Decisione C.F.A. – Sezione I : Decisione pubblicata sul CU n. 0017/CFA del 16 Agosto 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale federale territoriale presso il Comitato Regionale Liguria dell’11.07.2022

Impugnazione – istanza: Procura federale interregionale/ A.S.D. Dinamo Santiago

Massima: Su appello della procura federale riformata la decisione del TFT che aveva irrogato l’ammenda di € 100.00 alla società e per l’effetto inflitta quella di € 300,00 oggettivamente responsabile della condotta posta in essere dal proprio calciatore che ha colpito con un pugno il calciatore avversario quando la gara calcistica era terminata e mentre le squadre facevano rientro nello spogliatoio ed al quale furono comminate 4 giornate di squalifica.

Decisione C.F.A. – Sezione I : Decisione pubblicata sul CU n. 0016/CFA del 16 Agosto 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Territoriale presso il Comitato Regionale della Liguria di cui al Com. Uff. n. 3 del giorno 11/07/2022

Impugnazione – istanza: Procura federale interregionale/M.S. - A.S.D. Pro Savona calcio

Massima: Su appello della procura federale, riformata la decisione di proscioglimento di primo grado e per l’effetto inflitta l’inibizione di mesi 3 al vice presidente per la violazione degli artt. 4, comma 1, e 39 C.G.S. per avere - in occasione dell’incontro di calcio tra la ASD Pro Savona Calcio e la Sampierdarenese tenuto in data 07/11/2022 e valevole per il campionato di prima categoria - posto in essere una condotta gravemente antisportiva consistita nell’aver ripetutamente inveito fino al decimo minuto del secondo tempo contro il gruppo di dirigenti, calciatori non in distinta e parenti dei calciatori della Sampierdarenese presenti in tribuna, creando un clima di tensione tra gli stessi e la tifoseria locale e successivamente, trasferitosi negli spogliatoi al termine della gara, nell’aver proferito nei confronti dei calciatori della Sampierdarenese, …. nonché del dirigente della stessa società sig. ….. le seguenti parole: “non vi facciamo uscire”. Inflitta l’ammenda di € 600,00 alla società…Il comportamento complessivamente tenuto dal M. è, dunque, senz’altro censurabile, perché contrario ai doveri di lealtà, correttezza e probità sanciti dall’art. 4, comma 1, C.G.S. e riconducibile alla condotta gravemente antisportiva di cui all’art. 39, comma 3, C.G.S.. Con riguardo, in particolare, ai doveri sanciti dall’art. 4, comma 1, C.G.S. la Corte richiama la propria consolidata giurisprudenza alla cui stregua detti doveri si connotano, nei confronti dei soggetti dell’ordinamento sportivo e massimamente nei confronti di coloro che rappresentano nei rapporti esterni la società sportiva, in maniera più intensa rispetto agli altri soggetti dell’ordinamento. Infatti, la diposizione di cui all’art. 4 del Codice della Giustizia Sportiva non si risolve in una norma di tipo residuale, alla cui applicazione dovrebbe ricorrersi in mancanza di previsioni specifiche, ma costituisce, al contrario, una clausola generale al cui contenuto precettivo i soggetti dell’ordinamento sportivo devono ineludibilmente conformare la propria condotta: “l’art. 4, comma 1, del CGS, lungi dal costituire una norma in bianco, non può essere ricostruito e applicato secondo i canoni propri del diritto penale e, in specie, di quelli di determinatezza e tassatività. Le connotazioni proprie del diritto sportivo e la libera adesione a esso dei soggetti che ne fanno parte consentono di aderire a una diversa prospettiva e di dare maggior rilievo a profili valoriali di cui la disposizione in questione si fa portatrice, introiettando nell’ordinamento sportivo positivo principi che debbono ispirare la stessa pratica sportiva e, inevitabilmente, i comportamenti posti in essere da tutti i soggetti che di quell’ordinamento fanno parte. Si spiega così la presenza di disposizioni, quale l’art. 4, comma 1, del CGS, caratterizzate dalla enunciazione di principi e da un certo grado di flessibilità, tale da consentire al giudice di spaziare ampiamente secondo le esigenze del caso concreto e da rendere possibili decisioni che, secondo l’evidenza del caso singolo, completino e integrino la fattispecie sanzionatoria anche attraverso valutazioni e concezioni di comune esperienza. L’art. 4, comma 1, redatto secondo la tecnica della normazione sintetica, sfugge a una descrizione puntuale delle singole tipologie di comportamento, che presenterebbe l’inconveniente dell’eccesso casistico, per ricorrere a elementi normativi che rinviano a una fonte esterna come parametro per la regola di giudizio da applicare al caso concreto (la lealtà, la probità, la correttezza) secondo il prudente apprezzamento del giudice. Si tratta (per utilizzare una classificazione propria del diritto penale, senz’altro riferibile anche all’illecito sportivo) di elementi normativi extragiuridici che rinviano a norme sociali o di costume e da autorevole dottrina paragonati a una sorta di “organi respiratori” che consentono di adeguare costantemente la disciplina trattata all’evoluzione della realtà sociale di riferimento, in questo caso, alla realtà propria dell’ordinamento sportivo” (Corte Federale d’Appello, sez. I, decisione n. 70/CFA/2021-2022; Id., sez. I, decisione n. 74/CFA/2021-2022).

Decisione C.F.A. – Sezione Unite: Decisione pubblicata sul CU n. 0013/CFA del 9 Agosto 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice sportivo presso il Comitato regionale Lazio n. 315 del 16.05.2022

Impugnazione – istanza: Presidente Federale/Sig. G.S.

Massima: In accoglimento del reclamo del Presidente Federale che aveva impugnato la decisione del giudice sportivo viene inflitta al calciatore la squalifica al calciatore fino al 30/06/2026 e non più fino al 30/06/2023. Il caso di specie:la vicenda si svolge a partire dal minuto 5:22 del secondo tempo, allorché, a seguito dell’espulsione di un giocatore della GAP, l’allenatore della squadra (P. Alessandro), già espulso, rientrava in campo urlando insulti e minacce scatenando un’ulteriore scomposta protesta da parte di numerosi calciatori. Nel mentre tentavano di calmare i più esagitati, Serafini Giorgio si avvicinava all’arbitro, E. C., e, prima, gli indirizzava alcuni epiteti ingiuriosi (“dementi…, brutte merde, figli di puttana”) e alcune minacce (“ve dovete cagà in mano”), poi, lo spintonava direttamente e, in un secondo momento, spingendogli contro un dirigente della propria squadra, infine, lo colpiva con un violento calcio che, diretto all’addome, raggiungeva l’arbitro all’avambraccio sinistro, impiegato per parare il colpo. Il S. desisteva dall’azione violenta solo perché portato via con forza dai propri compagni di squadra. Al direttore di gara, il medico del pronto soccorso dell’ospedale Cristo Re di Roma diagnosticava una “contusione avambraccio sinistro con ferita escoriata” con prognosi di cinque giorni e prescriveva una terapia a base di efferalgan (v. il referto in atti)….Trova applicazione l’art. 35, comma 1, del Codice di giustizia sportiva che sanziona la “condotta violenta”, definita come “ogni atto intenzionale diretto a produrre una lesione personale e che si concretizza in una azione impetuosa ed incontrollata, connotata da una volontaria aggressività, ivi compreso lo sputo, in occasione o durante la gara, nei confronti dell'ufficiale di gara”. Non v’è dubbio che, nel caso di specie, S.G. si sia reso autore di una condotta siffatta. La medesima disposizione, al comma 4, punisce più gravemente, con la sanzione minima di due anni di squalifica, quelle condotte che abbiano cagionato “una lesione personale, attestata con referto medico rilasciato da struttura sanitaria pubblica” Per lesione personale si intende, mutuando la definizione dal diritto penale, ogni alterazione dello stato fisiologico del corpo che comporti l’insorgenza di una malattia. È stato chiarito, in merito, che, quale alterazione anatomica che comporta un processo di guarigione, pur breve, la contusione costituisce appunto una malattia rilevante ai fini della configurabilità della lesione (v. Cassazione penale sez. VII, 31/05/2016, n.29786; Cassazione penale sez. V, 30/05/2014, n.44026). La condotta violenta di S.G. ha, quindi, cagionato una lesione al direttore di gara. L’esposizione che precede dimostra come la sanzione irrogata dal Giudice sportivo sia illegittima in quanto non rispetta il minimo edittale di cui al menzionato art. 35, comma 4, C.G.S. La sanzione è, peraltro, anche inadeguata in quanto non ha tenuto nella giusta considerazione il contesto intimidatorio nel quale è maturata la condotta lesiva e il comportamento precedente e successivo alla condotta stessa caratterizzato da insulti, minacce e spintoni da parte del medesimo S. ai danni dell’arbitro. Nel suo insieme, la condotta è incompatibile con i principi della lealtà, della correttezza e della probità che devono guidare l’azione (fra gli altri) degli atleti “in ogni rapporto comunque riferibile all'attività sportiva” (art. 4, comma 1, C.G.S.); nel contesto dell’attività sportiva, improntata a simili principi, la violenza, generalmente esecrata dall’ordinamento, assume una connotazione di ancora maggiore gravità specialmente se rivolta nei confronti dell’ufficiale di gara il cui operato è funzionale proprio al rispetto dei medesimi principi di lealtà e correttezza oltre che delle regole del gioco. Giova qui ribadire che l’ordinamento sportivo non può in alcun modo tollerare fenomeni di violenza posti a danno degli ufficiali di gara da parte di tesserati. Tali comportamenti devono essere valutati con la massima severità in quanto ledono il bene giuridico fondamentale dell’incolumità dell’arbitro (Corte federale d’appello, SS.UU., n. 52/CFA/2021-2022; n. 54/CFA/2021-2022; n. 56/CFA/2021-2022; n. 3/CFA/2022-2023).

Decisione C.F.A. – Sezione I: Decisione pubblicata sul CU n. 0008/CFA del 22 Luglio 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Territoriale C.R. Toscana, di cui al C.U. n. 94 del 1 giugno 2022

Impugnazione – istanza: Sig. F.S.-Procura Federale

Massima: Accolto il reclamo del calciatore avverso la sanzione inflitta dal TFT che lo aveva sanzionato con 6 giornate di gara e per l’effetto ridotta la squalifica a 5 giornate di gara in quanto responsabile della violazione dell’art. 4, comma 1, C.G.S., “ovvero dei principi di lealtà, correttezza e probità, per aver tenuto, al termine della gara Fiesole-Rondinella del 30/10/21 - ove era presente come sostenitore del Fiesole – un comportamento provocatorio nei confronti dei giocatori della squadra del Rondinella che lasciavano lo stadio, in particolare per aver attinto con uno sputo il calciatore ….., colpendolo, altresì, con diversi pugni sul corpo e dando avvio alla lite che ha avuto luogo all’uscita dall’impianto sportivo del Fiesole Calcio”……il ricorrente non ha allegato alcun tema di prova di segno contrario a quelli valorizzati dal Tribunale Federale per affermare la sua responsabilità in ordine al fatto di violenza contestato, limitandosi a indicare solo genericamente l’esistenza di (asseriti) elementi probatori a proprio favore. Né possono ricavarsi elementi di prova dall’atto di revoca in autotutela del DASPO, giacché il riesame operato non precisa in alcun modo quali sarebbero stati gli “elementi raccolti” a seguito di un’“attività istruttoria suppletiva” in base ai quali sarebbe stato “accertato che il Sig…..” non avrebbe “partecipato in modo inequivoco e consapevole” all’episodio di aggressione del 30 ottobre 2021. Sicché, in mancanza di allegazioni probatorie circostanziate e verificabili, anche l’atto in questione risulta del tutto inidoneo a fornire elementi di prova di segno contrario al complesso e concordante quadro probatorio a carico dell’incolpato. Deve pertanto farsi applicazione del consolidato principio in tema di standard probatorio esigibile nel processo sportivo, secondo il quale il carattere speciale e peculiare dell’illecito sportivo rispetto a quello penale si riverbera sia sotto il profilo sostanziale sia sotto il profilo processuale: infatti, quanto al profilo sostanziale, la specialità dell’ordinamento sportivo e il suo radicamento diretto in criteri di natura valoriale, espressi chiaramente dall’art. 4, comma 2, C.G.S., con i riferimenti agli obblighi di lealtà, correttezza e probità, impediscono di enucleare, come nel diritto penale, un criterio di tassatività e determinatezza delle fattispecie illecite, la cui individuazione caso per caso è invece rimessa, in ultima istanza, al prudente apprezzamento degli organi di giustizia sportiva; quanto al profilo processuale poi, la peculiarità dell’illecito sportivo trova una significativa corrispondenza nel grado di prova richiesto per ritenere sussistente una violazione, che deve essere superiore alla semplice valutazione della probabilità, ma inferiore all’esclusione di ogni ragionevole dubbio (CFA, Sezioni Unite, decisione n. 12/CFA/2021-2022; Sezione I, n. 24/CFA/2021-2022; n. 35/CFA/2021-2022; n. 53/CFA/2021-2022). Ne consegue che il complessivo quadro indiziario posto  a fondamento del riconoscimento della responsabilità a carico dell’odierno appellante per l’illecito sportivo contestato soddisfa il necessario standard probatorio richiesto, non essendo necessaria la certezza assoluta della commissione dell’illecito, né il superamento di ogni ragionevole dubbio, come nel processo penale, ma potendosi ritenere sufficiente un grado inferiore di certezza, desumibile sulla base di indizi gravi, precisi e concordanti, che forniscano, come nel caso oggetto dell’odierno scrutinio, una ragionevole certezza in ordine alla commissione dell’illecito contestato (Corte federale d’appello, Sezione I, decisione n. 14/CFA/2020-2021; Sezioni unite, decisione n. 19/CFA/2020-2021; Sezione I, decisione n. 83/CFA/2020-2021; Sezioni unite, decisione n. 105/CFA/2020-2021)….Premesso che la sentenza impugnata non ha fatto applicazione di alcuna delle circostanze attenuanti previste dall’art. 13 C.G.S., occorre osservare che nel caso di specie, anche tenendo conto del comportamento processuale del ricorrente e delle parziali ammissioni di responsabilità effettuate nel corso del procedimento, non possono trovare applicazione né la circostanza di “aver reagito in reazione immediata a comportamento o fatto ingiusto altrui” (art. 13, comma 1, lettera a), né quella di “aver ammesso la responsabilità o l’aver prestato collaborazione fattiva per la scoperta o l’accertamento di illeciti sportivi” (art. 13, comma 1, lettera e). Da un lato, infatti, per le considerazioni sopra svolte, la lamentata provocazione subita dallo …. non ha trovato idonea conferma probatoria, dall’altro, le dichiarazioni confessorie rese da quest’ultimo non possono essere considerate totalmente rispondenti rispetto alla dinamica offensiva del fatto contestato. Tuttavia, l’art. 13, comma 2, C.G.S.  prevede espressamente che “ Gli organi di giustizia sportiva possono prendere in considerazione, con adeguata motivazione, ulteriori circostanze che ritengono idonee a giustificare una diminuzione della sanzione”, così introducendo uno strumento flessibile, affidato al prudente apprezzamento del giudice, per rendere quanto più adeguata possibile la sanzione all’entità e gravità dei fatti accertati. Nel caso di specie, la Corte ritiene che tale speciale previsione possa essere effettivamente utilizzata, in considerazione, oltre del comportamento sostanzialmente collaborativo tenuto dall’appellante sin dalla fase delle indagini, soprattutto del fatto che, come risulta dal verbale istruttorio in atti (cfr. verbale in data 27 maggio 2022 dell’udienza tenutasi dinanzi al Tribunale Federale C.R. Toscana), egli si è pubblicamente scusato per l’accaduto, dimostrando in tal modo di aver compreso il peculiare disvalore del fatto compiuto per la violazione dei fondamentali valori di solidarietà, lealtà e probità che devono sempre ispirare le manifestazioni sportive.

Decisione C.F.A. – Sezione II : Decisione pubblicata sul CU n. 0006/CFA del 18 Luglio 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale federale nazionale - Sezione Disciplinare Com. Uff. n. 0148/TFNSD/2021-2022 del 27/05/2022

Impugnazione – istanza: Sig.ri F.G. – C.A./Procura Federale

Massima: Accolto il reclamo del calciatore sanzionato dal TFN con 3 giornate di squalifica e per l’effetto inflitte 2 giornate si squalifica per la violazione degli artt. 4 co. 1 e 39 co. 3 del Codice di Giustizia Sportiva anche in relazione alle disposizioni di cui all’art. 13 dell’Accordo Collettivo AIC-Lega Pro, per aver: i) durante la corrente stagione sportiva e almeno fino alla data del 12.11.2021, in concorso con … e … del quale ultimo era “uomo di fiducia” (tanto da essere stato tesserato per il Seregno proprio su indicazione e richiesta dello stesso …) al pari del primo, tenuto ripetutamente condotte gravemente antisportive e finanche atteggiamenti intimidatori nei confronti di taluni dei propri compagni di squadra in modo, per il tramite, da adiuvare il … a poter esercitare/mantenere la squadra tutta in uno stato di costante “pressione psicologica”. In tale contesto, in particolare, per essersi reso disponibile ad essere raggiunto telefonicamente dal … sulla propria utenza telefonica mobile durante la fase di intervallo tra il primo e il secondo tempo delle varie gare di campionato disputate dal US 1913 Seregno Calcio Srl onde consentire allo stesso di poter “in viva voce”, non solo, interloquire con la squadra al fine di impartire disposizioni tecnicotattiche, ma anche e soprattutto, proferire minacce verbali e offese di ogni genere nei confronti di coloro che egli avesse ritenuto non aver tenuto in campo una condotta di gara sufficientemente aggressiva nei confronti, tanto, degli avversari, quanto, degli ufficiali di gara di turno; ii) deciso deliberatamente e in assenza di cause impeditive (malattie e/o infortuni accertati) di non partecipare alle sedute di allenamento della squadra in programma per le giornate del 11.11.21 e 12.11.21 presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla propria Società di appartenenza…. Il reclamo …. deve essere accolto in parte limitatamente alla domanda proposta in via subordinata, con riduzione della qualifica da tre a due turni, da scontare in gare ufficiali della prima squadra nella prima stagione sportiva utile. Infatti, se è vero che il calciatore è stato presente negli episodi in contestazione, è pure vero che, dalle dichiarazioni rilasciate, non risulta accertato che lo stesso abbia assunto un ruolo attivo, tanto che lo stesso dott. …., in relazione all’episodio del 12 novembre 2021, ha dichiarato che “il ….durante le fasi delle minacce è sempre rimasto accanto al … ma in silenzio” e il sig. …. ha dichiarato che “non ho mai assistito a comportamenti minacciosi o violenti da parte del mio compagno di squadra …”. Né può costituire di per sé una condotta illecita essere stato, in alternativa al …, il tramite del …. per comunicare con gli spogliatoi durante l’intervallo fra il primo ed il secondo tempo delle gare. Di contro, costituisce una violazione dei doveri di lealtà, correttezza e probità la mancata partecipazione agli allenamenti dell’11 e 12 novembre 2021 e, in generale, il contegno assunto, unitamente al compagno di squadra ….., di cui sopra si è fatto ceno, in tale circostanza.

Massima: Respinto il reclamo del calciatore e per l’effetto confermata la squalifica per 8  giornate di gara inflitta dal TFN per la violazione degli artt. 4 co. 1, 28 co. 1 e 38 co. 1 del Codice di Giustizia Sportiva con l’aggravante di cui all’art. 14 co. 1 lett. n) stesso codice anche in relazione alle disposizioni di cui all’art. 13 dell’Accordo Collettivo AIC Lega Pro, per aver: i) durante la corrente stagione sportiva e almeno fino alla data del 12.11.2021, in concorso con …. e …. del quale ultimo era “uomo di fiducia” (tanto da essere stato tesserato per il US 1913 Seregno Calcio Srl proprio su richiesta e indicazione dello stesso ….) al pari del primo, tenuto e assunto ripetutamente condotte e atteggiamenti gravemente antisportivi, intimidatori e finanche violenti nei confronti di taluni dei propri compagni di squadra in modo, per il tramite, da adiuvare il…. a poter esercitare/mantenere la squadra tutta in uno stato di costante “pressione psicologica”. In tale contesto, più in particolare, per aver durante l’intervallo tra il primo e secondo tempo della gara Seregno vs Virtus Verona disputata in data 20.10.21 e dopo che il … aveva raggiunto telefonicamente la squadra sull’utenza telefonica mobile in uso al calciatore …. per imporre la sostituzione dei calciatori …. e …., aggredito fisicamente entrambi costoro con ripetute spinte, nonché, nell’occorso, finito anche per schiaffeggiare, tirare i capelli e colpire con una bottiglia al petto il predetto Scognamiglio; ii) in data 12.11.21 e dopo essersi recato presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla società US 1913 Seregno Calcio Srl in compagnia di … e … nonché di due altri soggetti allo stato non meglio identificati, rivolto all’indirizzo del sig. …., Vice Presidente della società US 1913 Seregno Calcio Srl, che al momento era preso in una accesa discussione proprio con il …. attesa la pervicace pretesa di questi di poter dirigere l’allenamento della prima squadra, le seguenti gravi minacce verbali e offese discriminatorie: “Questa guerra è appena iniziata, io sono uno zingaro e gli albanesi li mangio. Devi stare molto attento a quello che fai”, nonché, proferito all’indirizzo del compagno di squadra …. le seguenti testuali minacce: “Ti vengo a prendere fino a casa. Saluta tuo figlio”; iii) deciso deliberatamente e in assenza di cause impeditive (malattie e/o infortuni accertati) di non partecipare alle sedute di allenamento della squadra in programma per le giornate del 11.11.21 e 12.11.21 presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla propria Società di appartenenza… Il comportamento del calciatore, infatti, si connota come oggettivamente violativo delle norme codicistiche per le quali è stato deferito con riferimento ad almeno tre specifici accadimenti: a) durante l’intervallo tra il primo e secondo tempo della gara Seregno vs Virtus Verona disputata in data 20.10.21, ha aggredito fisicamente due compagni di squadra con ripetute spinte, nonché, nell’occorso, finito anche per schiaffeggiare, tirare i capelli e colpire con una bottiglia al petto il calciatore …; b) in data 12.11.21, dopo essersi recato presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla società US 1913 Seregno Calcio Srl in compagnia di … e … nonché di due altri soggetti non meglio identificati, rivolgeva all’indirizzo del sig. …., Vice Presidente della società US 1913 Seregno Calcio Srl, gravi minacce verbali e offese, nonché ha rivolto gravissime minacce nei confronti del compagno di squadra … e dei suoi familiari; c) ha deciso, unitamente al compagno di squadra …, in assenza di cause impeditive (malattie e/o infortuni accertati), di non partecipare alle sedute di allenamento della squadra in programma per le giornate del 11.11.21 e 12.11.21 presso l’impianto di Cesano Maderno….Con riferimento al punto sub a), occorre evidenziare quanto segue:….Le dichiarazioni sul punto sono del tutto convergenti, sicché il comportamento tenuto da …. durante l’intervallo della gara Seregno/Virtus Verona può ritenersi senz’altro accertato…..Per quanto concerne il punto sub b), sono parimenti convergenti le dichiarazioni rese ai rappresentanti della Procura ….Ancora può ritenersi accertato, in ragione dell’attività istruttoria compiuta dalla Procura (si veda al riguardo, la specifica dichiarazione resa dal sig. …), con riferimento al punto c), il contegno dell’interessato che, unitamente al compagno di squadra …, in assenza di cause impeditive (malattie e/o infortuni accertati), ha deciso di non partecipare alle sedute di allenamento della squadra in programma per le giornate del 11.11.21 e 12.11.21 presso l’impianto di Cesano Maderno, diffondendo peraltro notizie infondate circa il mancato pagamento degli emolumenti in scadenza.

Decisione C.F.A. – Sezioni Unite : Decisione pubblicata sul CU n. 0003/CFA del 01 Luglio 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice sportivo presso la Delegazione Provinciale di Pinerolo n. 22 del 7 aprile 2022

Impugnazione – istanza: Presidente federale/I.H. 

