimento, e quindi sulla modulistica federale, è di certo fatto non auspicabile e che va a minare l’immagine dello svolgimento scrupoloso e regolare dell’attività in questo settore.

Massima: Non può essere invocata la posizione irregolare del calciatore incentrata sulla nullità del trasferimento (in considerazione del fatto che nella lista di trasferimento sarebbe stata cancellata la casella indicante il passaggio temporaneo e sbarrata quella relativa al passaggio definitivo, tutto ciò al fine di evitare l’applicazione della norma che limitava il numero dei prestiti di cui ogni società poteva usufruire nel corso di una stagione sportiva), poiché, tale nullità può essere invocata solo tra le parti che hanno sottoscritto il trasferimento e non da società terze.

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 48/C Riunione del 4 giugno 2003 n. 6 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Calabria - Com. Uff. n. 110 del 19.5.2003

Impugnazione - istanza:Appello del A.S. San Lorenzo del Vallo avverso decisioni merito gara San Lorenzo del Vallo/Nuova Acri del 4.5.2003

Massima: Il calciatore è regolarmente trasferito in prestito quando la lista è stata firmata dal Vice Presidente della società.  

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 46/C Riunione del 23 maggio 2003 n. 3 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Divisione Calcio a Cinque - Com. Uff. n. 434 del 14.5.2003

Impugnazione - istanza:Appello dell’A.S. Città di Svezzano avverso decisioni merito gara Avezzano Calcio a Cinque/Città di Avezzano del 12.4.2003

Massima: L’art. 100, comma 3, delle N.O.I.F., testualmente recita, quanto al trasferimento dei calciatori “non professionisti”, “giovani dilettanti” e “giovani di serie”, che “il trasferimento di calciatori deve essere curato esclusivamente dai dirigenti in carica o dai collaboratori specificamente autorizzati dalla società interessata”.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 46/C Riunione del 23 maggio 2003 n. 2 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Divisione Calcio a Cinque - Com. Uff. n. 434 del 14.5.2003

Impugnazione - istanza:Appello dell’A.S. Città di Avezzano avverso decisioni merito gara Città di Avezzano/Modugno del 18.1.2003

Massima: Doverosa si appalesava la declaratoria di nullità della lista di trasferimento pacificamente non sottoscritta da chi di dovere ai sensi delle norme federali (bensì da dirigente senza delega della società cedente). L’art. 100, comma 3, delle N.O.I.F., testualmente recita, quando al trasferimento dei calciatori “non professionisti”, “giovani dilettanti” e “giovani di serie”, che “il trasferimento di calciatori deve essere curato esclusivamente dai dirigenti in carica o dai collaboratori specificamente autorizzati dalla società interessata”.  

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 39/C Riunione del 28 aprile 2003 n. 13 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Lazio - Com. Uff. n. 60 del 20.3.2003

Impugnazione - istanza:Appello dell’A.S. Cretone 2000 avverso decisioni merito gara Cretone 2000/Dopolavoro Ferroviario del 23.2.2003

Massima: La lista di trasferimento del calciatore è nulla, quando è mancante della indicazione del titolo del trasferimento.  

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 24/C Riunione del 3 febbraio 2003 n. 7 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Toscana - Com. Uff. n. 24 del 2.1.200

3Impugnazione - istanza:Appello dell’A.S. Real Terranuova avverso decisioni merito gara Zenith/Real Terranuova del 24.11.2002

Massima: L’Ufficio tesseramento del Comitato competente annulla con effetto immediato il tesseramento del calciatore quando il trasferimento è effettuato sul modulo della precedente stagione sportiva.  

 

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 43/C Riunione del 27 giugno 1996 n. 4 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera del Giudice Sportivo di 2° Grado presso il Comitato Regionale Emilia Romagna del Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica - Com. Uff. n. 41 del 22.5.1996.

Impugnazione - istanza: Appello del G.S. Cagliari avverso decisioni merito gara esordienti Sasso Marconi/Cagliari del 13.4.1996

Massima: Non si ha contraffazione o falsificazione del cartellino intestato al calciatore, nel caso in cui su di esso viene utilizzato il bianchetto per apportare le correzioni e comunque, cosi caratterizzato nella sua esteriore materialità, viene accettato dal Comitato Provinciale, con ciò accreditandosi la genuinità del documento in questione pur recante le correzioni.

DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2021 Dirittocalcistico.it