Massima: Accolto il reclamo del presidente federale che ha impugnato la decisione del giudice Sportivo Territoriale, per l’effetto, rideterminata la sanzione della squalifica sino al 30.6.2023 in quella della squalifica fino al 31 marzo 2026 al calciatore resosi responsabile di una condotta violenta ai danni del direttore di gara…“al 38° del secondo tempo l’arbitro sospendeva la gara a seguito di quanto avvenuto dopo la convalida di una rete allorquando il giocatore … (Made in Romania) colpiva il direttore di gara con un pugno al mento provocandogli forte dolore e ferendolo, nonché proferendo al suo indirizzo ripetuti insulti e minacce venendo trattenuto dai propri compagni”… “una volta ristabilitosi, il direttore di gara si recava presso il pronto soccorso del nosocomio più vicino ove veniva dimesso con referto attestante piccola ferita lacero contusa superficiale senza sanguinamenti e/o ematomi con conseguenti giorni 3 di prognosi”…Trova applicazione l’art. 35, comma 1, del Codice di giustizia sportiva che sanziona la “ condotta violenta”, definita come “ogni atto intenzionale diretto a produrre una lesione personale e che si concretizza in una azione impetuosa ed incontrollata, connotata da una volontaria aggressività, ivi compreso lo sputo, in occasione o durante la gara, nei confronti dell'ufficiale di gara”. Non v’è dubbio che, nel caso di specie, Iulian Hincu si sia reso autore di una condotta siffatta. La medesima disposizione, al comma 4, punisce più gravemente, con la sanzione minima di due anni di squalifica, quelle condotte che abbiano cagionato “una lesione personale, attestata con referto medico rilasciato da struttura sanitaria pubblica”. Per lesione personale si intende, mutuando la definizione dal diritto penale, ogni alterazione dello stato fisiologico del corpo che comporti l’insorgenza di una malattia. È stato chiarito, in merito, che, quale alterazione anatomica che comporta un processo di guarigione, pur breve, la contusione costituisce appunto una malattia rilevante ai fini della configurabilità della lesione (v. Cassazione penale, sez. VII, 31/05/2016, n. 29786; Cassazione penale, sez. V, 30/05/2014, n. 44026). La condotta violenta di … ha, quindi, cagionato una lesione al direttore di gara. L’esposizione che precede dimostra come la sanzione irrogata dal Giudice sportivo sia illegittima in quanto non rispetta il minimo edittale di cui al menzionato art. 35, comma 4, C.G.S. La sanzione è, peraltro, anche inadeguata in quanto non ha tenuto nella giusta considerazione il contesto intimidatorio nel quale è maturata la condotta lesiva (accerchiamento del direttore di gara) e il comportamento successivo alla condotta stessa caratterizzato da insulti e minacce profferite dal medesimo . all’arbitro. Nel suo insieme, la condotta è incompatibile con i principi della lealtà, della correttezza e della probità che devono guidare l’azione (fra gli altri) degli atleti “in ogni rapporto comunque riferibile all'attività sportiva” (art. 4, comma 1, C.G.S.); nel contesto dell’attività sportiva, improntata a simili principi, la violenza, generalmente esecrata dall’ordinamento, assume una connotazione di ancora maggiore gravità specialmente se rivolta nei confronti dell’ufficiale di gara il cui operato è funzionale proprio al rispetto dei medesimi principi di lealtà e correttezza oltre che delle regole del gioco. Giova qui ribadire che l’ordinamento sportivo non può in alcun modo tollerare fenomeni di violenza posti a danno degli ufficiali di gara da parte di tesserati. Tali comportamenti devono essere valutati con la massima severità in quanto ledono il bene giuridico fondamentale dell’incolumità dell’arbitro (Corte federale d’appello, SS.UU., n. 52/CFA/2021-2022; n. 54/CFA/2021-2022; n. 56/CFA/2021-2022). Alla luce delle considerazioni che precedono, la Corte ritiene che la sanzione irrogata, oltre che illegittima, sia anche inadeguata e che, pertanto, non possa essere limitata ai minimi edittali. Acclarata la responsabilità disciplinare di … per la condotta contestata, la sanzione va, quindi, determinata nella squalifica fino al 31.3.2026.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 148/TFN - SD del 27 Maggio 2022  (motivazioni)

Impugnazione: Deferimento n. . 6455/304 pf21-22/GC/gb del 1 marzo 2022 nei confronti dei sigg.ri C.A. e F.G. - Reg. Prot. 107/TFN-SD

Massima: Sanzionato con 8 giornate di squalifica il calciatore “professionista” per la violazione degli artt. 4 co. 1, 28 co. 1 e 38 co. 1 del Codice di Giustizia Sportiva con l’aggravante di cui all’art. 14 co. 1 lett. n) stesso codice anche in relazione alle disposizioni di cui all’art. 13 dell’Accordo Collettivo AIC Lega Pro, per aver: i) durante la corrente stagione sportiva e almeno fino alla data del 12.11.2021, in concorso con …. e …. del quale ultimo era “uomo di fiducia” (tanto da essere stato tesserato per il US 1913 Seregno Calcio Srl proprio su richiesta e indicazione dello stesso …) al pari del primo, tenuto e assunto ripetutamente condotte e atteggiamenti gravemente antisportivi, intimidatori e finanche violenti nei confronti di taluni dei propri compagni di squadra in modo, per il tramite, da adiuvare il … a poter esercitare/mantenere la squadra tutta in uno stato di costante “pressione psicologica”. In tale contesto, più in particolare, per aver durante l’intervallo tra il primo e secondo tempo della gara Seregno vs Virtus Verona disputata in data 20.10.21 e dopo che il .. aveva raggiunto telefonicamente la squadra sull’utenza telefonica mobile in uso al calciatore …. per imporre la sostituzione dei calciatori … e …., aggredito fisicamente entrambi costoro con ripetute spinte, nonché, nell’occorso, finito anche per schiaffeggiare, tirare i capelli e colpire con una bottiglia al petto il predetto …; ii) in data 12.11.21 e dopo essersi recato presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla società US 1913 Seregno Calcio Srl in compagnia di …. e …. nonché di due altri soggetti allo stato non meglio identificati, rivolto all’indirizzo del sig. …, Vice Presidente della società US 1913 Seregno Calcio Srl, che al momento era preso in una accesa discussione proprio con il …. attesa la pervicace pretesa di questi di poter dirigere l’allenamento della prima squadra, le seguenti gravi minacce verbali e offese discriminatorie: “Questa guerra è appena iniziata, io sono uno zingaro e gli albanesi li mangio. Devi stare molto attento a quello che fai”, nonché, proferito all’indirizzo del compagno di squadra ….. le seguenti testuali minacce: “Ti vengo a prendere fino a casa. Saluta tuo figlio”; iii) deciso deliberatamente e in assenza di cause impeditive (malattie e/o infortuni accertati) di non partecipare alle sedute di allenamento della squadra in programma per le giornate del 11.11.21 e 12.11.21 presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla propria Società di appartenenza. Sanzionato con 3 giornate di squalifica il calciatore “professionista” per rispondere la violazione degli artt. 4 co. 1 e 39 co. 3 del Codice di Giustizia Sportiva anche in relazione alle disposizioni di cui all’art. 13 dell’Accordo Collettivo AIC-Lega Pro, per aver: i) durante la corrente stagione sportiva e almeno fino alla data del 12.11.2021, in concorso con …. e …. del quale ultimo era “uomo di fiducia” (tanto da essere stato tesserato per il Seregno proprio su indicazione e richiesta dello stesso …) al pari del primo, tenuto ripetutamente condotte gravemente antisportive e finanche atteggiamenti intimidatori nei confronti di taluni dei propri compagni di squadra in modo, per il tramite, da adiuvare il … a poter esercitare/mantenere la squadra tutta in uno stato di costante “pressione psicologica”. In tale contesto, in particolare, per essersi reso disponibile ad essere raggiunto telefonicamente dal …. sulla propria utenza telefonica mobile durante la fase di intervallo tra il primo e il secondo tempo delle varie gare di campionato disputate dal US 1913 Seregno Calcio Srl onde consentire allo stesso di poter “in viva voce”, non solo, interloquire con la squadra al fine di impartire disposizioni tecnicotattiche, ma anche e soprattutto, proferire minacce verbali e offese di ogni genere nei confronti di coloro che egli avesse ritenuto non aver tenuto in campo una condotta di gara sufficientemente aggressiva nei confronti, tanto, degli avversari, quanto, degli ufficiali di gara di turno; ii) deciso deliberatamente e in assenza di cause impeditive (malattie e/o infortuni accertati) di non partecipare alle sedute di allenamento della squadra in programma per le giornate del 11.11.21 e 12.11.21 presso il Centro Sportivo di Cesano Maderno in uso alla propria Società di appartenenza…..Ritiene poi il Collegio che, nel merito, le incolpazioni contestate dalla Procura Federale trovino puntuale riscontro negli atti sia pure sotto diverso profilo normativo. I Calciatori ….fungevano da “scorta” del Direttore Generale sig. …. e ne erano il “braccio operativo”, sia in campo che negli spogliatoi in assenza di questi, operando con insulti e minacce e, in particolare l’…., anche con aggressioni fisiche.

Decisione C.F.A. – Sezione I : Decisione pubblicata sul CU n. 0083/CFA del 9 Maggio 2022 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Territoriale del Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Com. Uff. n. 97 del 31 marzo 2022

Impugnazione – istanza: Procura Federale/M.U. - ASD Calcio Ruda

Massima: Accolto il reclamo della procura federale e per l’effetto sanzionato con l’inibizione di mesi 6 il presidente per la violazione dell’art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva in relazione a quanto disposto dall’art. 37, comma 1, delle N.O.I.F. per avere consentito, e comunque non impedito, che i sig.ri ….. svolgessero, il primo, il ruolo di dirigente accompagnatore ufficiale della società ASD Calcio Ruda, il secondo, il ruolo di assistente all’arbitro della società e il terzo il ruolo di massaggiatore, nonostante nessuno di loro fosse tesserato per la società ASD Calcio Ruda, come accertato, in occasione di ben 28 gare. Anche la società è sanzionata con l’ammenda di € 400,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 110/TFN - SD del 17 Marzo 2022  (motivazioni)

Impugnazione: Deferimento n. 6304/214pf21-21/GC/GR/ff del 24 febbraio 2022 nei confronti dei sigg.ri A.C., A.C. e della società FC PSG ASD - Reg. Prot. 104/TFN-SD

Massima: A seguito di patteggiamento ex art. 127 CGS, giorni 20 di inibizione al Dirigente Accompagnatore per la violazione del disposto di cui agli artt. art. 4, comma 1 e 21 comma 9 del Codice di Giustizia Sportiva, per avere, in data 3 ottobre 2021, in occasione della gara PSG-FC Marmirolo valida per il campionato di 1° categoria girone H organizzato dal CR Lombardia della LND consentito o, comunque, non impedito al sig. …. di: a) accedere all’area spogliatoi in costanza di squalifica inflitta dal Giudice Sportivo e pubblicata con C.U. 19 del 30 settembre 2021; b) accedere all’area adiacente al terreno di gioco e posizionarsi dietro la recinzione a ridosso delle panchine; A seguito di patteggiamento ex art. 127 CGS, 1 giornata di squalifica al calciatore per la violazione del disposto di cui agli artt. art. 4, comma 1 e 22 comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, per non essersi presentato, pur convocato in più occasioni, a rendere dichiarazioni alla Procura Federale senza giustificazione. A seguito di patteggiamento ex art. 127 CGS ammenda di € 400,00 alla società a titolo di responsabilità oggettiva ai sensi dell’art. 6, comma 2 del Codice di Giustizia Sportiva

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 109/TFN - SD del 14 Marzo 2022  (motivazioni)

Impugnazione: Deferimento n. 3385/ 737 pf 20-21/GC/am del 15 novembre 2021 nei confronti del sig. M.N. e della società ASD Calcio Biancavilla 1990 - Reg. Prot. 61/TFN-SD

Massima: Mesi 4 (quattro) di squalifica al preparatore dei portieri per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità nonché dei doveri di osservanza degli atti e delle norme federali di cui all’art. 4, comma 1, del CGS per aver posto in essere comportamenti violenti nei confronti del Dirigente Accompagnatore ufficiale del Castrovillari il Sig. …. prima dell’inizio della gara tra Biancavilla e Castrovillari del 14.04.2021 valevole per il Campionato di Serie D – Girone “I”. La società è sanzionata con euro 3.000,00 di ammenda…Per dichiarare la responsabilità da parte del soggetto incolpato di una violazione disciplinare sportiva non è necessaria la certezza assoluta della commissione dell’illecito, né il superamento di ogni ragionevole dubbio, come nel processo penale, ma può ritenersi sufficiente un grado inferiore di certezza, ottenuta sulla base di indizi gravi, precisi e concordanti, in modo tale da acquisire una ragionevole certezza in ordine alla commissione dell’illecito (Corte federale d’appello, Sezione I, decisione n. 14/CFA/2020/2021; Sezioni unite, decisione n. 19/CFA/2020/2021; Sez. I, decisione n. 83/CFA/2020/2021; Sezioni unite, decisione n. 105/CFA/2020/2021).

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 72/TFN - SD del 20 Dicembre 2021  (motivazioni)

Impugnazione - Deferimento n. 3793 / 206pf21-22/GC/ep del 26 novembre 2021 nei confronti del sig. G.U. - Reg. Prot. 71/TFN-SD

Massima: Giorni 15 di inibizione al dirigente per la violazione dell’art. 4, comma 1, e dell’art. 37 CGS per non aver pronunciato, nel corso della gara, al 96° minuto, le parole “fischia è finita” cui seguiva una bestemmia.

Decisione C.F.A. – Sezioni Unite : Decisione pubblicata sul CU n. 0035/CFA del 05 Novembre 2021 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Giudizio di rinvio ex art. 62, comma 2, C.G.S. C.O.N.I., disposto dal Collegio di Garanzia dello Sport presso il C.O.N.I. – Prima Sezione - con la decisione n. 70 del 31 agosto 2021, concernente la decisione della Corte Federale d'Appello n. 105/CFA/2020-2021 dell'11 maggio 2021

Impugnazione – istanza: Sig. M.M.-Procura Federale

Massima: A seguito del giudizio di rinvio da parte del Collegio di Garanzia del CONI, viene accolto il reclamo della Procura Federale e per l’effetto confermata la decisione della CFA che, in riforma della decisione di proscioglimento del TFN, aveva squalificato per 10 giornate effettive al calciatore per la violazione degli artt. 4, comma 1, e 28, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per violazione dei doveri di lealtà, probità e correttezza e, segnatamente per avere, alla fine del primo tempo della gara Pisa S.C. 1909 – Chievo Verona del 22 dicembre 2020, a seguito di un’azione di gioco e di un diverbio verbale, utilizzato parole di contenuto discriminatorio e denigratorio per motivi di razza nei confronti del calciatore …. del Chievo Verona, proferendo le seguenti parole “la rivolta degli schiavi”». …. il Collegio ritiene di non doversi discostare dalle conclusioni cui questa Corte era giunta con la più volte citata decisione n. 105/CFA/2020-2021, nel senso della affermazione della responsabilità del Sig. M. rispetto al fatto contestato, e tanto anche in applicazione del consolidato principio secondo cui nei procedimenti di giustizia sportiva “il valore probatorio sufficiente per appurare la realizzazione di un illecito disciplinare si deve attestare ad un livello superiore alla semplice valutazione di probabilità, ma inferiore all’esclusione di ogni ragionevole dubbio”. Non può poi dubitarsi circa la riconduzione della frase incriminata nell’alveo delle condotte sanzionate ai sensi dell’articolo 28 CGS, trattandosi di una odiosa espressione denigratoria e discriminatoria per ragioni di razza. Non vale a negare la responsabilità dell’atleta, rispetto al fatto contestato, la circostanza, più volte richiamata dalla difesa del reclamato, circa una condotta di vita da parte di quest’ultimo ispirata in senso contrario a forme di discriminazione razziale. La responsabilità accertata nella presente sede attiene invero esclusivamente allo specifico fatto contestato, non anche alla generale personalità o alla stile di vita dell’incolpato. Di ciò, del resto, anche nella presente composizione la Corte intende tenere conto disponendo l’applicazione della squalifica per 10 giornate, corrispondenti al minimo previsto dall’articolo 28, comma 2, CGS, e senza l’applicazione di sanzioni pecuniarie. Per quanto concerne, poi, la richiesta applicazione delle circostanze attenuanti di cui all’articolo 13, comma 2, CGS, ritiene il Collegio che non ve ne siano i presupposti. Si tratta invero di circostanze certamente atipiche, nel senso che non sono previamente indicate dalla disposizione, ma che non possono essere “generiche”, come sembra assumere la parte reclamata, quanto alla loro prospettazione; tanto ciò è vero che il Collegio  è tenuto ad espressamente  motivare su di esse e se, come nel caso di specie, la valutazione sulla sussistenza di circostanze attenuanti è sollecitata dalla parte, la stessa è anche onerata di una puntuale loro illustrazione…Nel caso in esame…. il Collegio di Garanzia…accoglieva il ricorso con riferimento al motivo relativo alle modalità di acquisizione delle prove, per violazione del principio del contraddittorio, “elevato a rango costituzionale ai sensi della legge n. 2 del 23 novembre 1999”  e comunque, ad avviso del Collegio di Garanzia, applicabile al processo sportivo in virtù del rinvio “alle norme generali del processo civile operato con il comma 6 dell’art. 2 del CGS CONI”. Tale principi non sono stati rispettati, ha statuito il Collegio di Garanzia, in quanto “ l’utilizzo dei poteri officiosi in tema di istruzione probatoria, da parte dei giudici federali ex art. 9 e 36 CGS CONI, non può spingersi, come accaduto nel caso di specie, fino a demandare alla Procura Federale l’acquisizione di testimonianze senza che la controparte interessata venisse messa nelle condizioni di esaminare in contraddittorio i testimoni indicati dagli stessi giudici federali. Invero, l’art. 60, comma 6, CGS FIGS dispone che «Lo svolgimento della testimonianza è regolato dall'organo giudicante. Le domande sono rivolte ai testimoni solo dall'organo giudicante; le parti potranno rivolgere all'organo giudicante istanze di chiarimenti, nei limiti di quanto strettamente necessario all’accertamento del fatto controverso. L'organo giudicante, alla fine della testimonianza, chiede alle parti se vi siano ulteriori domande proponendole, ove lo ritenga utile ai fini del decidere, al testimone». Orbene, nel caso di specie risulta evidente che la CFA ha fondato la propria decisione sulle dichiarazioni testimoniali raccolte dalla Procura Federale senza che all’assunzione di tali prove partecipasse il M., che, a maggior ragione considerando il diverso rilievo attribuito dal Giudice di prime cure alle dichiarazioni testimoniali già acquisite, doveva essere messo in condizione di esercitare i diritti disciplinati dal testé citato comma 6 dell’art. 60 CGS FIGC”. “In altre parole”, ha osservato dunque il Collegio di Garanzia, “il fatto che la CFA potesse disporre di ufficio le prove, eventualmente delegandone l’acquisizione anche alla Procura Federale, non esimeva certo dal doversi rispettare le regole del contraddittorio in sede di assunzione di dette <prove> delegate”. Ulteriormente, è stato anche ritenuto rilevante, nella evidenziata prospettiva della violazione del principio del contraddittorio, il “fatto che la Procura Federale” abbia trasmesso “la documentazione e gli scritti contenenti le testimonianze il 16 aprile 2021, nella forma di atti di indagine sottoposti a segreto istruttorio, e l’udienza di discussione si sia celebrata il 5 maggio 2021”, dunque senza che l’incolpato avesse la possibilità “di produrre ulteriori deduzioni difensive ai sensi dell’art. 62, comma 4, CGS”. Di qui “l’annullamento con rinvio della decisione della Corte Federale di Appello impugnata, affinché la stessa Corte, in diversa composizione, provveda, nell’esercizio dei poteri dei poteri di indagine e di accertamento ad essa demandati dall’art. 50, comma 3, del CGS FIGC, all’escussione dei testimoni in coerenza con l’art. 60, comma 6, dello stesso Codice, a mente del quale «Lo svolgimento della testimonianza è regolato dall'organo giudicante. Le domande sono rivolte ai testimoni solo dall'organo giudicante; le parti potranno rivolgere all'organo giudicante istanze di chiarimenti, nei limiti di quanto strettamente necessario all’accertamento del fatto controverso. L'organo giudicante, alla fine della testimonianza, chiede alle parti se vi siano ulteriori domande proponendole, ove lo ritenga utile ai fini del decidere, al testimone»”.

Decisione C.F.A. – Sezione I : Decisione pubblicata sul CU n. 0032/CFA del 05 Novembre 2021 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Nazionale, sezione disciplinare n. 0034/TFNSD-2021-2022 del 27.9.2021

Impugnazione – istanza: A.S.D. Biancavilla 1990 Sporting-sig. S.A.-Procura Federale

Massima: Ridotta da mesi 9 a mesi 6 l’inibizione a carico del dirigente sanzionato per la violazione di cui agli artt. 4, comma 1, e 5, comma 1, del CGS, in relazione all’art. 39, comma 3, perché - in occasione della gara di campionato LND di serie D rivolgeva frasi offensive e minacciose all’indirizzo del calciatore tesserato con la società, nonché per aver impedito allo stesso calciatore l'accesso allo stadio. Per l’effetto ridotta alla società l’ammenda di € 1.200,00 ad € 600,00… Quanto al trattamento sanzionatorio, ritiene la Corte che esso debba essere mitigato, in quanto la pur riprovevole condotta tenuta dal S. deve essere considerata come una reazione (arbitraria e certamente sproporzionata) alla condotta, parimenti riprovevole, tenuta da I. nel corso della gara di andata. Invero che quest’ultimo avesse tenuto un comportamento intemperante e offensivo è testimoniato dalla squalifica subita, circostanza che, se pure non provata per tabulas, posto che essa appare incontestata dallo stesso I. e dai suoi compagni e dirigenti di squadra.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 37/TFN - SD del 01 Ottobre 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 1232/632pf20-21/GC/am del 25.8.2021 nei confronti del Sig. T.F. e della società ASD Catanzaro Futsal - Reg. Prot. 22/TFN-SD

Massima: Per mancanza di prove il Presidente della società non è responsabile della violazione di cui agli artt. 4, comma 1, e 5 comma 1 del CGS, ovvero dei principi di lealtà, correttezza e probità e del principio di responsabilità delle persone fisiche soggette all'ordinamento federale, in relazione all’art. 39 comma 3 (condotta gravemente antisportiva) del CGS, per avere, (in occasione della gara di calcio a 5, Catanzaro Futsal-Atletico Canicattì, del 27.2.2021, valevole per il campionato di serie B C5, girone H, disputato in Catanzaro presso il Palasport Stefano Gallo), rivolto al presidente della squadra avversaria, con tono minaccioso, la seguente frase: "Presidente, non sono responsabile di quello che vi potrebbe accadere quando uscite dal Palazzetto”…Ai fini della valutazione delle condotte, è opportuno in via preliminare porre in rilievo che la dichiarazione della persona offesa, per essere posta a fondamento della responsabilità del deferito, deve essere valutata in modo rigoroso e con la dovuta cautela, dovendo essere corroborata da un'approfondita indagine circa l'attendibilità delle propalazioni rese e finalizzata a vagliare la credibilità soggettiva del dichiarante e l'attendibilità intrinseca del suo racconto. Con particolare riguardo alla verifica oggettiva, occorre accertare se la narrazione si presenti logica, verosimile e coerente in riferimento ai fatti oggetto di giudizio, alle persone eventualmente coinvolte e alle altre circostanze utili per individuare l'interazione tra soggetto agente e persona offesa nonché se le dichiarazioni della persona offesa risultino contraddittorie e/o non corroborate da ulteriori elementi e riscontri istruttori utili. L’esito negativo dell’indagine rende le dichiarazioni di parte offesa insufficienti per l'affermazione della responsabilità del deferito e quindi liberamente valutabili dal giudice nell'ambito delle complessive risultanze istruttorie. Allo stesso modo, la testimonianza di persone legate da un vincolo con la persona offesa, che sia familiare o anche associativo - ed in questo caso inerente rapporti interni all’associazione sportiva -, deve essere vagliata in modo rigoroso, risultando attendibile solo se la narrazione è lineare, priva di contraddizioni e sostenuta da ulteriori elementi di prova, come ad esempio da documenti, video o da altre testimonianze. Delineate le suddette coordinate ermeneutiche, per quanto concerne la contestazione relativa al contegno minaccioso tenuto dal Sig. T. F., concretizzatosi nella pronuncia della frase oggetto di deferimento, questo Collegio ritiene che non sussista un adeguato riscontro probatorio di siffatto comportamento. Infatti, le dichiarazioni della parte offesa non hanno trovato ulteriori utili riscontri, essendo state confermate - per giunta non compiutamente, ossia non in tutte le circostanze di fatto - da due tesserati della società Atletico Canicattì e, parallelamente, smentite dai tesserati della società Catanzaro Futsal e comunque non confermate né dalle dichiarazioni del Commissario di campo né dal video esaminato dalla Procura. In particolare, il Dirigente Sig. T. T.della società Atletico Canicattì, riferisce di aver direttamente sentito pronunciare la frase in questione dal deferito, ma la contestualizza alla fine del primo tempo, laddove viceversa sarebbe stata pronunciata alla fine del secondo tempo. Il giocatore D. C., anch’egli tesserato della società Atletico Canicattì, afferma che erano stati intimoriti dal Presidente della società Catanzaro durante il secondo tempo, ma non ricorda con esattezza la frase pronunciata con tono minaccioso. Viceversa, le dichiarazioni della parte offesa e dei tesserati appartenenti alla medesima società della parte offesa risultano sostanzialmente contraddette dalle dichiarazioni del deferito Sig. T. che nega di aver pronunciato tale frase ed anzi afferma di essersi allontanato dalla tribuna a fine partita “per andare a comprare le pizze per la squadra ospite”, momento in cui sarebbe avvenuto il fatto in contestazione. Allo stesso modo, il Sig. L. D., Dirigente accompagnatore della Società “ASD Catanzaro Futsal”, nega che il suo Presidente abbia minacciato il Presidente del Canicattì al termine della gara e, così, anche il Sig. M. G. – anch’egli tesserato col Catanzaro Futsal – dichiara di non aver sentito pronunciare la frase in contestazione dal Sig. T. riferendo, anzi, che il suo Presidente a fine partita non era presente in tribuna. In tale quadro probatorio caratterizzato da testimonianze diametralmente contrastanti rese dai tesserati di entrambe le società, si innestano altresì, per un verso, le dichiarazioni del Commissario di Campo Sig. E.P. che ha affermato che a fine gara, in sua presenza, non è stato rivolto nessun insulto o minaccia verso il Presidente del Canicattì e, per altro verso, le immagini del video esaminate dalla Procura in cui non si nota alcun comportamento irriguardoso del Presidente del Catanzaro nei confronti del Presidente del Canicattì e non si sentono neppure frasi minacciose o ingiuriose pronunciate in tribuna. Pertanto, il quadro probatorio è caratterizzato dalle dichiarazioni della parte offesa e, con contenuti non coerenti e generici, dei tesserati della medesima società della parte offesa che non sono corroborate da ulteriori elementi e riscontri istruttori come detto indispensabili, ma sono contraddette dalle dichiarazioni dei tesserati della società del deferito e non sono confermate infine né dal commissario di campo dell’arbitro né dal video esaminato. In definitiva, la contestazione dell’addebito non risulta adeguamente provata secondo le coordinate ermeneutiche sopra precisate.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 34/TFN - SD del 27 Settembre 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 1131/670 pf 20 21 /GC/am del 17.8.2021 nei confronti del Sig. A.S. e della società ASD Calcio Biancavilla 1990 - Reg. Prot. 20/TFN-SD

Massima: Mesi 9 di inibizione al dirigente della società per la violazione di cui agli artt. 4, comma 1, e 5, comma 1, del CGS, ovvero del principio di lealtà, correttezza e probità e del principio di responsabilità delle persone fisiche soggette all'ordinamento federale, in relazione all’art. 39, comma 3, (condotta gravemente antisportiva) del CGS, per avere (in occasione della gara di campionato LND di serie D girone I, Biancavilla - Gelbison disputatasi a Biancavilla - CT- in data 1.4.2021) rivolto frasi offensive e minacciose al calciatore tesserato con la società Gelbison, sig. I.F., nonché per aver impedito allo stesso calciatore l'accesso allo stadio. La società è sanzionata con € 1.200,00 di ammenda.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 25/TFN - SD del 7 Settembre 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 944/522pf20-21/GC/blp del 4 agosto 2021 nei confronti del sig. W.M. - Reg. Prot. 18/TFN-SD

Massima: Ammenda di € 1.500,00 al Dirigente accompagnatore della società per la violazione dell’art. 4, comma 1, e dell’art. 37 del C.G.S., per inosservanza dei doveri di lealtà, probità e correttezza, per avere, nel corso della gara FERMANA - SUDTIROL del 30 gennaio 2021, al 38’ minuto del primo tempo, alzandosi dalla panchina, pronunciato la seguente espressione blasfema “porco Dio”.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 21/TFN - SD del 10 Agosto 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: (Deferimento n. 110/589 pf20-21/GC/am del 5 luglio 2021 nei confronti del sig. G.A. - Reg. Prot. 2/TFN-SD)

Massima: Mesi 3 di inibizione al dirigente della società per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità nonché dei doveri di osservanza degli atti e delle norme federali di cui all’art. 4, comma 1 del CGS-FIGC, per aver rivolto dalla tribuna espressioni ingiuriose quali “scimmia”, nei confronti dell’assistente arbitrale nel corso della partita valevole per il Campionato di Serie D

Decisione Collegio di Garanzia dello Sport - C.O.N.I. –  Sezione Prima: Decisione n. 70 del 31/08/2021

Decisione impugnata: Decisione della CFA FIGC, di cui al C.U. n. 105/A dell'11 maggio 2021, con la quale, in accoglimento del reclamo presentato dalla Procura Federale FIGC contro la decisione del Tribunale Federale Nazionale, di cui al C.U. n. 117/TFN dell'8 marzo 2021, che aveva respinto il deferimento dell’organo requirente, è stata irrogata, in capo al suddetto ricorrente, la sanzione della squalifica per 10 giornate di gara, da scontarsi in gare ufficiali della FIGC, dal 6 maggio 2021 sino, quantomeno, al 15 settembre p.v.

Impugnazione Istanza: M. M./Federazione Italiana Giuoco Calcio/Procura Federale FIGC

Massima: La testimonianza in giudizio è regolata dalle norme sul contraddittorio. Accolto il ricorso e per l’effetto annullata la decisione della CFA, che, sulla base di testimonianze raccolte dalla procura federale su propria disposizione, aveva sanzionato il calciatore per “frase razzista” con rinvio alla stessa affinché la stessa Corte, in diversa composizione, provveda, nell’esercizio dei poteri dei poteri di indagine e di accertamento ad essa demandati dall’art. 50, comma 3, del CGS FIGC, all’escussione dei testimoni in coerenza con lart. 60, comma 6, dello stesso Codice, a mente del quale «Lo svolgimento della testimonianza è regolato dall'organo giudicante. Le domande sono rivolte ai testimoni solo dall'organo giudicante; le parti potranno rivolgere all'organo giudicante istanze di chiarimenti, nei limiti di quanto strettamente necessario allaccertamento del fatto controverso. L'organo giudicante, alla fine della testimonianza, chiede alle parti se vi siano ulteriori domande proponendole, ove lo ritenga utile ai fini del decidere, al testimone»……Benvero, infatti, il Codice della Giustizia Sportiva del CONI (la cui formulazione analoga è trasfusa nel CGS FIGC) prevede, da una parte, all’art. 9, comma 4, che «Il giudice può indicare alle  parti  ulteriori  elementi  di  prova  utili,  laddove  i  mezzi  istruttori  acquisiti  non  appaiano sufficienti per la giusta decisione. Sentite le parti, può assumere ogni altra informazione che ritiene indispensabile»; e, dall’altra, all’art. 36, comma 1: «Laddove ritenuto necessario ai fini del decidere, il collegio può disporre, anche dufficio, lassunzione di qualsiasi mezzo di prova», ma ciò non esonera dal rispetto delle forme vincolanti per la legittima acquisizione di dette prove.  Più esplicitamente, i giudici federali hanno il potere di indicare alle parti ulteriori elementi di prova utili, nonché di, una volta sentite le parti, assumere ogni altra informazione che ritengono indispensabile, sempre nell’ottica di pervenire, giova rimarcarlo, alla «giusta decisione», e ciò anche a mente della giurisprudenza della Corte costituzionale (Sentenza 26 marzo 1993, n. 111), secondo cui le disposizioni che consentono un allargamento del materiale probatorio da parte del giudice, derogando a quelle che si fondano, invece, sul principio iuxta alligata et probata, non si devono considerare lesive del diritto di difesa, ma anzi espressive della volondi  assicurare  pienezza  e  leal del  contraddittorio,  volontà,  questa,  presente  nel  processo sportivo, visto il costante interesse al pieno accertamento dei fatti e alla più volte citata giusta decisione. In tal guisa, il Collegio di Garanzia (decisioni nn. 15/2017, 83/2017 e 56/2018) ha già affermato come anche nel processo sportivo possono essere ammesse nuove prove, compresi i documenti, laddove utili a dissipare lo stato di incertezza sui fatti controversi, così da consentire, in sede di legittimità, il necessario controllo sulla congruità e sulla logicidel percorso motivazionale seguito e sulla esattezza del ragionamento adottato nella decisione impugnata (cfr. Cass. civ., sez. I, 20 aprile 2016, n. 7971). Infatti, vale la pena ricordare che, a mente dell’art. 2 del Codice della Giustizia Sportiva del CONI, i principi che ispirano il processo sportivo sono principi tesi alla piena tutela degli interessati secondo regole di informalità, pur facendo riferimento alle regole del processo civile, in quanto compatibili; ma questultima locuzione non può far perdere di vista che nell’ordinamento sportivo il fine principale da perseguire, al di dell’aspetto giustiziale pur fondamentale, è quello di affermare sempre e con forza i principi di lealtà, imparzialità e trasparenza, tipici del movimento sportivo e, quindi, è compito degli Organi di giustizia considerare meno stringenti le regole formali rispetto ad aspetti sostanziali, che siano utili all’accertamento dei menzionati valori. Ma, siffatta informalità, non «deve, però, essere confusa con mancanza di rigore» (Collegio di Garanzia, Sezioni Unite, decisione n. 89/2019). Ed invero, l’ordinamento processuale sportivo, tanto in considerazione delle specifiche disposizioni contenute nei codici e regolamenti federali, e tanto con l’esplicito rinvio alle norme generali del processo civile operato con il comma 6 dell’art. 2 del CGS CONI, può dirsi pacificamente fondato sui principi del contraddittorio e della disponibilità delle prove. Quanto all’obbligo del contraddittorio, elevato a rango costituzionale con la legge n. 2 del 23 novembre 1999, affinché lo stesso possa dirsi rispettato, è necessario sia che la parte venga messa a conoscenza dell’esistenza del processo e, per quanto di interesse nel caso che ci occupa, venga messa in condizione di avvalersi degli strumenti che lordinamento giuridico mette a disposizione per la difesa. Così discorrendo, «si ha violazione del principio del contraddittorioquando il giudice, valendosi dei poteri discrezionali previsti dal codice di rito, abbia ammesso una prova di fronte alla quale una delle parti sia stata priva di ogni possibilidi concreta difesa istruttoria…» (Cass. Civ., sez. I, 31 gennaio 2007, n. 2201). Ne consegue che, siano esse disposte dufficio dal giudice, che proposte dalle parti, le prove devono essere acquisite al processo nel rispetto del contraddittorio. Si concreta, perciò, una violazione o falsa applicazione dell’art. 115 c.p.c. quando il giudice di merito pone a fondamento della decisione prove non dedotte dalle parti o disposte dufficio al di fuori dei limiti legali (per tutte, Cass. Civ., Sez. lav., 3 novembre 2020, n. 24395; Sez. IV, 17 gennaio 2019, n. 1229), mentre, si ripete, si ha violazione del generale principio del contraddittorio quando alla parte non viene concessa la possibilidi concreta difesa istruttoria (in questi termini, Collegio di Garanzia, Sez. I, decisione n. 27/2021). Ebbene, nella prospettiva del ricorso per cui è causa, l’utilizzo dei poteri officiosi in tema di istruzione probatoria, da parte dei giudici federali ex art. 9 e 36 CGS CONI, non può spingersi, come accaduto nel caso di specie, fino a demandare alla Procura Federale l’acquisizione di testimonianze senza che la controparte interessata venisse messa nelle condizioni di esaminare in contraddittorio i testimoni indicati dagli stessi giudici federali. Invero, l’art. 60, comma 6, CGS FIGS dispone che «Lo svolgimento della testimonianza è regolato dall'organo giudicante. Le domande sono rivolte ai testimoni solo dall'organo giudicante; le parti potranno rivolgere all'organo giudicante istanze di chiarimenti, nei limiti di quanto strettamente necessario allaccertamento del fatto controverso. L'organo giudicante, alla fine della testimonianza, chiede alle parti se vi siano ulteriori domande proponendole, ove lo ritenga utile ai fini del decidere, al testimone». Orbene, nel caso di specie risulta evidente che la CFA ha fondato la propria decisione sulle dichiarazioni testimoniali raccolte dalla Procura Federale senza che all’assunzione di tali prove partecipasse il M., che, a maggior ragione considerando il diverso rilievo attribuito dal Giudice di prime cure alle dichiarazioni testimoniali già acquisite, doveva essere messo in condizione di esercitare i diritti disciplinati dal testé citato comma 6 dell’art. 60 CGS FIGC. A tal proposito, va anche detto che non sfugge certo a questo Collegio il fatto che la stessa CFA si  è  dimostrata  ben  consapevole  della  inutilizzabili di  dette  dichiarazioni  come  prove testimoniali, tanto da ricondurre la motivazione del proprio convincimento ad un quadro presuntivo di insieme. Ciò, tuttavia, non risolve la questione della illegittima acquisizione delle dichiarazioni testimoniali, giacché, anche nella prospettivdi una utilizzazione  alla stregua di presunzioni, le stesse scontano il vizio della non equiparabilità a fatti certi da cui desumere quelli incerti (le presunzioni), atteso che le risultanze di dette prove non potevano essere ritenute certe a causa del mancato rispetto dell’obbligo di contraddittorio. Si coglie, pertanto, un chiaro travisamento – in cui è incorso il Giudice Federale di secondo grado – tra la piena legittimità della acquisizione dufficio delle prove e il regime legale cui nondimeno la formazione di dette prove doveva uniformarsi. In altre parole, il fatto che la CFA potesse disporre di ufficio le prove, eventualmente delegandone l’acquisizione anche alla Procura Federale, non esimeva certo dal doversi rispettare le regole del contraddittorio in sede di assunzione di dette “prove” delegate. Né tale vizio può dirsi superato – come si sostiene nella decisione oggetto del presente gravame– per il fatto che siano state accolte, sempre in secondo grado, le istanze istruttorie proposte dall’odierno ricorrente, atteso che queste venivano assunte in un contesto processuale del tutto distinto da quello nel quale, fuori udienza, venivano raccolte le dichiarazioni testimoniali demandate all’attividi indagine della Procura Federale. Di più, rileva il fatto che la Procura Federale trasmetteva la documentazione e gli scritti contenenti le testimonianze il 16 aprile 2021, nella forma di atti di indagine sottoposti a segreto istruttorio, e l’udienza di discussione si celebrava il 5 maggio 2021. Nessuna possibilità, dunque, veniva data all’odierno ricorrente di produrre ulteriori deduzioni difensive ai sensi dell’art. 62, comma 4, CGS. Ne consegue che la violazione degli artt. 9, comma 4, 36, comma 2, CGS CONI, 50, comma 3, CGS FIGC, 63, comma 3, e 60 CGS FIGC è, nel caso di specie, idonea ad inficiare la legittimità della decisione adottata, anche liddove si volesse condividere la tesi, diffusamente tratta nella decisione della CFA, secondo cui, ai fini di pervenire ad un giudizio di colpevolezza, non si richiede doversi accertare, in modo assoluto, la commissione dell’illecito, né che si possa escludere ogni ragionevole dubbio, atteso che, nel caso che ci occupa, il rilevante error in procedendo – di cui si è detto – non riguarda la formazione del convincimento del giudice, bensì la legittima acquisizione delle prove sulle quali detto convincimento si è formato.

Massima:non può non rimarcarsi con forza la necessità, per la giustizia sportiva nel suo complesso considerata, di contrastare  e punire  tutti i comportamenti discriminatori, di ogni genere e tipologia, volti a negare il diritto di ciascuno ad essere riconosciuto quale persona libera ed eguale, anche in attuazione del principio del mutuo rispetto, posto a base di ogni convivenza civile e democratica. La condotta discriminatoria, del resto, si sostanzia in ogni forma di discriminazione dei diritti fondamentali della persona, che non pnon provocare una dura reazione non solo da parte dell'ordinamento giuridico generale, ma anche da parte di quello sportivo, anche alla luce degli inequivoci principi posti dalla Costituzione in materia: «nel caso dellordinamento sportivo gli obblighi di lealtà, correttezza, non violenza, non discriminazione, appaiono interpretare lessenza stessa dellordinamento al punto che la loro violazione si traduce nella negazione stessa dellattività sportiva» (Collegio di Garanzia, Sezione Consultiva, parere n. 8/2016), il che impone il massimo rigore nel sanzionare le condotte che comportino offesa, denigrazione o insulto, per motivi di razza, colore, ecc., purché ciò consegua ad un giusto processo.

Decisione C.F.A. – Sezioni Unite: Decisione pubblicata sul CU n. 114/CFA del 18 Giugno 2021 (motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale federale nazionale n. 149/TFN – SD 2020-2021 del 18.5.2021

Impugnazione – istanza:  Sig. S.C./Procura Federale

Massima: Confermata la sanzione di 10 giornate di squalifica da scontarsi in gare ufficiali al calciatore per aver rivolto un insulto razzista "nero di merda" al giocatore della squadra avversaria nel corso della partita e, dunque per aver violato gli  artt. 4, comma 1, 28, commi 1 e 2, del C.G.S. - Codice di giustizia sportiva nonchè per violazione dei doveri di lealtà, probità e correttezza….Il procedimento disciplinare svoltosi a carico del giocatore … non è stato un procedimento indiziario; il fatto contestato risulta accertato sulla base delle dichiarazioni del giocatore offeso e di un testimone, suo compagno di squadra. Assumono rilevanza, pertanto, principi consolidati in giurisprudenza, specialmente in sede penale; in particolare:a) il fatto contestato può essere ritenuto provato anche se il quadro probatorio sia formato dalle sole dichiarazioni della persona offesa, purché sia sottoposta a vaglio positivo circa la sua attendibilità e senza la necessità della presenza di riscontri esterni (cfr. Cass. pen., sez. 5, 13 febbraio 2020, n. 12920; Sez. Unite, 19 luglio 2012, n. 41461).Tale orientamento, del resto, è quello seguito da questa Corte federale d’appello (sez. IV, n. 66-2019/2020; sez. I, n. 118-2019/2020). Nel caso di specie, peraltro, come detto, il quadro probatorio si compone non solo delle dichiarazioni del giocatore offeso, ma anche di quelle del compagno di squadra testimone dell'accaduto;b) le dichiarazioni rese dalla persona offesa (ma il medesimo ragionamento vale per il testimone) per essere utilizzate dal giudice devono essere credibili, oltre ad avere ad oggetto fatti di diretta cognizione e specificatamente indicati (cfr. Cass. pen., sez. 1, 12 dicembre 2019, n. 7898).

Decisione C.F.A. – Sezione I: Decisione pubblicata sul CU n. 105/CFA del 11 Maggio 2021 (motivazioni)

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Nazionale (Sezione Disciplinare), n. 117/TFNSD/2020/2021, pubblicata in data 8.3.2021

Impugnazione – istanza:  Procura federale/M.M.

Massima: Accolto il reclamo e per l’effetto riformata la decisione di proscioglimento per insussistenza di prove ed inflitta a calciatore la squalifica per 10 giornate di gare per la violazione degli artt. 4, comma 1, e 28, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per violazione dei doveri di lealtà, probità e correttezza e, segnatamente per avere, alla fine del primo tempo della gara Pisa S.C. 1909 – Chievo Verona del 22 dicembre 2020, a seguito di un’azione di gioco e di un diverbio verbale, utilizzato parole di contenuto discriminatorio e denigratorio per motivi di razza nei confronti del calciatore O. J. C. del Chievo Verona, proferendo le seguenti parole “la rivolta degli schiavi”»….Tra i “principi fondamentali” previsti dall’art. 2 dello Statuto della FIGC, al quinto comma, è declinato il principio di non discriminazione, secondo cui «La FIGC promuove l’esclusione dal giuoco del calcio di ogni forma di discriminazione sociale, di razzismo, di xenofobia e di violenza». Trattasi di disposizione di principio, con finalità di ordine programmatico, che trova una compiuta realizzazione nell’art. 28 del codice di giustizia sportiva (d’ora innanzi, CGS), che così dispone: «Costituisce comportamento discriminatorio, sanzionabile quale illecito disciplinare, ogni condotta che, direttamente o indirettamente, comporti offesa, denigrazione o insulto per motivi di razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine etnica, ovvero configuri propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori». La laconicità della disposizione - che si limita a qualificare come discriminatorio ogni comportamento che, direttamente o indirettamente, rechi offesa, denigrazione o insulto per motivi di razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità o origine etnica, ovvero configuri propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori - è il risultato lessicale di un difficile bilanciamento tra la necessità di evidenziare con inequivoca chiarezza i valori oggetto di tutela e l’opportunità di delineare una fattispecie tipica che si connoti per i caratteri della generalità e dell’astrattezza. Come osservato dal Giudice di prime cure, il legislatore, con la citata previsione, ha voluto imprimere alla disciplina delle competizioni calcistiche un regime di doppia tutela, vale a dire: a) in funzione preventiva, prevedendosi al comma 6 che prima dell’inizio della gara la società ospitante avverta il pubblico “delle sanzioni previste a carico della stessa società in conseguenza a comportamenti discriminatori posti in essere da parte dei sostenitori”, costituite dall’ammenda ai sensi dell’art. 8, comma 1 del codice di giustizia sportiva; b) in funzione repressiva di comportamenti che, in quanto discriminatori, determinino una compromissione della personalità dell’uomo come singolo e come soggetto di comunità, in entrambi i casi ledendosi un patrimonio di valori fondamentali per motivi di “razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine etnica, condizione personale o sociale” o per condotte che siano in grado di concorrere al dilagare di una cultura contraria al bene protetto sotto forma di “propaganda ideologica”. In sintesi, traspare la volontà dell’ordinamento federale di contrastare e punire tutti i comportamenti discriminatori, di ogni genere e tipologia, volti a negare il diritto di ciascuno ad essere riconosciuto quale persona libera ed eguale, anche in attuazione del principio del mutuo rispetto, posto a base di ogni convivenza civile e democratica. La condotta discriminatoria, del resto, si sostanzia in ogni forma di discriminazione dei diritti fondamentali della persona, che non può non provocare una dura reazione da parte non solo dell'ordinamento giuridico generale, ma anche da parte di quello sportivo, anche alla luce degli inequivoci principi posti dalla Costituzione in materia (così, Corte Federale d’Appello Sezioni Unite C.U. n. 090//Cfa 2017/2018). In tale prospettiva, la nozione di comportamento discriminatorio elaborata dal legislatore federale risulta coerente ed in sintonia con quella adottata dagli organismi e dalle istituzioni internazionali. In particolare, il nostro Paese ha recepito la convenzione internazionale in tema di eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale (Convenzione di New York del 1966), mentre, in ambito europeo, la CEDU (Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, 1950) statuisce, all'art. 14: «Il godimento dei diritti e delle libertà riconosciuti nella presente Convenzione deve essere assicurato senza nessuna discriminazione, in particolare quelle fondate sul sesso, la razza, il colore, la lingua, la religione, le opinioni politiche o quelle di altro genere, l’origine nazionale o sociale, l’appartenenza a una minoranza nazionale, la ricchezza, la nascita od ogni altra condizione». Analogo il contenuto dell'art. 21 della Carta dei diritti fondamentali della Unione europea (proclamata a Nizza il 7 dicembre 2000) e degli artt. 2 e 7 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo (proclamata il 10 dicembre 1948). Quanto allo specifico contesto normativo sportivo internazionale, la Carta olimpica statuisce l’incompatibilità con l’appartenenza al Movimento olimpico di qualsiasi forma di discriminazione verso un Paese o una persona, sia essa di natura razziale, religiosa, politica, di sesso o altro. E’, altresì, previsto che i Comitati Nazionali Olimpici si impegnano ad agire contro ogni forma di discriminazione e di violenza nello sport. La disciplina UEFA ha tra i suoi obiettivi quello della promozione del giuoco del calcio in uno spirito di pace, comprensione, fair play, senza alcuna discriminazione in materia politica, di genere, di religione, di razza o di ogni altra ragione. In particolare, la UEFA definisce discriminazione l’insulto alla dignità umana della persona o del gruppo, effettuato, con qualsiasi mezzo, per ragioni riferibili alla razza, al colore della pelle, alla religione, alle origini etniche o per ogni altra ragione. Nella medesima direzione si muovono lo statuto FIFA, ove è vietata la discriminazione di un paese, di un individuo o di un gruppo di persone, il codice etico FIFA, che dispone che le persone alle quali si applica il testo – ovvero i funzionari, i giocatori, gli agenti organizzatori degli incontri e gli agenti dei giocatori – non possono offendere la dignità o l’integrità di un paese di una persona o di un gruppo di persone mediante parole o azioni di disprezzo, discriminanti o denigratorie, ed il codice disciplinare FIFA, nella cui ultima edizione, sono state inasprite le pene in caso di insulti e comportamenti discriminatori all’interno degli stadi. Anche il CONI, infine, codifica il principio di non discriminazione, laddove impone a tutti i soggetti dell’ordinamento sportivo l’obbligo di astenersi da qualsiasi comportamento discriminatorio in relazione alla razza, all’origine etnica o territoriale, all’età, al sesso, alla religione, alle opinioni personali, anche politiche ed assume e promuove le opportune iniziative contro ogni forma di discriminazione e di violenza nello sport. In tale contesto, dunque, emerge che anche nell'ambito dell'ordinamento sportivo si è sentita l'esigenza di dare adeguata tutela alla dignità ed alla libertà di tutti e di ciascuno a prescindere dalla religione, dall’appartenenza etnica e territoriale, dal colore della pelle. Premesso quanto sopra sul piano dogmatico, e trasponendo le indicate coordinate normative ed ermeneutiche al caso in esame, questa Corte ritiene che l’espressione la “rivolta degli schiavi” integri gli estremi del comportamento discriminatorio, previsto e punito dall'art. 28 CGS, in quanto volta ad attribuire al destinatario dell’offesa una condizione di inferiorità, connotata da ostilità discriminatoria a sfondo razziale. Rilevato pertanto il contenuto discriminatorio e denigratorio della frase in questione, occorre passare allo scrutinio del reclamo, onde verificare, sul piano degli effetti, l’ascrivibilità della condotta contestata al sig. M.M. In ambito esofederale è stato affermato che per dichiarare la responsabilità da parte del soggetto incolpato di una violazione disciplinare sportiva non è necessaria la certezza assoluta della commissione dell’illecito, né il superamento di ogni ragionevole dubbio, come nel processo penale, ma può ritenersi sufficiente un grado inferiore di certezza, ottenuta sulla base di indizi gravi, precisi e concordanti, in modo tale da acquisire una ragionevole certezza in ordine alla commissione dell’illecito (cfr. ex multis, i lodi del 23 giugno 2009, Ambrosino c/ FIGC; 26 agosto 2009, Fabiani c/ FIGC; 3 marzo 2011, Donato c/ FIGC; 31 gennaio 2012, Saverino c/ FIGC; 2 aprile 2012, Juve Stabia e Amodio c. FIGC; 24 aprile 2012, Spadavecchia c/ FIGC; 26 aprile 2012, Signori c/ FIGC; 10 ottobre 2012, Alessio c/ FIGC). Nella stessa direzione è ormai consolidato l’orientamento della giurisprudenza federale secondo cui per ritenere la responsabilità da parte del soggetto incolpato di una violazione disciplinare sportiva «non è necessaria la certezza assoluta della commissione dell’illecito, né il superamento di ogni ragionevole dubbio, come nel processo penale, ma può ritenersi sufficiente un grado inferiore di certezza, ottenuta sulla base di indizi gravi, precisi e concordanti, in modo tale da acquisire una ragionevole certezza in ordine alla commissione dell’illecito» (Corte Federale d’Appello, Sezioni Unite, registro decisioni n. 019/2020-2021). Questa Corte ha avuto modo di affermare che «la prova di un fatto, specialmente in riferimento ad un illecito sportivo, può anche essere e, talvolta, non può che essere, logica piuttosto che fattuale» (CGF, 19 agosto 2011, C.U. n. 47/CGF del 19 settembre 2011). Tale definizione dello standard probatorio ha ricevuto, nell’ordinamento sportivo, una codificazione espressa in materia di violazione delle norme anti-doping, laddove si prevede che il grado di prova richiesto, per poter ritenere sussistente una violazione, deve essere comunque superiore alla semplice valutazione della probabilità, ma inferiore all’esclusione di ogni ragionevole dubbio (cfr. ad es. l’art. 4 delle Norme Sportive Antidoping del CONI, in vigore dal 1 gennaio 2009). A tale principio vigente nell’ordinamento deve assegnarsi una portata generale, sicché deve ritenersi che – come sopra detto - per affermare la responsabilità da parte del soggetto incolpato di una violazione disciplinare sportiva non è necessaria la certezza assoluta della commissione dell’illecito – certezza che, peraltro, nella maggior parte dei casi sarebbe una mera astrazione – né il superamento del ragionevole dubbio, come nel diritto penale, ma è sufficiente un grado inferiore di certezza, ottenuta sulla base di indizi gravi, precisi e concordanti, in modo tale da acquisire una ragionevole certezza in ordine alla commissione dell’illecito. Così precisato, dunque, il criterio di valutazione del materiale probatorio applicabile al presente procedimento, il Collegio è chiamato a verificare se gli elementi di prova raccolti consentano di ritenere sussistenti a carico del sig. M. M., secondo lo standard probatorio indicato, le violazioni di cui agli artt. 4, comma 1, e 28, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per aver avere utilizzato parole di contenuto discriminatorio e denigratorio per motivi di razza nei confronti del calciatore O. J. C.del Chievo Verona.

 

Decisione C.F.A. – Sezione Unite: Decisione pubblicata sul CU n. 91/CFA del 6 Aprile 2021 (motivazioni)

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare n. 108/TFN-SD 2020/2021 del 23 febbraio 2021

Impugnazione – istanza:  Procura Federale/Sig. B.G.

Massima: Sussiste la competenza del Tribunale a giudicare in merito al deferimento del calciatore relativo alla violazione degli artt. 4, comma 1, e 37 del C.G.S., per avere, nel corso della gara Parma – Juventus all’80' minuto di gioco circa, rivolgendosi al compagno di squadra ….., pronunciato una frase contenente un’espressione blasfema.  Riferiva la Procura federale che la gara era stata diffusa in diretta dall'emittente DAZN ed era stata affidata al commento di due telecronisti e di altri collaboratori a bordo campo. Durante la stessa, intorno all'80° minuto (corrispondente al 35° minuto del secondo tempo), dopo un tiro in porta ad opera di un calciatore del Parma che sorvolava la traversa, il portiere,s ignor …, a giuoco fermo, mentre si accingeva a battere una rimessa dal fondo, aveva rivolto al compagno di squadra … alcune parole a voce alta che venivano però coperte dalla voce del commentatore che, avendo a sua volta sentito - in sottofondo - parlare il deferito, chiedeva, unitamente al collega, alla collaboratrice di bordo campo di riferire loro cosa avesse detto il portiere, ricevendone una risposta generica (veniva detto loro che il deferito aveva invitato i compagni a farsi vedere ed a non abbassare la tensione del gioco).  La frase del signor B. non era percepita dagli ufficiali di gara né dal collaboratore della Procura federale, e non veniva dunque portata a conoscenza del Giudice Sportivo. Conseguentemente, la Procura federale, non si avvaleva della disposizione di cui all’art. 61, c. 3°, (in forza della quale può tramettere al Giudice Sportivo di Serie A, limitatamente a fatti di condotta violenta o gravemente antisportiva o concernenti l'uso di espressione blasfema non visti dall'arbitro o dal VAR, una riservata segnalazione entro le ore 16.00 del giorno feriale successivo a quello della gara). La vicenda veniva però segnalata prima dal Corriere della Sera in data 20 dicembre 2020 e poi, il successivo 22, da altri due quotidiani (La Gazzetta dello Sport e Libero) che riferivano di come i microfoni posti a bordo campo avessero captato la predetta espressione blasfema rivolta dal B. al compagno di squadra Portanova. A seguito di tali notizie di stampa, la Procura federale apriva apposita inchiesta nel corso della quale acquisiva nel tempo vari video e, successivamente, procedeva all'audizione del signor B.. L’art. 61, 3° comma, CGS, individua una specifica ipotesi di competenza del Giudice sportivo, che viene ad integrare l’elenco di cui al successivo art. 65.  Conseguentemente, nelle ipotesi previste dal citato art. 61, comma 3°, sussiste una competenza degli organi di giustizia sportiva, in deroga a quanto previsto dal citato art. 65, 1° comma, lett. b), anche su “fatti che investono decisioni di natura tecnica o disciplinare adottate in campo dall’arbitro”.  Ovviamente, come correttamente rilevato dalla difesa del signor B., la competenza del Giudice sportivo deve essere attivata nelle ipotesi e nel rispetto della tempistica dettagliatamente indicata nel citato art. 61, 3° comma.  Pur tuttavia, una volta stabilita la sussistenza in tale ambito della competenza del Giudice sportivo, questa implica, necessariamente, la competenza residuale del Tribunale federale. Come è facile rilevare dalla lettura comparata dell’art. 65 e del successivo art. 79 (il cui testo riproduce pressocché pedissequamente quanto disposto dall'art. 25, c. 1°, CGS CONI), la competenza del Giudice sportivo è declinata in positivo, attraverso l’elencazione delle fattispecie sulle quali è chiamato a giudicare mentre quella del Tribunale federale è individuata in negativo.  Quest’ultimo, infatti, si pronuncia su tutti i fatti rilevanti per l’ordinamento sportivo “in relazione ai quali non sia stato instaurato né risulti pendente un procedimento dinanzi al Giudice sportivo”. Pertanto, per radicare la competenza residuale del Tribunale federale è sufficiente che la questione – purché rilevante per l’ordinamento sportivo – non sia stata fatta oggetto di un ricorso innanzi al Giudice sportivo. Ne deriva la natura residuale della competenza del Tribunale federale che emerge in tutti i casi in cui non sia stata azionata quella del Giudice sportivo.  Nei medesimi sensi, si veda la decisione della Sezione I n. 29/2020-2021 di questa Corte federale d’Appello. Secondo tale ultima pronuncia, il nuovo Codice, all’art. 79 - con un profilo assertivo e definitorio non presente nel Codice previgente - introduce una norma “di sistema” (v. anche decisione di questa Corte federale, Sez. I, n. 51/2020-2021, secondo cui l’art. 79 CGS contiene una “disposizione generale e residuale”).  Va da sé che la natura eccezionale di tale disposizione ne impone un’interpretazione improntata a canoni di prudenza ermeneutica, al fine di evitarne una lettura estensiva che potrebbe comportare una sostanziale vanificazione del riparto di competenze tra i diversi organi di giustizia. Peraltro, nel caso di specie è incontroverso che la percezione da parte del pubblico dei telespettatori delle parole pronunciate dal signor B. sia stata impedita dal sovrapporsi della telecronaca; parimenti incontroverso è che né gli ufficiali di gara né il collaboratore della Procura federale hanno avuto modo di percepire tali parole. Pertanto, il termine di cui al citato art. 61, 3° comma, CGS è spirato senza che la Procura federale potesse avere la possibilità di adire il Giudice sportivo per esercitare l’azione prevista dal citato articolo. Ne consegue, dunque, la legittimità del ricorso al Tribunale federale da parte della Procura, impossibilitata ad avvalersi della procedura straordinaria di cui all’art. 61, 3° comma, CGS. In ogni caso, l’utilizzo del rito ordinario non ha in alcun modo compromesso il diritto di difesa del deferito, che non solo può ricorrere (come nel caso di specie è avvenuto) alla Corte federale di appello ma che, ove ne sussistano i presupposti, può sollecitare l'emissione di provvedimenti cautelari collegiali a fronte di un pregiudizio grave e irreparabile derivante dall'esecuzione della decisione impugnata ovvero chiedere l'emissione di provvedimenti cautelari monocratici in caso di estrema gravità ed urgenza, conformemente a quanto disposto dagli artt. 107 e 108 CGS.

 

Decisione C.F.A. – Sezione Unite: Decisione pubblicata sul CU n. 91/CFA del 6 Aprile 2021 (motivazioni)

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare n. 108/TFN-SD 2020/2021 del 23 febbraio 2021

Impugnazione – istanza:  Procura Federale/Sig. B.G.

Massima: Accolto il ricorso della procura federale e per l’effetto inflitta la squalifica per 1 giornata di gara calciatore, in luogo dell’ammenda comminata dal Tribunale,  responsabile della violazione degli artt. 4, comma 1, e 37 del C.G.S., per avere, nel corso della gara Parma – Juventus all’80' minuto di gioco circa, rivolgendosi al compagno di squadra ….., pronunciato una frase contenente un’espressione blasfema…Al riguardo occorre premettere che – per quanto qui rileva – la disposizione di cui all’art. 37 appena citato prevede che “In caso di utilizzo di espressione blasfema, in occasione o durante la gara, è inflitta […] ai calciatori e ai tecnici, la sanzione minima della squalifica di una giornata.”. Orbene la decisione del Tribunale federale non appare condivisibile per un duplice ordine di motivi. Difatti, nella presente fattispecie, il Tribunale non ha operato un’attenuazione della sanzione bensì ha proceduto ad un conversione di una sanzione interdittiva (quale quella della squalifica) in una sanzione pecuniaria, in assenza, all’interno del CGS, di qualsiasi previsione in tal senso. Né, d’altro canto, può ritenersi consentita un’applicazione analogica del disposto dell’art. 135 c.p. (riguardante il “Ragguaglio fra pene pecuniarie e pene detentive”), attesa l’assenza, nel caso di specie, dei necessari presupposti (vuoto normativo e identità tra la fattispecie concreta e quella disciplinata analogicamente). In altri termini, il Tribunale ha proceduto a applicare una sanzione diversa da quella prevista dalla norma che disciplina l’illecito de quo (art. 37 CGS) in deroga al principio generale della tassatività delle sanzioni, applicabile evidentemente anche nell’ordinamento sportivo. Ne consegue che, come correttamente evidenziato dalla Procura federale, il detto illecito non può che essere sanzionato con l’irrogazione della sanzione prevista dall’art. 37 CGS, non essendo consentito al giudice – alla luce della chiara portata della lettera della disposizione in esame - di mutare la natura della sanzione.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 152/TFN - SD del 25 Maggio 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 3906/1133pf19-20/GC/gb del 25.9.2020 nei confronti della società Juve Stabia Spa - Reg. Prot. 24/TFN-SD

Massima: Sanzionata con l’ammenda di € 7.500,00 la società per aver il proprio collaboratore tecnico in violazione dell’art. 4, comma 1, CGS, colpito, in data 10 luglio 2020, negli spogliatoi dello Stadio “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia, ove si svolgeva la gara Juve Stabia – Virtus Entella, con un pugno al volto, il calciatore della Virtus Entella, C. M., provocandogli un “Ematoma sottogaleale extracranico frontale sinistro senza evidenti linee di frattura della teca sottostante” (come refertato dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Lavagna - Genova), dopo aver spinto di lato il Dirigente della P.S. (per tale motivo è stato denunziato per “resistenza a Pubblico Ufficiale”) ;

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 150/TFN - SD del 25 Maggio 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 3875/1159pf19-20/GC/blp del 28.9.2020 nei confronti della società SS Lazio Spa - Reg. Prot. 22/TFN-SD

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127 CGS, sanzionata con l’ammenda di € 500,00 la società per il comportamento ascritto al proprio fisioterapista che al termine dell’incontro Napoli – Lazio del 1° agosto 2020, valido per il Campionato Serie A di quella Stagione sportiva, rivolgeva all’allenatore della squadra antagonista una espressione offensiva, ritenuta di spessore denigratorio.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 149/TFN - SD del 18 Maggio 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza:  Deferimento n. 11011/495 pf20-21/GC/gb del 16.4.2021 nei confronti del sig. S.C. - Reg. Prot. 126/TFN-SD

Massima: Squalifica per 10 giornate al calciatore, per la violazione degli artt. 4, comma 1, e 28, commi 1 e 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per violazione dei doveri di lealtà, probità e correttezza, per avere, durante la partita …, utilizzato parole di contenuto discriminatorio e denigratorio per motivi di razza nei confronti del calciatore …, tesserato della Sambenedettese, proferendo le seguenti parole “nero di merda”.Il quadro emerso dall’indagine, quindi, consolida la prova del fatto contestato, nel senso che, a prescindere dalla condotta tenuta dal direttore di gara (il quale avrebbe risposto al calciatore offeso “non inventarti le cose” ed anche alla fine della partita avrebbe tenuto una condotta liquidatoria dell’accaduto), occorre considerare che è proprio la consonanza delle versioni ad aver determinato l’avvio dell’azione disciplinare, regolato dall’art. 118 del codice di giustizia sportiva, ove si prevede che “il Procuratore federale esercita in via esclusiva l’azione disciplinare nei confronti di tesserati, affiliati e degli altri soggetti legittimati quanto non sussistono i presupposti per l’archiviazione”.  La definitezza del quadro delle dichiarazioni assunte in sede di audizione, perciò, ha precluso che la Procura federale disponesse l’archiviazione ai sensi dell’art. 122 del codice di giustizia sportiva, con la conseguenza del disposto deferimento ai sensi del successivo art. 125. Dunque, nella specie non rileva soltanto l’intrinseca gravità della frase razzista, ma le prove oggettive – indotte da elementi indiziari di tenore chiaro, preciso e concordante – raccolte dalla Procura. A tal proposito, la giurisprudenza ha enucleato i principi che regolano la prova indiziaria, sottolineando “che il procedimento indiziario deve muovere da premesse certe, nel senso che devono corrispondere a circostanze fattuali non dubbie e, quindi, non consistere in mere ipotesi o congetture ovvero in giudizi di verosimiglianza (Sez. 4, n. 2967 del 25/01/1993; Sez. 2, n. 43923 del 28/10/2009)” (cfr. Corte di Cassazione, 17 giugno 2019, n. 26604). Nella specie, la soglia minima è stata raggiunta. Le testimonianze a carico del deferito, quindi, depongono per il consolidamento di una condotta discriminatoria sufficientemente accertata. In conclusione, il deferimento va accolto.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 147/TFN - SD del 11 Maggio 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza:  Deferimento n. 11108/615 pf20-21/GC/gb del 20 aprile 2021 nei confronti dei sig.ri D.Z.D.M. e O.B. - Reg. Prot. 127/TFN-SD

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127 CGS applicata l’ammenda di € 670,00 al calciatore per la violazione dell’art. 4, comma 1 e dell’art. 37 del CGS, per violazione dei doveri di lealtà, probità e correttezza, per avere, nel corso della gara Giana Erminio - Lucchese del 17 marzo 2021, al ventiseiesimo minuto del primo tempo, all’altezza del centro campo, pronunciato la seguente espressione blasfema “Porco …”. Medesima ammenda alla’llenatore responsabile della medesima espressione blasfema.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 117/TFN - SD del 08 Marzo 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 8862/448pf20-21/GC/blp del 8.2.2021 nei confronti del sig. M.M. - Reg. Prot. 108/TFN-SD

Massima: Il calciatore viene prosciolto per mancanza di prove dalla violazione degli artt. 4, comma 1, e 28, commi 1 e 2, del codice di giustizia sportiva, per violazione dei doveri di lealtà, probità e correttezza, segnatamente «per avere, alla fine del primo tempo della gara … a seguito di un’azione di gioco e di un diverbio verbale, utilizzato parole di contenuto discriminatorio e denigratorio per motivi di razza nei confronti del calciatore … del Chievo Verona, proferendo le seguenti parole “la rivolta degli schiavi”»…L’art. 28 conferma l’avvenuto recupero di una tradizione giuridica di antica matrice, quella, cioè, propugnata dalla dottrina penalistica che ha individuato nella dignità umana il bene giuridico protetto; non è affatto sorprendente, pertanto, che anche alla disciplina delle competizioni calcistiche il legislatore abbia voluto imprimere un regime di doppia tutela, vale a dire:  a) in funzione preventiva, prevedendosi al comma 6 che prima dell’inizio della gara la società ospitante avverta il pubblico “delle sanzioni previste a carico della stessa società in conseguenza a comportamenti discriminatori posti in essere da parte dei sostenitori”, costituite dall’ammenda ai sensi dell’art. 8, comma 1 del codice di giustizia sportiva;  b) in funzione repressiva di comportamenti che, in quanto discriminatori, determinino una compromissione della personalità dell’uomo come singolo e come soggetto di comunità, in entrambi i casi ledendosi un patrimonio di valori fondamentali per motivi di “razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine etnica, condizione personale o sociale” o – alla stregua di una valutazione, certo più sofisticata ma, comunque, pienamente equiparata sul piano delle conseguenze sanzionatorie – per condotte che siano in grado di concorrere al dilagare di una cultura contraria al bene protetto sotto forma di “propaganda ideologica”. Passando all’analisi delle condotte descritte dall’art. 28, il legislatore ha posto le definizioni di “offesa, denigrazione o insulto”. Il riferimento all’offesa presenta caratteri peculiari e, dunque, di estremo interesse in relazione alla considerazione della sua rilevanza oggettiva; si vuol dire, cioè, che l’art. 28 ha inteso concepire in termini di assolutezza l’idoneità discriminatoria del comportamento ai fini della configurazione dell’illecito, disancorandone l’entità dalla percezione soggettiva che, necessariamente o meno, possa averne avuto la persona o il gruppo leso dalla condotta. Piuttosto, è sufficiente ad integrare l’illecito la manifesta sussistenza degli elementi costitutivi della fattispecie descritta nella norma e, sulla base di un nesso causale, la verificazione dell’effetto discriminatorio prodottosi direttamente o indirettamente, quindi anche sfuggendo dalla sfera intenzionale o di controllo del soggetto o del gruppo agente. Il richiamo alla denigrazione è, invece, da collegare alla lesione della reputazione, dell’onore e del decoro del soggetto passivo del comportamento discriminatorio, ma, anche in questo caso, in una prospettiva oggettivizzata, vale a dire non secondo uno stato emotivo o un sentimento individuale, indipendente dal mondo esteriore: sicché deve verificarsi se l’aggressione al bene protetto sia stata rivolta al senso di dignità che un singolo o una comunità ha consolidato nell’opinione comune. Da ultimo, il riferimento all’insulto allude alle modalità di espressione dell’azione discriminatoria, venendo in rilievo, a tal riguardo, l’uso di espressioni ingiuriose (anche nella forma dell’antifrasi) o il porre in essere atti di spregio volgare, come ad esempio nel caso di “cori, grida e ogni altra manifestazione che siano, per dimensione e percezione reale del fenomeno, espressione di discriminazione”, come è possibile ricavare – sia pure in via di interpretazione implicita – dalla formulazione espressa al comma 4. Dall’esame della disciplina trasfusa nell’art. 28 si evince, allora, che oltre alla necessaria esistenza di una condotta materiale qualificata e tipica sia, altresì, necessaria l’oggettivizzazione data da una percezione certa e diffusa dell’espressione discriminatoria. Sotto tale aspetto, l’attività di indagine che ha condotto al deferimento evidenzia profili di evidente insufficienza probatoria. Anzitutto, nessuno degli ufficiali di gara ha percepito la frase contestata e nessuna percezione vi è stata da parte del collaboratore della Procura federale. Di contro, gli unici elementi oggetto di reale valutazione sono le dichiarazioni – di opposto tenore – rilasciate, in esito ad apposita audizione, da calciatori e dirigenti del Chievo Verona (in particolare, come si legge nell’atto di deferimento, dei signori …), da un lato, e dal deferito sig. M., dall’altro. L’esistenza di un contrasto di versioni, tale da ingenerare notevole incertezza sull’effettiva commissione, o meno, dell’illecito oggetto del presente giudizio, ha determinato l’avvio dell’azione disciplinare, regolato dall’art. 118 del codice di giustizia sportiva, ove si prevede che “il Procuratore federale esercita in via esclusiva l’azione disciplinare nei confronti di tesserati, affiliati e degli altri soggetti legittimati quanto non sussistono i presupposti per l’archiviazione”. Questa permanente incertezza ha pure, con ogni evidenza, precluso che la Procura federale disponesse l’archiviazione ai sensi dell’art. 122 del codice di giustizia sportiva, con la conseguenza del disposto deferimento ai sensi del successivo art. 125.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 108/TFN - SD del 23 Febbraio 2021  (motivazioni)  - www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 8426 /446pf20-21/GC/blp del 26.01.2021 nei confronti del sig. G.B. - Reg. Prot. 103/TFN-SD

Massima: A seguito di deferimento il calciatore è sanzionato ex art. 4, comma 1, ed art. 37 del CGS con l’ammenda di € 5.000,00 per la bestemmia pronunciata durante la gara anche se la stessa non è stata ascoltata dai direttori di gara, né dalla procura federale, bensì solo durante la telecronaca dell’incontro ed il fatto che non sia stata udita dai telespettatori rappresenta un attenuante.

Massima: E’ ammissibile il deferimento al TFN per la bestemmia pronunciata dal calciatore durante la gara anche se la stessa non è stata ascoltata dai direttori di gara, né dalla procura federale, bensì solo durante la telecronaca dell’incontro…L'eccezione preliminare di inammissibilità del deferimento per violazione dell'art. 61, c. 3°, CGS è infondata. Con la stessa il deferito si duole che il Procuratore Federale ha giustificato la mancata attivazione della corretta procedura di cui al citato articolo 61, in quanto durante la telecronaca in diretta sull'emittente DAZN l'espressione blasfema non era risultata udibile al controllo della prova televisiva in quanto coperta dalla voce dei telecronisti. Però tale impossibilità ad inviare la segnalazione nei termini al Giudice Sportivo non sussisterebbe, essendo smentita proprio dalla delega di indagini conferita dal Procuratore Federale in data 22.12.2020, avvenuta fuori dai limiti temporali, definiti perentori, di cui all'art. 61 citato che disciplinerebbe i casi in cui la Procura Federale può sostituirsi all'arbitro, ricorrendo alla prova televisiva. In conclusione "il Giudice Sportivo non ha affatto assunto decisione alcuna sull'episodio, e tale decisione non può essere superata con l'apertura di autonomo procedimento al di fuori delle regole", anche perché così operando il tesserato verrebbe privato di fatto di un grado del giudizio, poiché per le sanzioni di competenza del Giudice Sportivo è previsto il reclamo alla Corte Sportiva di Appello, anche in via d'urgenza ex art. 74 CGS, per porre rimedio all'immediata esecutività delle sanzioni, rendendo diversamente inutili e prive di interesse le impugnazioni. Per quanto attiene alla prima argomentazione, la tesi difensiva è quella per la quale qualora la Procura Federale non provveda all'inoltro della prova televisiva al Giudice Sportivo entro le ore 16 del giorno feriale seguente alla gara ai sensi dell'art. 61, c. 3°, CGS per gli eventi qualificabili come condotta violenta, gravemente antisportiva e l'uso di espressioni blasfeme non visti dall'arbitro o dal Var, e quindi rimaste non sanzionate sul terreno di giuoco, si verificherebbe una sorta di decadenza dall'esercizio dell'azione disciplinare, lasciando trasparire la sussistenza di una sorta di competenza esclusiva in capo al Giudice Sportivo per i fatti ed i comportamenti dei tesserati in occasione dello svolgimento delle gare. Senonché la tesi non è condivisibile sia perché l'art. 61, c. 3°, CGS non accenna ad alcun termine perentorio né alla decadenza dell'azione disciplinare nel caso di mancato rispetto della procedura disciplinata (fra l'altro riservata ai soli tesserati e limitata alle sole tre fattispecie disciplinate, con esclusione di altri fatti e comportamenti di rilevanza disciplinare commessi, ad esempio, da non tesserati), sia perché l'opinione in commento finirebbe potenzialmente per determinare una sfera di non punibilità di eventi disciplinarmente rilevanti solo perché sfuggiti al controllo dell'arbitro e del Var o perché non coperti da una ripresa televisiva che offra piena garanzia tecnica e documentale (oppure, come accaduto nella fattispecie, in quanto l'espressione blasfema è coperta dalla voce del telecronista). Diversamente opinando l'esercizio dell'azione disciplinare rischierebbe di essere determinata dal caso, finendo per discriminare i tesserati pur responsabili dei medesimi atti e comportamenti, qualificati da particolare dispregio delle regole del giuoco, quali condotte violente, gravemente antisportive espressioni blasfeme a seconda che risulti o meno attivata o attivabile la cui punibilità la procedura di cui all'art. 61 CGS. In realtà, qualora non sia possibile o comunque non venga dato corso alla suddetta procedura, dettata da evidenti e comprensibili esigenze di celerità delle decisioni del Giudice Sportivo, anche in relazione al susseguirsi delle gare, deve trovare applicazione, come sostenuto dalla Procura deferente, il disposto di cui all'art. 79, c. 1°, CGS, il cui contenuto letterale è peraltro identico all'art. 25, c. 1°, del Codice di Giustizia Sportiva del CONI, in forza del quale "il Tribunale Federale giudica in primo grado su tutti i fatti rilevanti per l'ordinamento sportivo in relazione ai quali non sia stato instaurato né risulti pendente un procedimento dinanzi ai Giudici Sportivi nazionali o territoriali". Si tratta all'evidenza di una norma residuale, attributiva di una generale competenza, destinata ad eliminare spazi di potenziale non punibilità, che incontra quale unico limite logico quello del ne bis in idem, non potendo applicarsi laddove tali fatti e comportamenti siano già stati esaminati dai Giudici Sportivi. In altri termini, tale norma costituisce una sorta di norma di chiusura dell’ordinamento sportivo, finalizzato comunque a far sì che comportamenti intesi in senso lato antisportivi possano rimanere impuniti. Per la seconda argomentazione, sulla presunta perdita di un grado del giudizio nel caso il reclamo fosse di competenza della Corte Federale di Appello e non della Corte Sportiva d'Appello, se ne rileva l'infondatezza. Ed invero anche nei confronti delle decisioni assunte da codesto Tribunale Federale in sede di reclamo avanti la Corte Federale di Appello è possibile sollecitare l'emissione di provvedimenti cautelari collegiali a fronte di un pregiudizio grave e irreparabile derivante dall'esecuzione della decisione impugnata così come è possibile ottenere l'emissione di provvedimenti cautelari monocratici in caso di estrema gravità ed urgenza, come espressamente disciplinato dagli artt. 107 e 108 CGS. Non si ravvede pertanto alcuna compressione delle tutele giurisdizionali del deferito né in ordine ai gradi del giudizio né in ordine alle misure cautelari astrattamente applicabili.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE I:  DECISIONE N. 058 CFA del 21 Dicembre  2020

Decisione Impugnata:  Decisione del Tribunale Federale Territoriale, Sez. Disciplinare, presso il Comitato Regionale della Campania, pubblicata con il Comunicato Ufficiale n. 18 del 23.10.2020

Impugnazione – istanza: Sant’agnello Promotion-Procura Federale Interregionale

Massima: Confermata la decisione del TFN che ha, a seguito di deferimento, sanzionato la società con l’ammenda di € 100,00 in quanto oggettivamente responsabile della condotta gravemente scorretta tenuta da uno dei suoi tesserati presente in campo (non individuato ma riconducibile ad essa) che ha, apostrofato il giocatore, appartenente alla squadra avversaria, con l’epiteto “negro di merda!”.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 29/TFN del 27.10.2020

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 3906/1133pf19-20/GC/gb del 25.09.2020 nei confronti dei sig.ri D.I.P., C.M. e delle Società Juve Stabia Spa e Virtus Entella Srl - Reg. Prot. n. 24/TFN-SD)

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127, comma 1 CGS – FIGC il collaboratore tecnico è sanzionato con mesi 6 di squalifica per la violazione dell’art. 4, comma 1, CGS, per aver colpito, in data 10 luglio 2020, negli spogliatoi dello Stadio “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia, ove si svolgeva la gara Juve Stabia – Virtus Entella, con un pugno al volto, il calciatore della Virtus Entella, Coppolaro Mauro, provocandogli un “Ematoma sottogaleale extracranico frontale sinistro senza evidenti linee di frattura della teca sottostante” (come refertato dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Lavagna - Genova), dopo aver spinto di lato il Dirigente della P.S. (per tale motivo è stato denunziato per “resistenza a Pubblico Ufficiale”); Con il patteggiamento ex art. 127, comma 1 CGS – FIGC il calciatore è sanzionato con 1 giornata di squalifica per la violazione dell’art.  4 comma 1 CGS, per aver colpito al petto con due pugni, senza provocare danni fisici, il sig. …, vice delegato alla sicurezza della Juve Stabia, in data 10 luglio 2020, negli spogliatoi dello Stadio “Romeo Menti” di Castellammare di Stabia, ove si svolgeva la gara Juve Stabia – Virtus Entella, subito dopo essere stato colpito dal sig. D’Inverno, e per aver sferrato alcuni cazzotti alle porte degli spogliatoi provocando lievi danni alla struttura. Con il patteggiamento la società è sanzionata con l’ammenda di € 1.400,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 26/TFN del 22.10.2020

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 3875/1159 pf 19-20/GC/blp del 28.09.2020 nei confronti del sig. M.M.A. e della società SS Lazio Spa - Reg. Prot. n. 22/TFN-SD)

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127, comma 1 CGS – FIGC il fisioterapista è sanzionato con 40 giorni di squalifica per la violazione degli artt. 4, comma 1, e 28, commi 1 e 3, del Codice di Giustizia Sportiva, per avere utilizzato parole di contenuto denigratorio dell’origine territoriale dell’allenatore calabrese del SSC Napoli Calcio, sig. …, al termine dell’incontro Napoli – Lazio del 1 agosto 2020, profferendo le seguenti parole “terrone di merda”. Alla società che ha patteggiato € 2.000,00 di ammenda

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE I:  DECISIONE N. 006 CFA del 9 Settembre  2020

Decisione Impugnata:  Decisione del Tribunale Federale Territoriale del Comitato Regionale del Lazio, pubblicata con C.U. n. 25 del 6/8/2020;

Impugnazione – istanza: Procuratore Federale Interregionale/A.S.D. Atletico 2000/calc. N.F..

Massima:  Ridotta a 10 giornate di gara la squalifica al calciatore per la violazione degli artt. art. 4 co. 1 e 28 co.1 e 2 del C.G.S. ma esclusa l’aggravante di cui all’art. 14 co. 1 lett. n) stesso codice che prevede un aggravamento della sanzione per “ aver tenuto una condotta che comporti in ogni caso offesa, denigrazione o ingiuria per motivi di razza, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine territoriale o etnica” per aver al termine della gara tenuto un comportamento gravemente antisportivo e discriminatorio nei confronti di un tesserato (calciatore) della squadra ospite più̀ precisamente per aver, al termine dell’anzidetta gara e nel mentre le squadre si accingevano a fare rientro negli spogliatoi, rivolto ad alta voce (così da renderla udibile nitidamente a quanti nelle vicinanze) all’indirizzo del calciatore (di colore) la seguente frase: “negro di merda mangia banane”. € 1.000,00 alla società a titolo di responsabilità oggettiva. Si tratta non di circostanze apprese de relato ma di frasi percepite in maniera diretta e personale da ciascuno dei predetti: il che attribuisce al ricordo ed alla successiva propalazione un tasso elevato di credibilità, non su una circostanza marginale, ma sul punto centrale della vicenda. Opinare diversamente significa ipotizzare un comportamento calunniatorio, frutto di un accordo, che certamente nella vicenda è escluso perché da subito e cioè nei momenti successivi al comportamento tenuto dal N., il F. ed i suoi compagni, che avevano percepito l’insulto ed avevano accennato ad una reazione, ne avevano riferito ai dirigenti della società che avevano immediatamente protestato e fatto presente la questione sia all’arbitro che ai dirigenti A.S.D. Atletico 2000. In tal senso convergono in maniera univoca le dichiarazioni contenute nei verbali delle audizioni ..E’ vero che l’arbitro ha ritenuto di non darne conto nel referto ma solo perché non aveva percepito direttamente le frasi discriminatorie e contrariamente a quel che aveva riferito il F. non stava con questi parlando all’uscita del campo quando era stato insultato ed è anche vero che sussistono le contraddizioni rilevate in prime cure e sulle quali si è anche soffermata la difesa dei deferiti, che sulla base di questi elementi, è pervenuta alla conclusione che i fatti non si sono verificati.

Massima:  L’aggravante è esclusa perché si tratta all’evidenza di una mera duplicazione di una identica condotta. L’art. 28 del CGS dispone al comma 1): “Costituisce comportamento discriminatorio ogni condotta che, direttamente o indirettamente, comporta offesa, denigrazione o insulto per motivi di razza, colore, religione, lingua, sesso, nazionalità, origine anche etnica, condizione personale o sociale ovvero configura propaganda ideologica vietata dalla legge o comunque inneggiante a comportamenti discriminatori” che si sovrappone perfettamente a quella descritta nell’aggravante di cui al comma 1, lett. n), dell’art 14 CGS con l’effetto che di quest’ultima nel caso concreto non si possa e non si debba tener conto secondo il noto broccardo “ne bis in idem”.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III:  DECISIONE N. 003 CFA del 4 Settembre  2020

Decisione Impugnata:  Decisione del Tribunale Federale Territoriale del Comitato Regionale del Lazio pubblicata con C.U. n. 25 del 6/8/2020;

Impugnazione – istanza: Procuratore Federale e Procuratore Federale Aggiunto/A.S.D. Real Ciampino CA5

Massima: Su ricorso della Procura Federale viene riformata la decisione del TFNT - che aveva prosciolto la società sul presupposto che il comportamento disciplinarmente rilevante tenuto dal proprio presidente in tribuna rispendesse ad esigenze – e per l’effetto inflitta l‘ammenda di € 200,00 La responsabilità oggettiva, così come disciplinata dal vigente Codice di Giustizia Sportiva all’art. 6) comma 2 del CGS, stabilisce che “la società risponde ai fini disciplinari dell'operato dei dirigenti, dei tesserati e dei soggetti di cui all'art. 2, comma 2”. La disposizione dell’art. 6 comma e CGS non permette margini di interpretazioni; è una disposizione precettiva e vale per ogni violazione commessa dai soggetti che rappresentano o appartengono a società affiliate alla FIGC. L’unica scriminante per la non applicabilità è prevista dall’art. 7) del CGS il quale stabilisce che “al fine di escludere o attenuare la responsabilità della società di cui all'art. 6, così come anche prevista e richiamata nel Codice, il giudice valuta la adozione, l'idoneità, l'efficacia e l'effettivo funzionamento del modello di organizzazione, gestione e controllo di cui all'art. 7, comma 5 dello Statuto”. Ma nella specie è evidente che nessuna scriminante possa essere invocata concernendo questa l’adozione di un modello organizzativo da parte della società e non le caratteristiche della condotta posta in essere dal tesserato. E’ pacifico che la responsabilità oggettiva della società cui appartiene il tesserato discende – una  volta  provata  la  riferibilità  della  condotta  illecita  al  tesserato  -    dal  rapporto  di tesseramento. La responsabilità oggettiva disciplinata dall’art. 6 comma 2 del CGS ha come unico presupposto l’elemento di connessione tra la condotta illecita e la società, e cioè il rapporto di tesseramento. L’Istituto della responsabilità oggettiva risponde all’ esigenza di tutela dei terzi e la ratio è quella di indurre le società sportive a porre in essere tutti gli accorgimenti necessari ad evitare l’accadimento di certi fatti. E’ in altri termini manifestazione peculiare ed insopprimibile dell’ordinamento sportivo e ne rappresenta un architrave giacché l’impiego nell’ordinamento sportivo del modello della responsabilità oggettiva addebitabile - pur in difetto del criterio di collegamento rappresentato dal dolo e dalla colpa o di quello connesso alla concreta (i.e. processuale) possibilità di perseguire e/o punire il suo autore materiale - è volto ad assicurare la salvaguardia delle finalità istituzionali dello sport e contestualmente impedire che determinati eventi rimangano, quantomeno sotto il profilo disciplinare, privi di conseguenza. Pertanto, vista l’incontestabilità dei fatti ed attesa l’impossibilità di una diversa interpretazione delle norme, confortata da una conforme e consolidata giurisprudenza che questo Collegio condivide (Cfr , da ultimo, CFA – Sezioni Unite in C.U. n. 122/CFA - 2018/2019- e, prima, ex multis CAF C.U. N. 10/C - Riunione del 23 Settembre  2004 - Figc c. Grosseto ; lodo Atalanta Bergamasca c. FIGC, 26 Marzo  2012 ed altre anche citate in reclamo), ne discende che la società risponde disciplinarmente indipendentemente dalla colpa o dal dolo, poiché si tratta per le società di una responsabilità senza colpevolezza ed imputata per fatto altrui. In tal senso l’infrazione disciplinare posta in essere dal F. si riverbera sulla società di tesseramento e cioè la ADS Real Ciampino Calcio a 5, a nulla valendo la circostanza che nell’occasione si fosse presentato falsamente come rappresentante della Futsal Lazio Accademy, la cui eventuale ed ulteriore responsabilità è comunque fuori del perimetro delle valutazioni di questo Collegio.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 170/TFN del 30.07.2020

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 500/629 pf 19-20/GC/am del 09.07.2020 nei confronti dei sig.ri G.S., F. G. e della società ASD Città di Acireale 1946 - Reg. Prot. n. 197/TFN-SD)

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127 CGS il presidente è sanzionato con mesi 6 e giorni 20 di inibizione poiché, in violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità ex art.4, comma 1, nonché dell’art. 25, commi 1 e 2, CGS, in occasione della gara, Campionato Nazionale Dilettanti di Serie D – Girone I, FC Messina – ASD Città di Acireale 1946 del 27.10.19: non ponendo in essere le dovute verifiche e non effettuando adeguati controlli preventivi consentiva, in violazione della normativa statale [DM 13-8-2019 - Modifica del decreto 8 Agosto 2007 recante «Organizzazione e servizio degli steward negli impianti sportivi»], richiamata nelle indicazioni del Tavolo Tecnico, tenutosi presso la Questura di Messina in data 21-10-2019, nonché dall’ordinanza del Prefetto di Messina prot.107551/ 2019/Area I del 24-10-2019, che 24 individui, di cui tre già sottoposti a provvedimento DASPO e cinque minori (pertanto privi dei requisiti stabiliti dal DM cit.), venissero accreditati dalla Soc. ASD Citta di Acireale 1946 come “steward volontari” e che i medesimi omettessero di svolgere in toto i compiti loro assegnati; infatti, detti soggetti non si presentavano anticipatamente allo stadio per poter svolgere il loro servizio, giungendo invece con la tifoseria ospite, in occasione delle “operazioni di filtraggio” non ottemperavano alle disposizioni loro impartite dalle Autorità preposte e, una volta effettuato l’accesso all’impianto sportivo, si liberavano delle casacche con la scritta steward, unendosi alla tifoseria acese (violazione art.25 comma 2 GCS); consentiva agli “steward volontari” l’accesso gratuito allo stadio, contribuendo, con tale utilità, al mantenimento di gruppi organizzati e non organizzati della tifoseria acese, in quanto veniva permesso 1) che soggetti appartenenti ai gruppi ultras (tra cui gli ultras del “Rione S. Giovanni” e “Passione e Mentalità”), tra cui tre persone già sottoposte a provvedimento DASPO e cinque minori, potessero entrare gratuitamente nello Stadio di Messina, indossando la maglietta degli steward e poi 2) che due dei detti “stewards” (C.S., sottoposto a DASPO; e D’A. S.,), una volta entrati allo stadio, potessero assumere ruoli di leader della tifoseria ospite (anche usando il megafono del capo ultras per impartire disposizioni all’intera tifoseria), mentre i restanti (dei 24 stewards), molti dei quali indossavano maglie con effigi dei gruppi ultras, si potessero unire a detti gruppi durante lo svolgimento della gara per intonare cori insieme al resto della tifoseria e/o guardare la partita (violazione art.25, comma 1, GCS). Per le quasi medesime condotte il direttore generale è sanzionato con l’inibizione di mesi 4 e giorni 20, mentre la società con l’ammenda di € 4.000,00

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE I : DECISIONE N. 093 CFA del 22 Luglio 2020

Decisione Impugnata: decisione del Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare n. 127/TFN-SD 2019/2020 assunta nella seduta del 12.06.2020

Impugnazione Istanza: Sig. L.S.M./Sig. S.C./ Sig. B.S.L./Procura Federale

Massima: Confermata la decisione del TFN che ha irrogato ai calciatori la sanzione di giornate di squalifica da scontare in gare ufficiali, per violazione delle norme di comportamento e dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 4, comma 1, del CGS. perché … recandosi a fine partita presso la curva nord occupata dagli ultras che esponevano lo striscione “diffidati nessuna resa” e partecipando, più o meno attivamente e con le braccia alzate, al coro “onoriamo i diffidati”, accompagnato dal battito delle mani, hanno approvato consapevolmente e manifestamente il comportamento di soggetti diffidati dall’Autorità Pubblica e così preso posizione contro quest’ultima..

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 138/TFN del 18.06.2020

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 11437/663pf19-20/GC/am del 03.03.2020 a carico del sig. G.L. e della società Reggina 1914 Srl - Reg. Prot. n. 155/TFN-SD)

Massima:  Il presidente è sanzionato con l’inibizione di giorni 45 per la violazione dell’art. 4, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, per avere, durante il corso della gara Reggina 1914 Srl - Catanzaro 1929 Srl (disputata in data 12.10.19 e valevole per il campionato Lega Pro, Gir. C s.s. 2019/2020) dalla tribuna dell’impianto sportivo “Oreste Granillo” in Reggio Calabria e dopo l’avvenuta segnatura di una rete da parte della propria squadra, mostrato all’indirizzo dei dirigenti e della tifoseria della squadra ospite (reiterando, peraltro, poi il gesto anche all’ingresso della sala stampa dopo il termine della gara) una maglietta color amaranto dallo stesso indossata avente sovraimpressa una frase dialettale dal contenuto offensivo rivolta nei confronti della squadra avversaria, quale segnatamente.” Lavati i piedi e và a curcarti” (ossia: Lavati i piedi e vai a coricarti). La società che, invece, ha patteggiato è sanzionata con l’ammenda di € 2.000,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 127/TFN del 17.06.2020

Impugnazione - Istanza: Deferimenti nn. 10866/379 pf 19-20/GC/am del 21.02.2020 e 11483/379 pf 19-20 GC/am del 03.03.2020 a carico del Sig. R.F., della società SSD arl Calcio Foggia 1920 + altri - Reg. Prot. nn. 153-156/TFN-SD)

Massima: I calciatori che non hanno patteggiato sono sanzionati con 5 giornate di gara per la violazione delle norme di comportamento e dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 4, comma 1, del CGS perché, al termine della gara del 16.10.2019 disputata contro la Turris, valevole per la Coppa Italia di Serie D, di loro spontanea volontà si recavano sotto la curva dei propri tifosi e, dinanzi allo striscione esibito dagli ultras curva nord recante la scritta <diffidati nessuna resa>, scandivano con il battito delle mani ed intonavano il coro <onoriamo i diffidati>, così manifestando la loro solidarietà per i tifosi nei cui confronti erano stati adottati provvedimenti di Daspo…Le immagini video dell’episodio contestato ai deferiti, in uno alle dichiarazioni dagli stessi rese agli organi inquirenti, tutte versate in atti e non oggetto di contestazione, confermano i fatti loro contestati, come dettagliatamente descritti nell’atto di deferimento e consentono di ritenere provati con sufficiente certezza i comportamenti ascritti ai deferiti….Tanto, però, senza addurre alcuna motivazione e/o esimente di sorta, onde non si vede in forza di quale circostanza e/o norma regolamentare si possa accedere a tale immotivata richiesta o, a tutto voler concedere, differenziare la misura della sanzione rispetto agli altri deferiti. Vi è, infatti, che i comportamenti loro ascritti, con i quali i deferiti, senza alcuna coercizione esterna, hanno inusitatamente approvato il comportamento di soggetti diffidati dall’Autorità Pubblica, di fatto prendendo posizione contro quest’ultima e ponendosi in netta antitesi ai principi regolatori dello sport in generale, configurano una chiara fattispecie di violazione delle norme di comportamento e dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 4, comma 1, del CGS. Per tali fatti tutti gli altri deferiti , presidente, dirigente, calciatori e società sono sanzionati

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE IV : DECISIONE N. 066 del 3 Giugno 2020

Decisione Impugnata: Decisione del Tribunale Federale Territoriale presso la L.N.D. Comitato Regionale Sicilia pubblicata con C.U. n. 244 del 14 Gennaio  2020

Impugnazione Istanza: Sig. B.V./Procura Federale

Massima: Confermata la decisione del TFT che ha sanzionato l’allenatore per essersi reso responsabile di atti di violenza nei confronti di alcuni calciatori minorenni della squadra avversaria in occasione di una rissa scoppiata nel corso della gara del campionato regionale under 16

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III : DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. N. 37/CFA DEL 18/05/2020 motivi con riferimento al COM. UFF. N. 006/CFA del 11.07.2019

Decisione Impugnata: Delibera   del   Tribunale Federale Territoriale presso il Comitato Regionale Sardegna - Com. Uff. n. 55 del 6.6.2019

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL CALC. P.N. (ALL’EPOCA DEI FATTI TESSERATO PER LA SOCIETÀ MONTE URPINU ARSENAL) AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA PER 10 GIORNATE INFLITTA AL RECLAMANTE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 11, COMMI 1 E 2 C.G.S. SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE   FEDERALE   NOTA   10017/421   PFI   18-19   MS/VDB   DEL   14.3.2019

Massima: Confermata la squalifica per  10 giornate al calciatore , riconosciuto responsabile, a seguito del deferimento del Procuratore Federale della violazione dell’art. 11,commi 1 e 2, C.G.S., in particolare per avere il calciatore stesso …posto in essere una condotta comportante offesa, denigrazione ed insulto per motivi di razza e di colore, nei confronti del giocatore avversario … in occasione della gara del campionato regionale di seconda categoria della Sardegna disputata dalla squadra di appartenenza con la PGS Club San Paolo il 28 Ottobre 2018, e segnatamente per aver formulato nei confronti del calciatore avversario la frase testuale “muoviti negro”.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III : DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. N. 37/CFA DEL 18/05/2020 motivi con riferimento al COM. UFF. N. 006/CFA del 11.07.2019

Decisione Impugnata: Delibera del Giudice Sportivo Territoriale presso la Delegazione Provinciale di Pordenone Com. Uff. n. 59 del 29.3.2019

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL PRESIDENTE FEDERALE AVVERSO L’INCONGRUITÀ DELLA SANZIONE INFLITTA AL CALC. C.G. SEGUITO GARA ASD VIGONOVO/USD GRAVIS DEL 3.3.2019 – CAMPIONATO SECONDA CATEGORIA GIRONE A

Massima: Su ricorso del presidente federale ex art. 37 del 37 comma 1 lett. C) C.G.S., ridetermina la sanzione della squalifica a tutto il 31.12.2019 al calciatore in quanto il comportamento non solo è stato irriguardoso ed ingiurioso ma ha assunto un tale livello di violenza verbale e fisica nei confronti del direttore di gara, tanto da provocare l’intervento di altri calciatori per impedire atti violenti del … nei confronti del direttore di gara.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE I : DECISIONE N. 063CFA del 9 Marzo 2020

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Territoriale presso Comitato Regionale Campania - Com. Uff. n. 34 TFT del 24.01.2020

Impugnazione Istanza: A.S.D. BOYS CAIVANESE - SIG. D.M.G..

Massima: Confermata la decisione del TFT che ha inflitto al Presidente la sanzione della inibizione di sei mesi per la violazione degli artt. 1 bis, comma 1 anche in relazione all’art. 4, comma 4 del previgente CGS (ora trasfusi negli artt. 4, comma 1 e 6, comma 4 CGS), nonchè nell’art. 62 delle NOIF, per aver a) omesso di adottare quale legale rappresentante della società ospitante ogni doverosa e opportuna iniziativa atta a garantire l’ordine pubblico; b) consentito o comunque non impedito che uno spettatore entrasse in campo e raggiungesse l’arbitro nello spogliatoio; c) permesso o comunque non evitato che il dirigente accompagnatore entrasse, al termine della gara nel recinto di giuoco nonostante fosse stato attinto da un provvedimento di espulsione; d) lasciato l’impianto sportivo prima del direttore di gara, senza curarsi di tutelarne la sicurezza e l’incolumità. Confermata alla società l’ammenda di euro 500,00 per responsabilità diretta ed oggettiva

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 92/TFN del 22.1.2020

Impugnazione - Istanza: Deferimento del Procuratore Federale n. 7876/1350 pf18-19 GC/LDF/jg del 19.12.2019 a carico del sig. S.N.P. e della società ACR Messina SSDARL - Reg. Prot. 118/TFN-SD) 22 gennaio 2020

Massima: Per mancanza di prove, prosciolto il Presidente dalla contestata violazione dell’art. 1 bis, comma 1, del CGS previgente, ovvero dei principi di lealtà, probità e correttezza, in quanto in occasione di una riunione alla quale partecipavano allenatore, staff tecnico, dirigenti, calciatori e lo stesso Presidente della predetta società, tenutasi all’interno degli spogliatoi dello Stadio Franco Scoglio di Messina in data 9.4.2019 alle ore 15.00 circa, dopo una gara persa in campionato la domenica precedente, proferiva, con tono perentorio, nei confronti dell’allenatore B.O., insulti generici e frasi dal contenuto offensivo ed irriguardoso divulgandone poi l’esonero per motivi disciplinari, lo stesso giorno, tramite la stampa e i social network.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III : DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. N. 33/CFA DEL 16/01/2020 motivi con riferimento al COM. UFF. N. 081/CFA del 21.03.2019

Decisione Impugnata: Delibera della Corte Sportiva D’Appello Territoriale presso il Comitato Provinciale Autonomo di Bolzano Com. Uff. n. 26 del 29.11.2018

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL PRESIDENTE FEDERALE AVVERSO IL PROSCIOGLIMENTO DEI CALCIATORI M.H., A.G., R.M., D.B., S.K., H.S.R., NONCHÉ L’INCONGRUITÀ DELLA SANZIONE NEI CONFRONTI DEL SIG. BERTOLDI MAURO E DELLA SOCIETÀ BOLZANOPIANI, SEGUITO GARA CHIUSA/BOLZANOPIANI DEL 13.10.2018 – CAMPIONATO JUNIORES U19

Massima: Accolto il ricorso straordinario, ex art. 37 C.G.S. del presidente federale e per l’effetto annullata la decisione di proscioglimento della CSA e ripristinando la decisione del Giudice Sportivo per i fatti accaduti durante la gara del campionato juniores u19…Non solo, è condivisibile l’affermazione effettuata dal Presidente nell’attuale ricorso laddove afferma che le stesse condotte non sono sfociate in comportamenti più violenti per il solo intervento del Direttore di Gara, che ai sensi dell’art. 32.1 dello Statuto Federale è chiamato a garantire “la regolarità tecnica e sportiva delle gare, la osservanza delle regole di gioco del calcio in conformità ai principi stabiliti dallo statuto del Coni e dalle norme federali”…La pronuncia … è meritevole di annullamento proprio perché contraddetta dalla documentazione versata in atti e rimasta totalmente confermata e quindi chiaramente rappresentativa di comportamenti lesivi dei principi posti alla base dei principi che regolano non solo le condotte dei tesserati ma anche le norme che gli stessi sono chiamati a rispettare. In ragione di quanto sopra il provvedimento impugnato deve essere quindi totalmente riformato.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 62/TFN del 28.11.2019

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 5221/1296 pf18-19 GP/AA/mg del 24.10.19 a carico del sig. A.B. e della società Ascoli Picchio FC 1898 Spa - Reg. Prot. 82/TFN-SD)

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127 CGS, il calciatore è sanzionato con 2 giornate di squalifica per la violazione dell’obbligo di comportarsi secondo i principi di lealtà, correttezza e probità e di osservanza delle norme federali, di cui all’art. 1 bis, comma 1, CGS vigente ratione temporis nonché dell’art. 12, comma 8, del CGS vigente ratione temporis, perché mentre si trovava in tribuna per squalifica ad assistere all’incontro Ascoli – Benevento che si disputava in data 30.03.19, interloquiva con un sostenitore del Benevento che esultava dopo la rete del pareggio della propria squadra, dirigendosi in maniera minacciosa verso lo stesso, che poco prima aveva avuto un diverbio con altra persona, e lo colpiva con un pugno/schiaffo al volto senza riuscire a colpirlo nuovamente per il pronto intervento degli stewards presenti e tenendo, quindi, un comportamento suscettibile di determinare ulteriori episodi di violenzaAlcuna responsabilità oggettiva a carico della società che va prosciolta. Invero non può essere invocata dalla Procura Federale la responsabilità in toto della società in relazione a delle condotte tenute da propri tesserati anche nell’ambito della propria vita privata, oltretutto condotte verificatesi al di fuori dei rapporti riconducibili all’attività sportiva espletata dai tesserati medesimi. Al fine di individuare l’esatto perimetro nel quale l’istituto della responsabilità oggettiva può trovare applicazione è necessario richiamare, alla luce dei principi e dei canoni civilistici, il rapporto di occasionalità che inevitabilmente deve intercorrere tra l’attività illecita commessa dal tesserato e la relazione tra lo stesso e la società di appartenenza. Nel caso di specie, come riconosciuto dalla stessa procura Federale, l’A. era allo stadio per assistere alla partita in quanto squalificato, e pertanto, nel momento in cui ha agito, ha espletato la sua azione a titolo meramente personale, non rivestendo in quel frangente in alcun modo la qualità di tesserato, né potendo la condotta censurata essere riconducibile per qualsivoglia motivo alla società deferita. Sul punto, come d’altronde compiutamente evidenziato dalla difesa dell’Ascoli Picchio FC 1898 Spa, si palesa ictu oculi la mancanza dei requisiti necessari affinché l’istituto della responsabilità oggettiva possa trovare applicazione alla fattispecie oggetto del presente procedimento, laddove tale istituto, giova ricordarlo, ha carattere eccezionale proprio al fine di non consentirne un utilizzo abnorme o comunque ingiustificato nell’ambito di una corretta valutazione a cui è chiamato il Collegio il quale, pur dinanzi ad un generale dovere di comportarsi anche nella vita quotidiana secondo i principi ispiratori del CGS, non può ritenere la società responsabile per una condotta di un tesserato non riconducibile all’espletamento di attività sportiva. Infine, anche riguardo alla presunta violazione ex art. 12, comma 5, CGS vigente ratione temporis non si evidenzia alcun elemento probatorio che il diverbio in questione, peraltro di breve durata, abbia contribuito a determinare fatti di violenza all’interno dello stadio né può ipotizzarsi che qualunque litigio o alterco isolato verificatosi all’interno dello stadio medesimo possa condurre alla conseguente responsabilità della società alla luce della predetta norma, anche in assenza di conseguenti fatti di violenza.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III : DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. N. 032/CFA del 25 Novembre 2019 riferimento al COM. UFF. N. 109/CFA del 30.05.2019

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Territoriale presso il Comitato Regionale Toscana - Com. Uff. n. 67 del 29.4.2019

Impugnazione Istanza: RICORSO DELLA SOCIETA’ FCD LE PIAGGE AVVERSO LA SANZIONE DELL’AMMENDA DI € 1.500,00 INFLITTA ALLA RECLAMANTE A TITOLO DI RESPONSABILITÀ DIRETTA E OGGETTIVA AI SENSI DELL’ART. 4, COMMI 1  E  2 C.G.S.  SEGUITO  DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  NOTA  8946/349 PFI  18-19 MS/GT DEL 21.2.2019

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL CALC. L.G. (ALL’EPOCA DEI FATTI TESSERATO PER LA SOCIETÀ FCD LE PIAGGE) AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA PER 12 GIORNATE EFFETTIVE DI GARA INFLITTA AL RECLAMANTE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 BIS, COMMA 1 C.G.S. SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE   FEDERALE   NOTA   8946/349   PFI   18-19   MS/GT   DEL   21.2.

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL SIG. S.R. (ALL’EPOCA DEI FATTI PRESIDENTE E CALCIATORE DELLA SOCIETÀ FCD LE PIAGGE) AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA PER 13 GIORNATE EFFETTIVE DI GARA E DEL DIVIETO DI RICOPRIRE QUALSIASI ATTIVITÀ IN AMBITO FEDERALE NEL MEDESIMO PERIODO INFLITTE AL RECLAMANTE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 BIS, COMMA 1 C.G.S. SEGUITO DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  NOTA  8946/349 PFI  18-19  MS/GT  DEL  21.2.2019

Massima: Ridotta la squalifica a 11 giornate di gara ad un calciatore ed a 10 giornate all’altro per la condotta violenata posta in essere durante la gara e la gravità delle frasi pronunciate. Ridotta anche ad € 1.000,00 l’ammenda alal società…. Ridotte le sanzioni ai tesserati per le condotte violente poste in essere da tesserati in occasione della gara e le

frasi pronunciate, anche se velatamente minacciose e non riconducibili pienamente al principio di probità di cui all’art.1 bis del C.G.S., rappresentano pur sempre un comportamento inaccettabile ed incompatibile con lo status di sportivo tesserato della FIGC che ogni tesserato dovrebbe avere. Dalle fonti probatorie versate negli atti del processo di appello emergono una serie di elementi che finiscono per mitigare la pur sempre gravità delle condotte degli incolpati, oggi ricorrenti.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione n. 26/TFN del 18.10.2019

Impugnazione - Istanza: Deferimento n. 3846/5 pf19-20 GP/GT/ag del 30.9.2019, a carico del sig. E.D. - Reg. Prot. 60/TFN-SD).

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127 CGS: Una giornata di squalifica al calciatore per la violazione dell’art. 1 bis, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva in vigore sino al 16.6.2019 (art. 4, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva vigente), per avere lo stesso, a mezzo di tre messaggi inviati in data 13.12.2018 sul profilo dell’applicazione “messenger” dell’assistente arbitrale Sig. … espresso dichiarazioni contrarie ai principi di lealtà, correttezza e probità con riferimento al Sig. …, arbitro della gara Città di Gragnano – Gelbison Vallo della Lucania disputata in data 12.12.2018 e valevole per la 15° giornata del campionato nazionale di Serie D, girone H, della Lega Nazionale Dilettanti; nei citati messaggi, in particolare, si utilizzavano le seguenti testuali espressioni: “2 giornate Per avere, a gioco in svolgimento ma disinteressandosi del pallone, colpito un avversario dapprima con un pestone e, successivamente, con una gomitata al volto”, “Lo mando a te xke a lui nn riesco a trovarlo su fb.. cmq Regala un bel paio di occhiali al tuo collega Campobasso…ciao e buona serata” e “Il calcio è una cosa seria c’è gente che fa i sacrifici non può rovinare tutto perché è presuntuoso….diglielo che è SCARSOOOOOOO”.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE I : DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. N. 25/CFA del  30/09/2019 motivi con riferimento al C.U. N. 016/CFA del 2 Agosto 2019

Decisione Impugnata: Delibera del Giudice Sportivo Territoriale presso la Delegazione Provinciale di Pavia Com. Uff. n. 43 del 16.5.2019

Impugnazione Istanza: RECLAMO DEL PRESIDENTE FEDERALE AVVERSO L’INCONGRUITÀ DELLA SANZIONE INFLITTA AL SIG. C.M.J.E. SEGUITO GARA SIZIANO LANTERNA/GARLASCO DELL’11.5.2019 – CATEGORIA ALLIEVI PROVINCIALI

Massima: Accolto il ricorso del Presidente Federale, annullata la decisione impugnata e rideterminata la sanzione della squalifica a tutto il 31.12.2020 al calciatore per aver colpito l’arbitro con una forte gomitata alla nuca mentre faceva rientro negli spogliatoi; a seguito di detta percossa, l’arbitro rimaneva intontito per effetto del forte dolore provocato dal calciatore..La responsabilità per condotta violenta nei confronti di un ufficiale di gara da parte di un tesserato come prevista dall’art.11 bis del C.G.S. è stata ampiamente integrata nella fattispecie che qui occupa, non potendo assumere rilievo alcuno la “giustificazione” addotta dal Dirigente Sportivo, poi anch’esso sanzionato, per asseriti e generici “problemi familiari”, addirittura peggiorando la propria posizione per aver suggerito all’arbitro leso di non recarsi al pronto soccorso. Dalla lettura della decisione dell’Organo di primo grado, emerge comunque che la sanzione adottata sia del tutto inadeguata in relazione alle risultanze degli atti; per giurisprudenza consolidata da tutto il corpo della giustizia federale, la violenza deve essere deprecata e sanzionata senza “sconti” per favorire lo svolgimento delle gare in un clima di lealtà e correttezza in maniera conforme ai principi preordinati alle regole dell’ordinamento sportivo.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III : DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. N. 24/CFA del  27/09/2019 motivi con riferimento al COM. UFF. 013 III SEZ. del 25.07.2019

Decisione Impugnata: Delibera del Giudice Sportivo Territoriale presso il Comitato Regionale Veneto Com. Uff. n. 105 del 29.5.2019

Impugnazione Istanza: RECLAMO DEL PRESIDENTE FEDERALE AVVERSO L’INCONGRUITÀ DELLA SANZIONE INFLITTA AL CALC. D.A.S. SEGUITO  GARA  MIRANESE/TREPORTI  DEL  22.5.2019  –  TORNEO  SOTTANA  – CATEGORIA GIOVANISSIMI

Massima: Accolto il ricorso del Presidente Federale, annullata la decisione impugnata e rideterminata la sanzione della squalifica a tutto il 29.5.2020 al calciatore in ragione delle frasi pronunciate durante la predetta gara e del comportamento tenuto dallo stesso, gravemente antisportivo e lesivo della dignità del Direttore di gara….Alla luce di quanto sopra, ritenuto che la sanzione indicata dal Giudice di prime cure appare più essere diretta a definire un percorso riabilitativo del calciatore stesso e non un periodo afflittivo della durata adeguata perché il calciatore stesso abbia contezza del proprio comportamento e delle frasi pronunciate fortemente lesive e violente, come previsto dal codice di giustizia sportiva vigente.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 16/FTN del 06 Agosto 2019 con riferimento al C.U. n. 15/FTN del 02 Agosto 2019 (dispositivo)

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: ASD CASSINO CALCIO 1924 - (nota n. 610/966 pf18-19 GC/GP/ma del 11.7.2019).

Massima: Con il patteggiamento ex art. 127 CGS la società è sanzionata con l’ammenda di € 400,00 per la condotta scritta all’allenatore che durante la gara profferiva  ripetute  espressioni offensive nei confronti del calciatore … e dell’allenatore …, entrambi tesserati per la Società antagonista e colpiva violentemente quest’ultimo con un calcio nella zona inguinale del corpo, tanto da causargli un edema al testicolo destro, giudicato guaribile in giorni sette, come risultava da referto dei sanitari del P.S. dell’Ospedale S. Benedetto di Alatri.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 16/FTN del 06 Agosto 2019 con riferimento al C.U. n. 15/FTN del 02 Agosto 2019 (dispositivo)

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: F.L. (all’epoca dei fatti dirigente tesserato per la società FC Sudtirol Srl), SOCIETÀ FC SUDTIROL SRL - (nota n. 502/1059 pf18-19 GC/GP/ma del 9.7.2019).

Massima: Il dirigente è sanzionato con mesi 4 di inibizione per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1bis, comma 1, del CGS “ratione temporis” vigente e dell’art. 3, comma 1, stesso codice perché, inibito sino al 29.03.2019 dal G.S. presso il SGS con C.U. n. 89 del 19.02.2019 per aver ingiuriato il Sig. …, arbitro della gara FC Sudtirol - Pordenone del 17.02.2019, valevole per il Campionato Nazionali Giovanissimi, Girone B, avendo incontrato il Sig. …. in data 20.02.2019 in Corso Libertà a Merano, lo ingiuriava nuovamente con tono concitato dandogli dell’ “extracomunitario coglione”, rinfacciandogli la squalifica comminatagli dal G.S., complimentandosi polemicamente per il suo operato, battendogli le mani e mandandolo “a cagare” come dallo stesso ammesso nel corso dell’audizione resa il 26.04.2019. La società è sanzionata con l’ammenda di € 1.000,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 12/FTN del 26 Luglio 2019 con riferimento al C.U. n. 9/FTN del 18 Luglio 2019 (dispositivo)

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: N.D.S. (all’epoca dei fatti Presidente con poteri di rappresentanza della società SSD Albalonga), SOCIETÀ SSD ALBALONGA - (nota n. 15136/1117 pf18-19 GC/GP/ma del 26.6.2019).

Massima:  Il presidente non risponde della violazione dell’art. 1, comma 1bis, del CGS (quale vigente all’epoca dei fatti in contestazione), ovvero, stante il principio di immedesimazione organica esistente tra esso e la Società da egli rappresentata, di fatti - rilevanti ex art. 11, comma 3, del CGS vigente “ratione temporis” - occorsi durante la gara - quali concretatisi nell’aver un gruppo di tifosi della squadra ospitante (SSD Albalonga) presenti sulla tribuna dell’impianto sportivo teatro dell’evento (Stadio Comunale di Albano Laziale) preso di mira, per tutta la durata della gara, l’Assistente arbitrale Sig.ra … della Sez. A.I.A. di Piacenza, rivolgendo all’indirizzo della stessa, ogniqualvolta il gioco si spostava nella zona di propria pertinenza, grida dal contenuto offensivo ed espressione di discriminazione di genere in quanto arrecanti insulto per motivi di sesso (ripetutamente la stessa veniva apostrofata con l’epiteto “m…….”, appellativo sicuramente integrante e costituente insulto di natura sessista in quanto volto ad evocare una caratteristica negativa considerata tipica del sesso femminile)…Va ricordato, infatti, che l’art.11, comma 3 del Codice di giustizia Sportiva della FIGC in vigore al momento dei fatti contestati, punisce, a titolo di responsabilità oggettiva, la società per i comportamenti dei propri sostenitori nei casi di cori discriminatori, come quelli in esame. Tale responsabilità è correlata, pertanto, alla violazione di specifiche condotte imputate a soggetti non facenti parte dell’ordinamento sportivo e per i quali si ritiene che la società debba esercitare un doveroso dovere di vigilanza, tanto è vero che sono anche previste delle forme di attenuazione e/o esenzione di responsabilità nel caso in cui la società ponga in essere misure idonee a far cessare le condotte censurabili. Nel caso di specie, invece, la Procura Federale ha deferito il Presidente della S.S.D, Albalonga ex art.1, comma 1 bis del codice di Giustizia sportiva FIGC per fatti e comportamenti che lo stesso non ha commesso, né che possono essere allo stesso in alcun modo imputabili. Alcun ruolo attivo nell’esecuzione dei presunti cori, infatti, risulta allo stesso addebitabile…Pur a voler ammettere, in linea astratta, configurabile una sua condotta omissiva per aver evitato di porre in essere, nell’immediatezza degli eventi, le misure idonee a far cessare i presunti cori sessisti, nel caso di specie è sufficiente rilevare che tale condotta non è mai stata censurata, né potrebbe allo stesso essere addebitato alcunché, giacché, dagli atti in giudizio non sembra evincersi che il commissario di campo abbia sollecitato una tale iniziativa ed abbia fatto rilevare, nel corso della gara, la sussistenza dei cori incriminati. Ne deriva che, anche la responsabilità diretta della società, per effetto della condotta del proprio presidente, è insussistente; né sarebbe ipotizzabile ritenere configurabile la responsabilità oggettiva della società in quanto, non sarebbe ammessa in tale sede una riqualificazione della fattispecie sanzionatoria, atteso che nel deferimento la condotta della società viene contestata soltanto in relazione alla condotta posta in essere dal proprio Presidente.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 67/FTN del 10 Giugno 2019

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  A  CARICO  DI:  C.G. (all’epoca dei fatti Presidente e legale rappresentante p.t. della società AC Pisa 1909 SSRL), SOCIETÀ AC PISA 1909 SSRL - (nota n. 11319/422 pf18-19 GC/GP/ma del 9.4.2019).

Massima: Prosciolto il presidente dalla contestata violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1bis, comma 1, del CGS, per avere autorizzato o comunque non impedito l’emanazione e la diffusione di un comunicato ufficiale, letto a mezzo altoparlanti allo stadio e riportato dagli organi di stampa, nel quale si gettava discredito sulla società SS Arezzo Srl, attribuendole il fatto determinato di non aver voluto aderire alla richiesta di rinvio della gara del Campionato di Serie C, Pisa – Arezzo del 25.9.2018, rinvio motivato dal disagio derivato alla popolazione per alcuni incendi avvenuti nei comuni limitrofi in quanto dagli atti del procedimento emerge con chiarezza che, malgrado la partita si sia disputata regolarmente atteso che non vi erano ragioni di ordine pubblico e di sicurezza che ne imponevano il rinvio, com’è dimostrato dal fatto che l’Autorità di pubblica sicurezza ha consentito al regolare svolgimento della gara, ciò nondimeno la popolazione locale era particolarmente scossa dall’accaduto in ragione della natura certamente eccezionale degli eventi calamitosi che si erano svolti il giorno stesso dell’incontro ed ancora non erano del tutto superati durante lo stesso. Ne consegue che, in questo contesto, pur dando atto che la ricostruzione della Procura in ordine alle modalità della verificazione dei fatti è coerente con le dichiarazioni raccolte, può ritenersi non viziato da effettiva lesività il comportamento oggetto di contestazione, tenuto, altresì, conto che il comunicato contiene dati di per sé sintetici e non offensivi e mira essenzialmente ad evitare problemi di ordine pubblico derivanti dalla scelta di disputare comunque la gara nella ridetta situazione calamitosa.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 66/FTN del 23 maggio 2019

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  A  CARICO  DI:  S.A. (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la società ASD Futsal Fuorigrotta,  attualmente tesserato per la società ASD Massa Vesuvio) - (nota n. 10300/296 pf18-19  GP/AA/mg del 20.3.2019).

Massima: Il calciatore è sanzionato con la squalifica per 4 giornate di gara per la violazione dell’art. 1 bis, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, in relazione all’art. 92 NOIF, per esser venuto meno ai principi di lealtà e correttezza  connessi agli impegni sportivi ed  agonistici assunti con l’ASD Futsal Fuorigrotta, astenendosi, senza giustificato motivo, dal partecipare agli allenamenti ed alle gare, né dando risposta alle sollecitazioni rivoltegli dal Presidente e dai dirigenti della società anzidetta.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 56/FTN del 12 aprile 2019

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: C.N. (Calciatore tesserato per la società Frosinone Calcio Srl, attualmente trasferito in prestito alla società Venezia FC Srl) - (nota n. 8759/380 pf18-19 GP/AA/mg del 18.2.2019).

Massima: Con il patteggiamento calciatore è sanzionato con 1 giornata di gara, da scontarsi in gare ufficiali ed € 3.000,00 di ammenda per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità, ai sensi dell’art. 1 bis comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per avere lanciato un pallone nel terreno di giuoco al fine di interrompere, o comunque disturbare, lo svolgimento della partita Frosinone – Palermo del 16 Giugno 2018.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 56/FTN del 12 aprile 2019

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: SOCIETÀ SSD VARESE CALCIO SRL - (nota n. 7455/112 pf18-19 GP/GC/ma del 23.1.2019).

Massima: La società è sanzionata con l’ammenda di € 900,00 a titolo di responsabilità oggettiva, ai sensi dell’art. 4, comma 3, del CGS, per il comportamento posto in essere, in occasione dell’incontro Varese - Gozzano del 21 Febbraio 2018, valevole per il campionato di Serie D - Girone A, dal Signor …, steward delegato alla sicurezza per la stessa società,  il  quale,  al  termine  della  gara,  in  sorveglianza  dell’area  spogliatoi,  dopo  avere correttamente negato l’accesso ai predetti locali al Signor A. C., in quanto sottoposto ad un provvedimento inibitorio, veniva coinvolto in un acceso diverbio con lo stesso, degenerato in una violenta colluttazione, nel corso della quale colpiva il  dirigente, provocandogli le lesioni rilevate dal medico sociale del Gozzano Calcio.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 50/FTN del 6 Marzo 2019

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: A.F. (all’epoca dei fatti Presidente e Legale rappresentante p.t. della Società ASD AV Ercolanese 1924 oggi ASD US Savoia 1908), SOCIETÀ ASD US SAVOIA 1908 (nella quale si è fusa la ASD AV Ercolanese 1924) - (nota n. 3371/1306 pf17-18 GC/GP/ma dell’8.10.2018).

Massima: Il legale rapp.te della società è sanzionato con mesi 3 di inibizione per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità nonché dell’obbligo di osservanza degli atti e delle norme federali di cui all’art. 1bis, comma 1, del CGS in relazione: agli artt. 4, comma 4, e 12, comma 3, stesso codice, nonché all’art. 62 delle NOIF per aver omesso di tutelare l’ordine e la sicurezza pubblica, con riferimento agli episodi accaduti nel corso della gara AV Ercolanese 1924 – Gelbison Vallo DL del 24.02.2018 - Campionato Nazionale Juniores ss 2017/2018, ove, temporalmente, durante l’intervallo ed a fine gara persona non autorizzata e non in distinta, scavalcando la recinzione, entrando dalla zona tribuna nel recinto di gioco, compiva atti di violenza prima nei confronti di un calciatore della squadra ospitata e successivamente a fine gara nei confronti dell’allenatore della squadra ospitata, Sig. L. A., che rendevano poi necessario il suo ricovero in Ospedale, nonché per non aver adottato provvedimenti idonei ad impedire l’introduzione, all’interno dell’impianto sportivo, di strumenti ed oggetti idonei ad offendere, ritenuto che al 48° del secondo tempo (rapporto dell’A.A.) venivano lanciate sul terreno di gioco da persone presenti in tribuna nn. 3 pietre di certa dimensione (5cm) all’indirizzo dell’A.A. Sig. R. R., per puro caso senza conseguenze; all’art. 38 delle NOIF (il tesseramento dei tecnici) per aver consentito l’utilizzo quale tecnico del Sig. G. E. nel corso della gara AV Ercolanese 1924 - Gelbison Vallo DL del 24.02.2018 - Campionato Juniores Nazionale ss 2017/2018, privo di tesseramento con la Società da lui stesso presieduta. La società che ha patteggiato è sanzionata con la penalizzazione di punti 1 in classifica, da scontarsi nel Campionato Nazionale Juniores 2018-19, oltre all’ammenda di € 1.334,00

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONI UNITE: DECISIONE N. 76CFA DEL  21/02/2019 (MOTIVI) CON RIFERIMENTO AL  COM.UFF 005 SEZ UNITE DEL 26 07 2018

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare - Com. Uff. n. 76/TFN del 27.6.2018

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL SIG. G.S. (ALL’EPOCA DEI FATTI PRESIDENTE ONORARIO DELLA SOCIETÀ PIACENZA CALCIO 1919 SRL) AVVERSO LE SANZIONI DELL’INIBIZIONE DI MESI 6 E DELL’AMMENDA DI € 1.500,00 INFLITTE AL RECLAMANTE PER VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 1 BIS, COMMA 1 E 12, COMMA 7 C.G.S. SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE – NOTA N. 10449/534 PF 17-18 GC/GP/MA DEL 18.4.2018

Impugnazione Istanza: RICORSO DELLA SOCIETA’ PIACENZA CALCIO 1919 SRL AVVERSO LA SANZIONE DELL’AMMENDA DI € INFLITTA ALLA RECLAMANTE PER VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 4, COMMA 1 E 12, COMMA 5 C.G.S. SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE – NOTA N. 10449/534 PF 17-18 GC/GP/MA DEL 18.4.2018

Massima: Ridotta la sanzione dell’inibizione nei limiti al solo presofferto ed annullata l’ammenda al presidente per la violazione degli artt. 1 bis, comma 1 e 12 comma 7, C.G.S., perché nell’occasione anziché stemperare gli animi e cercare di riportare la calma, come suo specifico onore, contribuiva comunque a confermare il clima di ostilità così percepito dai tesserati avversari, appunto usando espressioni sconvenienti e con tono di larvata  minaccia, quando affermava “questa è casa mia”. Il tutto in un contesto di un incontro di calcio di categoria giovanile….Non di meno non può però non evidenziarsi, anche in virtù dei poteri previsti dall’art. 16 C.G.S., che la sanzione per il comportamento del Gatti deve tener conto ed essere valutata alla luce e nel quadro degli accadimenti accertati. A questo proposito, si rileva che trattasi di espressioni sconvenienti e/o potenzialmente minacciose, proferite sulle tribune aperte al pubblico e non all’interno del terreno di gioco  -  o comunque in aree di accesso limitate dell’impianto sportivo - che hanno assunto di conseguenza, una valenza ed una portata affatto limitata che deve essere appunto ricondotta in quel quadro di insieme, che caratterizza le manifestazioni calcistiche. Ridotta anche alla società l’ammenda ad € 500,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 41/FTN del 23 Gennaio 2019

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: C.R.F. (all’epoca  dei  fatti  Presidente  della  società  AC  Lumezzane  Calcio  Spa),  SOCIETÀ  AC LUMEZZANE CALCIO SPA - (nota n. 5405/87 pf18-19 GC/GP/ma del 30.11.2018).

Massima: Il legale rapp.te della società è sanzionato con anni 4 di inibizione perché al termine della gara Lumezzane – Ciserano, disputata a Lumezzane (BS) il 20.05.2018, valevole per i play out del Campionato Serie D ss. 2017/2018, il sig. Renzo Fausto Cavagna, che rivestiva all’epoca la carica di presidente della società Lumezzane, entrava nello spogliatoio della terna arbitrale dopo averne divelto la porta d’ingresso chiusa a chiave, afferrava l’Arbitro per il collo della divisa, lo spingeva contro il muro, lo strattonava più volte, insultandolo e minacciandolo; egli desisteva da tale comportamento solo per l’intervento dello forze dell’ordine. Costui, inoltre, convocato dalla Procura Federale per l’espletamento delle indagini relative a tale vicenda, comunicava all’Organo Inquirente di non voler comparire, mancando di addurre idonea causa impeditiva; in questa circostanza, nel rispondere per iscritto alla convocazione, definiva l’Arbitro di cui sopra “disonesto ed incapace”. La società è sanzionata con la penalizzazione di punti 5 in classifica, da scontarsi nel caso in cui la società sui iscriva ad un campionato organizzato dalla F.I.G.C.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 40/FTN del 20 Dicembre 2018

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: A.M., A.M., B.P.G., B.L., B.A., D.O.I., A.F., F.F., G.N., G.G., I.C., L.S., L.L., M.W., M.F., M.F., M.G., O.N., P.R., P.L.,  P.L.,  R.N.,  S. P.,  S.V., S.N. (all’epoca dei fatti tesserati quali calciatori per la squadra Under 15 della Juventus FC Spa), SOCIETÀ JUVENTUS FC SPA - (nota n. 4609/1369 pf17-18 GP/GT/ag del 13.11.2018).

Massima: I calciatori per la squadra Under 15 sono sanzionati con 1 giornata di squalifica ciascuno per la violazione dell’art. 1 bis co.1 del C.G.S., ovvero, del dovere fatto a ciascun soggetto dell’ordinamento federale di comportarsi in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva nel rispetto dei principi di lealtà, probità e correttezza, per aver tutti, in concorso tra di loro, al termine della gara Juventus vs Napoli, disputata in data 11.06.18, valevole quale semifinale della Final Four Scudetto del Campionato Nazionale Under 15, stagione sportiva 2017/18, (terminata con il risultato di 3-0 per i bianconeri) e dopo aver fatto rientro all’interno del proprio spogliatoio, intonato a gran voce un coro (facendone, nel contempo, il calciatore … anche una registrazione audio/video, attraverso l’utilizzo del proprio smartphone, successivamente, dallo stesso “postata” sul social network Instagram, così da averne - peraltro - causato l’immediata diffusione e amplificazione mediatica) dal contenuto gravemente offensivo e denigratorio, rivolto nei confronti della squadra avversaria, dei suoi tifosi e, più in generale, della città di Napoli e dei suoi cittadini, quale segnatamente: “Sarò con te, ma tu non devi mollare, abbiamo un sogno nel cuore, Napoli usa il sapone”. La società è sanzionata con l’ammenda di € 6.000,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 39/FTN del 17 Dicembre 2018

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: P.M.J.(all’epoca dei fatti Presidente p.t. della società AC Reggiana 1919 Spa), P.R.A. (all’epoca dei fatti Vice Presidente, nonché membro del CdA della società AC Reggiana 1919 Spa), SOCIETÀ AC REGGIANA 1919 SPA - (nota n. 35061/1081 pf17-18/GC/GP/ma del 11/10/2018).

Massima: Il legale rapp.te della società è sanzionato con mesi 4 di inibizione per la violazione dei principi lealtà, correttezza e probità di cui all’art.1 bis, comma 1, CGS per aver, in occasione di un incontro avvenuto al termine della gara Sambenedettese - Reggiana del 27-3-2017, utilizzato toni violenti ed aggressivi, nonché espressioni offensive nei confronti del sig. …., all’epoca Direttore Sportivo della AC Reggiana, nonché per aver consentito o comunque non impedito che il Vice Presidente, nonché membro del Consiglio di Amministrazione della predetta società, sig.ra …, utilizzasse, a sua volta, toni aggressivi ed espressioni verbali e gestuali offensive nei confronti del predetto sig. Andrea Grammatica in occasione di un colloquio avvenuto in data 6- 6-2017. Mesi 3 di inibizione al vice presidente per la violazione dei principi lealtà, correttezza e probità di cui all’art.1 bis, comma 1, CGS per aver utilizzato, in occasione di un colloquio avvenuto in data 6-6-2017 nell’ufficio del sig. …, all’epoca Direttore Sportivo della AC Reggiana, toni aggressivi ed espressioni verbali e gestuali offensive nei confronti del medesimo;

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III: DECISIONE N. 047CFA DEL  22/11/2018 (MOTIVI) CON RIFERIMENTO AL COM. UFF. N. 092/CFA DEL 6 APRILE 2018

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare – Com. Uff. n.  45/TFN del 01.03.2018

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL PROCURATORE FEDERALE AVVERSO IL PROSCIOGLIMENTO DEI SIGG.RI F.A., B.L., S.L. E DELLE SOCIETÀ CS SCANDICCI 1908, ASD LA NUOVA  POL.  NOVOLI  E  ASD  ATLETICA  CASTELLO  SEGUITO  PROPRIO  DEFERIMENTO  –  NOTA  N. 5337/1271 PF 16/17 CS/GB DEL 18.12.2017

Massima: Respinto il ricorso della Procura Federale e confermata la decisione del TFN che ha prosciolto i deferiti per il mancato raggiungimento della piena prova dell’ascrivibilità ai medesimi delle condotte loro contestate ovvero di comportamenti discriminatori, razzisti ed lesivi della dignità dell’atleta…. per aver proferito nei suoi confronti frasi ed ululati offensivi mentre assistevano dagli spalti alla partita

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Decisione pubblicata sul C.U. n. 27/FTN del 12 Ottobre 2018

Impugnazione - Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: L.D. (all’epoca dei fatti soggetto che svolgeva attività rilevante ai sensi dell'art. 1 bis, comma 5, CGS all'interno e nell'interesse della Società SSDARL Città Di Campobasso), P. G.

Massima: Colui che all’epoca dei fatti persona che svolgeva anche pubblicamente attività rilevante ai sensi dell’art. 1 bis comma 5 CGS - FIGC all’interno e nell’interesse della società è sanzionato con l’inibizione di mesi 30 con preclusione da ogni rango e/o categoria della FIGC, derivante dalla precedente inibizione per la violazione degli artt. 1 bis comma 1, 22 comma 8 e 19 comma 11.4 CGS - FIGC, perché, sebbene fosse inibito, partecipava attivamente alla gestione societaria della ASD Città di Campobasso e perché al termine della gara in oggetto era entrato sul terreno di giuoco, aveva insultato e minacciato l’arbitro, che aveva accusato di aver concesso un ingiusto rigore alla squadra avversaria ed aveva colpito un dirigente ed un calciatore della squadra suddetta, così scatenando una rissa tra i tesserati delle due squadre, che avrebbe potuto determinare fatti di violenza all’interno ed all’esterno dello stadio tra le opposte tifoserie. La società è sanzionata con l’ammenda di € 7.500,00…Dalla  documentazione  in  atti  e  dalle  dichiarazione  rese  in  sede d’indagine  dalle  persone coinvolte è emerso che effettivamente il … si era reso protagonista del comportamento violento che gli è stato ascritto; ne è prova, tra l’altro, il referto dell’arbitro della gara, che ha attestato che il … lo aveva insultato e minacciato; “rientrando nello spogliatoio - si legge in detto referto - domandavo al Sig. (…) della Società Campobasso chi fosse questo estraneo con la barba ed il cappotto nero e mi rispondeva dicendo quello è il Presidente …”. Risulta altresì provato il ruolo svolto dal L. nelle attività riconducibili alla ASD Città di Campobasso; egli, per sua stessa ammissione, era lo sponsor che pagava le trasferte della squadra. Tale realtà non poteva essere sconosciuta al .., né tanto meno poteva essergli ignota la circostanza della inibizione del L., attesa - tra l’altro - la presunzione di conoscenza, sottesa ad ogni tesserato ed in particolare a chi ricopra cariche apicali, come è quella facente capo al P., dei provvedimenti di qualsivoglia natura pubblicati sui Comunicati Ufficiali; e l’inibizione del L. era stata pubblicata sul C.U. n. 67 del 12.01.2017 del Tribunale Federale Territoriale Regione Campania. D’altro conto, il …, entrando in contraddizioni con le proprie successive tesi difensive, aveva dichiarato in sede d’indagine che il …, a motivo della inibizione, non frequentava più lo stadio e che era un semplice tifoso; egli aveva dunque ammesso la conoscenza del provvedimento inibitorio, ma non aveva assunto alcuna iniziativa perché al … fosse preclusa la presenza in Società, se non altro come sponsor che pagava  il  costo  delle trasferte della squadra (circostanza non smentita dal P.). Pertanto, risultando accertati i fatti e ritenute  corrette le pene richieste, il deferimento va accolto ed inflitte le sanzioni come da parte dispositiva.

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III: DECISIONE N. 032CFA DEL  18/09/2018 (MOTIVI) CON RIFERIMENTO AL COM. UFF. N. 001 CFA DEL  05/07/2018 (DISPOSITIVO)

Decisione Impugnata: Delibera del Giudice Sportivo Territoriale presso la Delegazione Provinciale di Teramo Com. Uff. n. 43 del 20.4.2018

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO AVVERSO LA MANCATA APPLICAZIONE DELLE MISURE AMMINISTRATIVE PREVISTE DAL COM. UFF. N. 104/A E DELL’ART. 16, COMMA 4 BIS C.G.S. NEI CONFRONTI DEL SIG. D.D.E., TESSERATO PER LA SOCIETÀ CERCHIARA 1990, SEGUITO GARA CERCHIARA 1990/CANZANO DEL 14.4.2018 – CAMPIONATO III^ CATEGORIA (

Massima: Accolto il ricorso del Commissario Straordinario che ha impugnato - ex art 37, comma 1, lettera c del C.G.S.- la decisione del Giudice Sportivo Territoriale che aveva sanzionato la condotta violenta posta in essere, nel corso della gara, da parte del calciatore ai danni dell’arbitro con la squalifica sino al 30.04.2019, senza però sanzionare la società con le misure amministrative deliberate in data 17.12.2014 dal Consiglio Federale, ove è stato previsto che (testualmente) “le società dilettantistiche o di settore giovanile i cui dirigenti, soci e non soci di cui all’art.1, comma 5 del Codice di Giustizia Sportiva ed i cui tesserati incorrano, per condotte violente ai danni degli Ufficiali di Gara poste in essere dal 1° gennaio 2015, nelle sanzioni definitive di seguito riportate, saranno onerate del versamento di una somma a favore della Federazione, da calcolarsi moltiplicando il costo medio gara del campionato di competenza di cui allegato A) per il numero delle partite casalinghe. Detta somma sarà destinata alle spese arbitrali”….Il ricorso è fondato e merita accoglimento….Considerato che le partite casalinghe risultano 12, moltiplicando questo dato per € 55,00, quale costo medio gara del campionato di competenza (Campionato di III Categoria) cifrato nell’allegato A) alla richiamata delibera, si ottiene un totale di € 660,00, che costituisce la sanzione amministrativa che si commina a carico della società Cerchiara 1990 e da versare a favore della Federazione.

 

DECISIONE C.F.A. – SEZIONE III: DECISIONE N. 032CFA DEL  18/09/2018 (MOTIVI) CON RIFERIMENTO AL COM. UFF. N. 001 CFA DEL  05/07/2018 (DISPOSITIVO)

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Territoriale c/o Comitato Regionale Sicilia - Com. Uff. n. 406/TFT 25 dell’8.5.2018

Impugnazione Istanza: RICORSO DEL CALC. L.P.V. (ALL’EPOCA DEI FATTI TESSERATO PER LA SOCIETÀ PGS S. PIO X) AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA PER ANNI 5 CON PRECLUSIONE ALLA PERMANENZA IN QUALSIASI RANGO O CATEGORIA DELLA FIGC INFLITTA AL RECLAMANTE, PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1  BIS,  COMMA  1  C.G.S.  SEGUITO  DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  - NOTA  N. 8080/236 PFI17-18 CS/SDS DEL 5.3.2018

Massima: Confermata la decisione del TFT che ha sanzionato il calciatore con la squalifica per anni 5 con l’esclusione  dalla  permanenza  in qualsiasi rango o categoria della FIGC per violazione dell’art. 1-bis, comma 1, C.G.S., avendo partecipato, insieme ad altri, all’aggressione ai danni dell’arbitro …, al termine della gara di play off, categoria allievi regionali San Pio X/Katane Soccer, disputatasi a Catania il 23.4.2017.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 76/TFN-SD del 27 Giugno 2018 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: G.S. (all’epoca dei fatti Presidente onorario della Società Piacenza Calcio 1919 Srl), SOCIETÀ PIACENZA CALCIO 1919 SRL- (nota n. 10449/534 pf17-18 GC/GP/ma del 18.4.2018).

Massima: Il presidente onorario della società con poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione è sanzionato con il divieto di accedere agli impianti sportivi in cui si svolgono manifestazioni o gare calcistiche anche amichevoli nell’ambito FIGC per mesi 6 (sei) e l’ammenda di € 1.500,00 per la violazione degli artt. 1 bis comma 1, 12 comma 7 CGS, in quanto, nel corso della gara del Campionato Berretti, in occasione di un infortunio occorso ad un calciatore della squadra avversaria, che richiedeva l’intervento dell’ambulanza, sosteneva che si trattava di una mera perdita di tempo ed assumeva una condotta aggressiva e minacciosa nei confronti di alcuni sostenitori avversari, che tra l’altro si manifestava nel sollecitare l’intervento di due soggetti non identificati, i quali, oltre ad insultare e minacciare ripetutamente i sostenitori della squadra avversaria, aggredivano uno di questi, schiaffeggiandolo e procurandogli una lesione al labbro. La società è sanzionata con l’ammenda di Euro 4.000,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 71/TFN-SD del 12 Giugno 2018 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza:  DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: T.I. (all’epoca dei fatti Amministratore Unico e Presidente della Società FC Aprilia SSD Srl), SOCIETÀ FC APRILIA SSD SRL - (nota n. 9963/528pf17-18/GC/GP/ma del 10.04.2018).

Massima: Il legale rapp.te della società è sanzionato con l’inibizione di mesi 6 per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità nonché dei doveri di osservanza degli atti e delle norme federali i di cui all’art. 1bis, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per aver offeso e minacciato, al termine della gara, l’arbitro designato (come puntualmente relazionato da quest’ultimo nel proprio referto gara, il quale assume valore di prova privilegiata). La società è sanzionata con l’ammenda di euro 2.000,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 45/TFN-SD del 01 Marzo 2018 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza:  DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: FERRI ALBERTO (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società CS Scandicci 1908 ora tesserato per la Società ASD  Atletica Castello), BUZZETTI LEONARDO (Calciatore tesserato per la Società ASD Nuova Pol.  Novoli), SEIDITA LEONARDO (Calciatore tesserato per la Società ASD Atletica Castello),  SOCIETÀ CS SCANDICCI 1908, ASD NUOVA POL. NOVOLI, ASD ATLETICA CASTELLO - (nota n. 5337/1271pf16-17/CS/gb del 18.12.2017).

Massima: Il TFN proscioglie i calciatori deferiti accusati della violazione dell’art. 1 bis, comma 1, e dell’art. 11, comma 1, del CGS poiché in occasione della partita, seduto sugli spalti unitamente ad altri soggetti, proferiva frasi ed ululati dal contenuto discriminatorio, razzista e lesive della dignità nei confronti del calciatore di colore. La disamina dei riscontri probatori documentali (referto arbitrale e verbali di audizione) ma anche del video integrale della partita girato dal genitore di un calciatore e versato in atti, non lascia nessun dubbio sull’accaduto ossia sul fatto che al trentesimo circa del secondo tempo venivano proferite grida di sfondo razzista all’indirizzo del giocatore …. da parte di alcuni spettatori presenti al di fuori del campo, insulti a sfondo razziale fermati poco dopo dall’intervento di altri spettatori. Purtroppo, ad avviso di questo Collegio, non può, tuttavia, ritenersi raggiunta la piena prova sull’identità dei soggetti che si sono resi responsabili di una simile ignobile condotta…..Nondimeno, ad avviso di questo Collegio potrebbe residuare una responsabilità oggettiva della società ai sensi dell’art. 4 commi 3 e 4 del CGS essendo i fatti avvenuti sul proprio campo di gioco, dove la stessa è responsabile dell’ordine e della sicurezza, prima, durante e dopo lo svolgimento della gara; posizione di garanzia non rilevata in questa sede e, pertanto, non valutabile ai fini della decisione.

Decisione C.F.A. : C. U. n. 83/CFA 15 Febbraio 2018 (motivazioni)  - www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale - Sezione Disciplinare - Com. Uff. n. 10 del 19.9.2017

Impugnazione – istanza: RICORSO DEL PROCURATORE FEDERALE AVVERSO IL PROSCIOGLIMENTO: SIG. L.M.P., ALLEPOCA DEI FATTI DIRETTORE GENERALE E AMMINISTRATORE DELEGATO DELLA SOCIE CALCIO CATANIA S.P.A., PER VIOLAZIONE DELL’ART.1 BIS, COMMA 1 C.G.S.; SOCIETA’ CALCIO CATANIA S.P.A. A TITOLO DI RESPONSABILITÀ, PER VIOLAZIONE EX ART. 4, COMMI 1 E 2 C.G.S.; SEGUITO PROPRIO DEFERIMENTO - NOTA N. 14409/819 PF16-17 GM/GP/AC DEL 27.6.2017

Massima: La Corte conferma la decisione del TFN che ha prosciolto il direttore generale dall’accusa di violazione dei doveri di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1 bis, I° comma, del Codice di Giustizia Sportiva, per aver richiesto alla Lega Pro l’autorizzazione ad osservare un minuto di silenzio prima dell’inizio della gara (Lega Pro, Girone C) CataniaMatera e ad indossare una fascia nera in segno di lutto per commemorare il tifoso – omissis -, storico supporter del Catania, deceduto pochi giorni prima, distintosi negli anni per avere perpetrato condotte violente anche in contesti extrasportivi per i quali era stato sottoposto a provvedimento di Daspo, nonché per aver consentito la diffusione dell’immagine del predetto tifoso sul maxi schermo dello Stadio “Angelo Massimino” di Catania durante il minuto di raccoglimento osservato prima dell’inizio della gara, nonostante il diniego di proiezione espresso dalla Questura di Catania nei giorni precedenti la gara – in quanto dagli atti di indagine, dalle evidenze istruttorie, dai documenti prodotti non si evincono prove sufficienti a poter ritenere, oltre ogni ragionevole dubbio, che possa essere stato posto in essere un comportamento antiregolamentare.Dubita, preliminarmente, la Corte che una richiesta diretta a far scendere in campo i calciatori con il lutto al braccio ed osservare un minuto di silenzio per commemorare il ricordo di un tifoso quanto mai noto, possa integrare un comportamento antiregolamentare, anche perché, alla richiesta fa seguito una decisione dei competenti Uffici Federali e se questa decisione viene assunta in difetto dei presupposti, é la decisione che se del caso deve essere censurata e non la richiesta. L’autorizzazione viene emessa previo vaglio di sussistenza di validi motivi e presupposti, che evidentemente, nella fattispecie erano stati reputati meritevoli di accoglimento, per cui, non potrebbe ravvisarsi una violazione, nell’osservanza di comportamenti debitamente autorizzati. Sul punto è stato sentito proprio il responsabile dell’Ufficio preposto al rilascio della richiesta autorizzazione e lo stesso ha riferito di aver fatto accertamenti sulla figura del tifoso da commemorare ed era emerso soltanto il suo forte e spiccato tifo per la sua squadra, mentre nulla era stato riscontrato sui suoi asseriti procedimenti penali o sanzioni   in  ambito sportivo.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 32/TFN-SD del 18 Dicembre 2017  (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  A  CARICO  DI:  MAZZARIELLO  MICHELE (all’epoca dei fatti Delegato ai rapporti con la tifoseriaSLO della Società FC Taranto FC 1927  Srl) - (nota n. 3499/1030 pf16-17 CS/GP/sds del 30.10.2017).

Massima: Il Delegato ai rapporti con la tifoseriaSLO della società è sanzionato con l’inibizione di mesi 9 per la violazione dei doveri di lealtà, correttezza e probità di cui all'art. 1 bis, comma 1 CGS, per non aver assunto, nel precipuo rispetto dei compiti assegnati alla propria funzione, ogni e più opportuna iniziativa e intervento finalizzato a prevenire ed evitare l'aggressione perpetrata ai danni dei calciatori della Società, nel corso dell'allenamento pomeridiano. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 4.500,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 10/TFN-SD del 19 Settembre 2017 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: LO MONACO PIETRO (all’epoca dei fatti Direttore Generale e Amministratore Delegato della Società Calcio Catania Spa), SocietàCALCIO CATANIA Spa - (nota n.14409/819 pf16- 17 GM/GP/ac del 27.6.2017).

Massima: Il Tribunale Federale Nazionale, rigetta il deferimento proposto dalla Procura Federale e di conseguenza proscioglie il Direttore Generale e Amministratore Delegato della Società dall’accusa di violazione dei doveri di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1 bis, I° comma, del Codice di Giustizia Sportiva, per aver richiesto alla Lega Pro l’autorizzazione ad osservare un minuto di silenzio prima dell’inizio della gara (Lega Pro, Girone C) CataniaMatera e ad indossare una fascia nera in segno di lutto per commemorare il tifoso – omissis -, storico supporter del Catania, deceduto pochi giorni prima, distintosi negli anni per avere perpetrato condotte violente anche in contesti extrasportivi per i quali era stato sottoposto a provvedimento di Daspo, nonché per aver consentito la diffusione dell’immagine del predetto tifoso sul maxi schermo dello Stadio “Angelo Massimino” di Catania durante il minuto di raccoglimento osservato prima dell’inizio della gara, nonostante il diniego di proiezione espresso dalla Questura di Catania nei giorni precedenti la gara – in quanto dagli atti di indagine, dalle evidenze istruttorie, dai documenti prodotti non si evincono prove sufficienti a poter ritenere, oltre ogni ragionevole dubbio, che possa essere stato posto in essere un comportamento antiregolamentare.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 08/TFN-SD del 01 Agosto 2017 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: Società AD

VALDINIEVOLE MONTECATINI - (nota n. 14009/565 pf16-17 GP/blp del 16.06.2017).

Massima: A seguito di patteggiamento la società è sanzionata con l’obbligo di disputa di n. 2  gare a porte chiuse nella stagione sportiva 2017-18 per la violazione degli artt. 4, comma 3 del CGS e 11, commi 1 e 3 del CGS, per la realizzazione da parte dei propri sostenitori, sulle gradinate all’interno dell’impianto sportivo “Mariotti” di Montecatini Terme, di una scritta, “Viareggino Anna Frank” inequivocabilmente espressione di discriminazione ed apparsa in occasione della gara di Serie D, seppur parzialmente cancellata, sulle gradinate, settore tifosi locali.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 08/TFN-SD del 01 Agosto 2017 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: Società SS LAZIO Spa - (nota n. 13754/995 pf16-17 GM/GP/ma del 12.06.2017).

Massima: La società non è oggettivamente responsabile della condotta posta in essere dal suo calciatore che, al termine della partita, veniva alle mani con un tifoso. Alla luce della documentazione in atti il Collegio ritiene che il deferimento non debba essere accolto aderendo a quanto argomentato dalla difesa della Società deferita. La Società non può essere chiamata a rispondere sempre e comunque dei comportamenti tenuti dai propri tesserati anche nell’ambito della propria vita privata e, soprattutto, per comportamenti posti in essere al di fuori dei rapporti riferibili all’attività sportiva. Non vi è dubbio che, utilizzando i canoni civilistici, per delimitare gli ambiti della responsabilità oggettiva occorre far riferimento al rapporto di occasionalità necessaria fra l’attività illecita posta in essere dal calciatore e la relazione fra Società e tesserato. L’attività censurata e l’evento dannoso devono essere riferibili a condotte svolte nell’interesse della Società di appartenenza o comunque nel contesto di attività poste in essere nell’ambito del rapporto del tesserato con la Società. Evidentemente non possono essere addebitate alla Società condotte poste in essere da un suo tesserato come privato cittadino, slegate dal rapporto dello stesso con la Società di appartenenza o comunque con il suo ruolo di tesserato. Emerge per tabulas che il – omissis - non fosse neanche stato convocato per la partita in questione e, pertanto, nel momento in cui ha posto in essere la condotta censurata non ha agito in alcun modo in qualità di tesserato della Società deferita, bensì a mero titolo personale, la condotta è stata posta in essere nell’interesse della Società di appartenenza. Se, pertanto, può ritenersi sussistente un generale dovere di comportarsi secondo i principi ispiratori del codice di giustizia sportiva anche nella vita quotidiana, il collegio ritiene che, ai fini della sussistenza della responsabilità oggettiva della Società che, è bene ricordarlo, è istituto giuridico di carattere eccezionale, l’attività illecita posta in essere deve essere comunque riconducibile all’espletamento di attività sportiva, la qual cosa non sembra essersi verificata nel caso di specie. Ragionando a contrario, si giungerebbe alla paradossale conclusione che ogni comportamento posto in essere dal tesserato, anche in ragione della particolare notorietà di cui lo stesso può godere, sarebbe sempre potenzialmente riferibile alla Società di appartenenza creando un vincolo che, tuttavia, va ben oltre l’ordinario ambito di applicazione della responsabilità oggettiva. Anche con riferimento alla presunta violazione di cui all’art. 12, comma 5 del Codice di Giustizia sportiva, dagli atti non emerge la prova che il litigio in questione, peraltro di breve durata e avvenuto a fine partita, abbia contribuito a determinare fatti di violenza all’interno dello stadio; può ipotizzarsi che, all’interno dello stadio, qualunque alterco o isolato episodio fra tifosi possa condurre alla conseguente responsabilità della Società ex art. 12, comma 5 CGS, anche laddove non possa contribuire a determinare fatti di violenza.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 04/TFN-SD del 13 Luglio 2017 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: DOMENICO

GIANINO (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società ASD Assoporto Melilli), MORENO GIANINO (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società ASD Assoporto Melilli), GREGORIO MARCHICA (all’epoca dei fatti dirigente tesserato per la Società ASD Assoporto Melilli), Società ASD ASSOPORTO MELILLI - (nota n. 12779/736 pf16-17 GP/GC/blp del 18.5.2017).

Massima: Il dirigente è sanzionato con 45 giorni di inibizione per la violazione dell’art. 1 bis, comma 3, del CGS, per aver disatteso, senza addurre alcun giustificato motivo, le reiterate convocazioni a comparire innanzi al collaboratore della Procura Federale incaricato dell’attività inquirente per essere sentito in ordine ai fatti oggetto del deferimento.

Massima: Il calciatore è sanzionato, con la squalifica per 12 giornate di gara per la violazione dei doveri di correttezza, lealtà e probità sportiva, sanciti dall’art. 1 bis, comma 1, del CGS, nonché dell’art. 11, comma 1 dello stesso Codice per aver rivolto all’indirizzo del calciatore della squadra avversaria, nel corso della gara, valevole per il Campionato Nazionale Under 21 di calcio a 5, espressioni dall’inequivocabile tono razzista e, precisamente Stai zitto sporco negro”, Sei un negro di merda”, Stai attento che ti faccio diventare bianco”. Il calciatore è sanzionato, con la squalifica per 12 giornate di gara per la violazione dei doveri di correttezza, lealtà e probità sportiva, sanciti dall’art. 1 bis, comma 1, del CGS, nonché dell’art. 11, comma 1 dello stesso Codice per aver rivolto all’indirizzo del calciatore della squadra avversaria, nel corso della gara valevole per il Campionato Nazionale Under 21 di calcio a 5, espressioni dall’inequivocabile tono razzista e, precisamente “Stai zitto sporco negro”, Sei un negro di merda”, Stai attento che ti faccio diventare bianco”. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 1.500,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 04/TFN-SD del 13 Luglio 2017 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO  DEL  PROCURATORE  FEDERALE  A  CARICO  DI:  PAOLO

BATTOCCHI (all’epoca dei fatti dirigente della Società Calcio Lecco 1912 Srl), Società CALCIO LECCO 1912 Srl - (nota n. 12959/576 pf16-17 GP/AA/mg del 23.5.2017).

Massima:  Il dirigente è sanzionato con l’inibizione di mesi 4 perchè, in occasione di un incontro con i dirigenti della Società tenutosi presso il Centro sportivo, sede d’allenamento della squadra, ha  fisicamente aggredito altro dirigente della Società, spintonandolo e facendolo cadere in terra per ben due volte per poi inseguirlo con fare minaccioso allo scopo di percuoterlo.  A titolo di responsabilità oggettiva la società è sanzionata con l’ammenda di euro 500,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: C.U. n. 54/TFN-SD del 13 Febbraio 2017 (motivazioni) - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: L.T. (all’epoca dei fatti Presidente della Società AS Martina franca 1947 Srl), Società AS MARTINA FRANCA 1947 Srl - (nota n. 4665/1084 pf15-16 MS/vdb del 02.11.2016).

Massima: Il presidente della società è sanzionato con l’inibizione di 3 mesi e l’ammenda di600,00 per la violazione dell’art. 1bis, comma 1, del CGS per avere proferito all’indirizzo dell’Arbitro e dei suoi Assistenti, al termine della gara le frasi Non è per l’Ischia, è per far vincere il Lecce domenica prossima e “Ci vorrebbe l’arresto in flagranza per frode sportiva”: frasi che venivano pronunziate nella zona antistante gli spogliatoi e chiaramente percepite anche dal Collaboratore della Procura Federale incaricato del controllo gara. La scoietà è sanzionata con l’ammenda di euro 1.800,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.024/TFN del 12 Ottobre 2016 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (49) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: R.P. (già Presidente della Società ASD Calcio Pomigliano – non tesserato), G.C. (all’epoca dei fatti Presidente della Società ASD Calcio Pomigliano), F.P. (all’epoca dei fatti Vice Presidente della Società ASD Calcio Pomigliano), S.V. (all’epoca dei fatti dirigente della Società ASD Calcio Pomigliano), Società ASD CALCIO POMIGLIANO - (nota n. 1904/447 pf15-16 SP/mg del 11.8.2016).

Massima: A seguito di patteggiamento il Presidente della società s.s. 2012/2013, s.s. 2013/2014, dal 01.07.2014 al 12.07.2014, non tesserato, è sanzionato con l’inibizione di mesi 6 per la violazione dell’art. 1 bis comma 5 CGS, della violazioni dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1 bis, comma 1 del CGS della FIGC, in quanto, al termine della gara si è introdotto all’interno degli spogliatoi dello stadio comunale, senza averne titolo, in quanto non tesserato e non iscritto in distinta, minacciando l’Osservatore Arbitrale ed impedendo allo stesso di accedere allo spogliatoio dell’arbitro per il consueto colloquio di fine gara. Il Presidente è sanzionato con l’inibizione di mesi 4 per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1 bis, comma 1 del CGS della FIGC, avendo omesso ogni controllo e dovuta vigilanza, ponendo in essere una condotta acquiescente, in relazione alle interviste reiterate rilasciate agli organi di stampa dal Sig. – omissis -, il quale, nonostante non abbia più alcun incarico societario, continua a qualificarsi all’esterno come Patron della società. Il vicepresidente della società, è sanzionato con l’inibizione di mesi 6 per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1 bis, commi 1 e 3 del CGS della FIGC, per aver consentito in qualità di dirigente accompagnatore, in occasione della gara, l’accesso all’interno dello spogliatoio dello stadio comunale, del proprio padre non tesserato e non iscritto in distinta, nonché per non essersi presentato, sebbene regolarmente convocato, dinanzi agli organi di giustizia sportiva, non adducendo alcuna causa ostativa. Il dirigente è sanzionato con l’inibizione di mesi 6 per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità di cui all’art. 1 bis, commi 1 e 3 del CGS della FIGC, per aver consentito in qualità di dirigente addetto all’arbitro, in occasione della gara l’accesso all’interno dello spogliatoio, del Sig. Pipola Raffaele, non tesserato e non iscritto in distinta, nonché per non essersi presentato, sebbene regolarmente convocato, dinanzi agli organi di giustizia sportiva, non adducendo alcuna causa ostativa.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.021/TFN del 06 Ottobre 2016 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (27) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: S.M. (all’epoca dei fatti Vice Presidente della Società ASD Città di Siracusa), la Società SIRACUSA CALCIO Srl già ASD CITTÀ DI SIRACUSA - (nota n. 906/798pf15-16/MS/vdb del 19.07.2016).

Massima: Il legale rapp.te è sanzionato con l’inibizione di mesi 4 per la violazione dei principi di lealtà. correttezza e probità di cui all’art. 1bis, comma 1 del CGS, in relazione all’art. 14 del CGS per aver, prima dell’inizio della gara, tenuto una condotta una apologetica che “giustificava “la condotta violenta dei tifosi. La Società è sanzionata con euro 400,00 di ammenda.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.012/TFN del 14 Settembre 2016 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (285) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: G.G. (Presidente della Società ASD Asti Calcio a 5), Società ASD ASTI CALCIO A 5 - (nota n. 15500/884 pf15-16 GR/mg del 27.6.2016).

Massima: Il legale rapp.te è sanzionato con l’inibizione di mesi 3 per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità, nonché dell’obbligo di osservanza delle norme e degli atti federali, ai sensi dell’art. 1 bis, comma 1 e 3 CGS, per aver, durante la gara, cui non era presente, comunicato via cellulare, ai dirigenti, ai tecnici ed ai calciatori partecipanti alla gara, di non prendere parte né al saluto fair play, né alla cerimonia di premiazione, in concorso con il tesserato – omissis - – esecutore materiale della condotta scorretta – nonché per non essersi presentato, benché convocato ritualmente per ben due volte, senza fornire spiegazione, dinanzi al collaboratore del Tribunale Federale Nazionale incaricato dell’attività inquirente. La Società è sanzionata con euro 400,00 di ammenda.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.012/TFN del 14 Settembre 2016 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (280) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: R.A.(tesserato per la corrente s.s. con la Società ASD Due Torri), C.A. (all’epoca dei fatti e tuttora Presidente della Società Due Torri), Società ASD DUE TORRI - (nota n. 15185/836 pf15-16 MS/vdb del 20.6.2016).

Massima: Il dirigente e vice Presidente della società è sanzionato con l’inibizione di mesi 4 per la violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità (art. 1bis comma 1 CGS), nonché dell’obbligo di osservanza delle norme federali, in quanto alla fine della gara entrava senza autorizzazione sul terreno di giuoco e, avvicinatosi all’arbitro, lo insultava più volte e lo minacciava, a tal punto che solo l’intervento delle forze di polizia presenti sul posto impediva che la situazione non degenerasse oltre.

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 022/CFA del 04 Agosto 2016  e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 033/CFA del 01 Settembre 2016  e  su  www.figc.it

Decisione impugnata:

Impugnazione – istanza: 2. RICORSO SIG. M.M. AVVERSO LA SANZIONE DELL’INIBIZIONE DI GIORNI 40 INFLITTA AL RECLAMANTE SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1BIS, COMMA 1, C.G.S. - NOTA N. 11103/75 PF15-16 AV/MF.

Massima: La Corte ridetermina la sanzione inflitta al presofferto per aver il tesserato violato l’art. 1bis, commi 1 e 3 C.G.S., serbando una condotta non supportata da carica violenta allorquando è intervenuto per sedare una possibile zuffa tra due calciatori, giustificato dalla regola del c.d. “autoarbitraggio”.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.091/TFN del 27 Giugno 2016 - www.figc.it

Impugnazione Istanza:  (228) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: C.S. (Presidente e Legale rappresentante della Società ASD LC Five Martina Franca), Società ASD LC FIVE MARTINA FRANCA - (nota n. 11964/919 pf13- 14/MS/vdb del 29.04.2016).

Massima: Il legale rapp.te, in virtù del rapporto di immedesimazione organica con la compagine societaria presieduta,  è sanzionato con l’inibizione di mesi 1 per la violazione disciplinare ascritta a quest’ultima ex art. 4, comma 4, CGS, in relazione all’art. 62, comma 2, NOIF, avendo omesso di garantire la sicurezza nelle aree adiacenti il Palazzetto dello sport prima dell’inizio della gara A valevole per il campionato di Serie A Calcio a 5, pertanto, consentendo ad un gruppo di giovani tifosi locali di manifestare violente e gravi minacce verbali nei confronti dei tesserati piemontesi, con intimazione di perdere la gara, come meglio riportato nella parte motiva dell’atto di deferimento. La scoietà è sanzionata con euro 1.000,00 di ammenda.

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 142/CFA del 16 Giugno 2016 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 020/CFA del 04 Agosto 2016  e  su  www.figc.it

Decisione impugnata:  Delibera del Tribunale Federale Territoriale presso il C.R. Toscana - Com. Uff. n. 65 del 5.5.2016

Impugnazione – istanza: 3. RICORSO F.C.D. PIAGGE AVVERSO LE SANZIONI: - INIBIZIONE DI ANNI 1 E MESI 6 AL SIG. S.R.(ALL’EPOCA DEI FATTI PRESIDENTE E CALCIATORE FCD LE PIAGGE); - INIBIZIONE DI ANNI 1 AL SIG. J.C. (ALL’EPOCA DEI FATTI VICE PRESIDENTE E CALCIATORE FCD LE PIAGGE); - INIBIZIONE DI ANNI 2 AL SIG. L.G. (ALL’EPOCA DEI FATTI TESSERATO FCD LE PIAGGE) PER VIOLAZIONE ART. 1 BIS IN RELAZIONE ART. 12, COMMA 5 E 6 CGS; - AMMENDA DI € 2.500,00 + SQUALIFICA DEL CAMPO DI GIOCO PER 4 GIORNATE ALLA SOCIETÀ F.C.D. LE PIAGGE A TITOLO DI RESPONSABILITÀ OGGETTIVA EX ART. 4, COMMA 1 E 2 DEL CGS INFLITTE SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE – RIF. N. 924 PF14-15 GC/VDB DEL 23.10.2015

Massima: La Corte riduce le sanzioni inflitte ai deferiti resisi responsabili della violazione di cui all’art. 1bis, comma 1, C.G.S., in relazione all’art. 12, commi 5 e 6, ultimo periodo, stesso Codice, avendo assunto, unitamente ad altri tesserati, in occasione della gara, valida per il Campionato di Promozione Toscano, Girone A, un atteggiamento fortemente intimidatorio nei confronti dei componenti la squadra avversaria all’atto dell’arrivo all’impianto sportivo, con minacce verbali e fisiche.”

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.049/TFN del 02 Febbraio 2016 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (93) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: F.C. (Presidente della Società ASD Comprensorio Montalto Uffugo), M.S. (Dirigente accompagnatore ufficiale della Società ASD Comprensorio Montalto Uffugo) – (nota n. 4620/1027 pf14-15 GT/dl dell’11.11.2015). Il deferimento

Massima: Il Presidente è sanzionato con l’inibizione di mesi 1 per la violazione di cui all'art. 1bis, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva (CGS), in relazione all’art. 4 comma 4 CGS, per la responsabilità derivante dal rapporto d'immedesimazione organica con la Società, per le omissioni poste in essere dalla propria Società, che non ha garantito la giusta sicurezza in occasione della gara del campionato di serie D nell'impianto sportivo di Montalto Uffugo, all'arrivo della squadra dell'Agropoli; e per non avere impedito, con il proprio personale addetto alla sicurezza, che, nell'area antistante agli spogliatoi, si concentrassero numerose persone, la cui identità non è stata possibile accertare, le quali accoglievano i tesserati della squadra ospite, profferendo nei loro confronti ripetute frasi minacciose, del tipo “fateci vincere per non retrocedere...se no per voi è la fine...”. Il Dirigente accompagnatore ufficiale della Società è sanzionato con l’inibizione di mesi 3 per la violazione di cui all'art. 1bis, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva (CGS), in relazione all’art. 10 comma 6 CGS, per avere rilasciato, nel corso della sua audizione, dichiarazioni al Collaboratore della Procura Federale in contrasto con l'esito degli accertamenti, e per avere pronunciato dalla panchina, durante il secondo tempo della gara sopra citata, all'indirizzo dei calciatori dell'Agropoli, frasi del tipo : “Fateci vincere tanto a voi i punti non servono, a noi servono per salvarci dalla retrocessione”.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.041/TFN del 04 Dicembre 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (54) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: E.L. (all’epoca dei fatti tesserato per la FIGC quale Ispettore federale antidoping), D.F. (delegato per la sicurezza per conto della Società AS Varese Calcio 1910), Società AS VARESE CALCIO 1910 - (nota n. 3161/668 pf14-15 AM/SP/ma del 6.10.2015).

Massima: Il tesserato per la FIGC quale Ispettore federale antidoping è sanzionato con l’inibizione di giorni 30 per la violazione dell’art. 1 bis comma 1 CGS perché in occasione della gara di campionato di serie B della s.s. 2014-2015, pur non essendo stato designato per il controllo antidoping relativo alla gara, si tratteneva, senza averne titolo, all’interno del recinto di gioco e nell’area antistante gli spogliatoi. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 5.000,00 perché il suo delegato alla sicurezza ha commesso la violazione dell’art. 1 bis comma 5 CGS per aver consentito l’indebito ingresso di persona non autorizzata all’interno del recinto di gioco ed in prossimità degli spogliatoi e della Società, ed anche se la posizione di questi è stata stralciata per defetto di notifica.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.032/TFN del 03 Novembre 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (52) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: D.D.R. (Calciatore tesserato per la Società AS Roma Spa), Società AS ROMA Spa - (nota n. 2967/1018pf14-15/SP/blp del 30.9.2015).

Massima: Il calciatore è sanzionato con l’ammenda di euro 7.500,00 per la violazione di cui agli artt. 1 bis, comma 1 CGS per avere, al termine della gara del campionato di Serie A, esultato per la vittoria conseguita dalla propria squadra indirizzando nei confronti della tifoseria della squadra avversaria un plateale gesto offensivo e provocatorio, indicando con entrambe le mani le sue parti basse e successivamente indirizzando, sempre nei confronti dei tifosi avversari, con le braccia sollevate in alto entrambe le dita medie delle mani, in atteggiamento offensivo e di scherno, manifestazioni idonee a costituire incitamento alla violenza. Anche la società è sanzionata con la medesima ammenda. Ritiene tuttavia il Tribunale che i medesimi gesti, proprio perché dettati dalla gioia per la vittoria nel post derby, abbiano nulla di premeditato o preordinato alla istigazione alla violenza, risolvendosi piuttosto in uno sfogo momentaneo che se pure dotato dei crismi riferiti alla offesa provocatoria, non rientrano nell'alveo della istigazione alla violenza, la cui incidenza presuppone elementi assai più specifici e tendenziosi. Si prosciolgono quindi entrambi i prevenuti per la violazione ex art. 12 co. 7 del CGS, per non aver commesso il fatto.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.021/TFN del 14 settembre 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (9) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: F.S. e A.L.D.S. (all’epoca dei fatti calciatori tesserati per la Società ASD AC Savoia 1908 Srl), Società ASD AC SAVOIA 1908 Srl - (nota n. 501/258 pf14-15 MS/vdb del 13.7.2015).

Massima: I calciatori  sono sanzionati con l’ammonizione per la violazione dell’art. 1 bis, comma 1, del CGS, “per avere gli stessi, al termine della gara, deciso di sfilarsi le maglie di giuoco e di abbandonarle a terra, cedendo così ad una illegittima pretesa a loro rivolta dai propri sedicenti tifosi. La Società a titolo di responsabilità oggettiva ex art. 4 comma 2, del CGS è sanzionata con l’ammenda di euro 3.000.00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.059/TFN del 11 Giugno 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (181) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: C.T. (calciatore tesserato per la Società Trapani Calcio Srl), Società TRAPANI CALCIO Srl - (nota n. 9339/351 pf14-15 AM/SP/ma del 21.4.2015).

Massima: A seguito di patteggiamento il calciatore è sanzionato con 2 giornate di squalifica per la violazione dei doveri di cui all’art. 1bis, comma 1, con riferimento all’art. 12 comma 5, CGS, per avere, al termine della gara di campionato di serie B, rivolto ai tifosi avversari, mentre transitava davanti al settore ospiti dello Stadio Provinciale di Trapani per fare rientro negli spogliatoi, il gesto del “dito medio alzato” e della “gola tagliata” tenendo in tal modo un comportamento che poteva determinare violenza coinvolgendo i sostenitori della squadra ospite. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 4.000,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.056/TFN del 03 Giugno 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (175) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: G.U. (Calciatore tesserato per la Società Reggina Calcio Spa), P.F. (Presidente della Società Reggina Calcio Spa), Società REGGINA CALCIO Spa - (nota n. 9152/399 pf14-15 GT/dl del 16.4.2015).

Massima: Il calciatore è sanzionato con 2 giornate di squalifica per la violazione dell'art. 1bis, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva (CGS), per avere aggredito, nello spogliatoio dello stadio, al termine della gara, nel corso di un litigio insorto per futili motivi, il compagno di squadra, percuotendolo con violenti calci in varie parti del corpo, venendo, infine, trattenuto da altri calciatori che tentavano di allontanarlo dallo stesso calciatore, procurandogli un “trauma contusivo-escoriativo braccio, fianco e coscia sinistra”, giudicato guaribile in giorni 7 (sette) dai Sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale. La società a titolo di responsabilità oggettiva è sanzionata con l’ammenda di Euro 500,00. Il presidente viene prosciolto perché il fatto non sussiste.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.054/TFN del 05 Maggio 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (112) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: A.S. (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società SSD Verbania Calcio 1959, attualmente tesserato per la Società ASD Città di Baveno 1908), E.M. (all’epoca dei fatti, persona che ha svolto attività in favore e nell’interesse della Società SSD Verbania Calcio 1959), M.M.(all’epoca dei fatti persona che al momento della commissione dei fatti ha svolto attività in favore e nell’interesse della Società SSD Verbania Calcio 1959), L.R. (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società Chieri ed attualmente tesserato per la Società ASD NK Kras Repen), F.P.(all’epoca dei fatti Amministratore unico e legale rappresentante della Società SSD Verbania Calcio 1959), Società SSD VERBANIA CALCIO 1959 - (nota n. 6265/503pf13- 14/AM/ma del 19.2.2015).

Massima: A seguito di patteggiamento il calciatore è sanzionato con la squalifica di mesi 6 per la violazione di cui all’art. 1bis, comma 1, del CGS (vigente all’epoca dei fatti art. 1, comma 1, del CGS) per essersi introdotto indebitamente, in quanto squalificato, nella zona antistante gli spogliatoi che conduce al pullman della Società ospitata, al termine della gara valida per Campionato di Serie D, Girone A, colpendo con calci e pugni il calciatore avversario. Anche coloro che, pur non essendo tesserati ma che hanno svolto attività in favore e nell’interesse della società sono sanzionati per aver partecipato all’aggressione. Il presidente della società è sanzionato poi con l’inibizione di giorni 30

per la violazione di cui all’art. 1bis, comma 1, del CGS (all’epoca dei fatti art. 1, comma 1, del CGS allora vigente) in relazione all’art. 37, comma 1, delle NOIF per essersi avvalso dell’operato di persone che hanno svolto attività in favore e nell’interesse della Società, senza indicare tali persone nell’organigramma della medesima Società. La Società, a titolo di responsabilità diretta ai sensi dell’art.4, comma 1, del CGS per la condotta ascritta al proprio Presidente e legale rappresentante all’epoca dei fatti, nonché a titolo di responsabilità oggettiva ai sensi dell’art.4, comma 2, del CGS e per le condotte ascritte all’epoca dei fatti ad un proprio tesserato ed a persone che hanno svolto attività nell’interesse della Società è sanzionata con l’ammenda di euro 5.000,00

 

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 067/CFA del 04 Maggio 2015 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 008/CFA del 31 Luglio 2015 e  su  www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare - Com. Uff. n. 54/TFN del 5.5.2015

Impugnazione – istanza: 6. RICORSO CALC. S.A. AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA DI MESI 6 INFLITTA AL RECLAMANTE SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DI CUI ALL’ART. 1 BIS COMMA 1 C.G.S. (ALL’EPOCA DEI FATTI ART. 1, COMMA 1 C.G.S.) (NOTA N. 6265/503 PF13-14 AM/MA DEL 19.2.2015) -

Massima: Il ricorrente incorre in un errore interpretativo allorché ritiene che l’aver indicato una ed una sola modalità di spedizione degli atti valga ad escludere validità ed efficacia alle altre previste dall’art. 38, comma 8, C.G.S.. La disposizione che precede indica, chiaramente, come alternative le tre modalità ivi indicate: a) domicilio eletto; b) la residenza; c) la sede della società ove era tesserato all’epoca dei fatti contestati. E, ad avviso della Corte, l’alternatività indica una possibilità di scelta tra più posizioni possibili, poste tutte su un medesimo piano di efficacia.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.052/TFN del 28 Aprile 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (157) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: Società SSD SAMBENEDETTESE A RL - (nota n. 8155/452 pf14-15/MS/vdb del 30.3.2015).

Massima: Il TFN infligge alla società l’ammenda di € 1.500,00 per le violazioni, ai sensi e per gli effetti degli artt. 4, comma 3, e 12, comma 3, del CGS, per avere i propri sostenitori, nel secondo tempo dell’incontro, indirizzato all’Assistente Arbitrale sputi e insulti scurrili e offensivi e per avere gli stessi lanciato, al termine della gara, sul terreno di giuoco oggetti vari, tra cui bottiglie di vetro, senza colpire nessuno. In considerazione della ratio sottesa all’istituto della responsabilità oggettiva, é di tutta evidenza come, alla luce dell’art. 13 CGS, in tutti i residuali ambiti in cui operi la responsabilità oggettiva, la Società sportiva eventualmente coinvolta non possa essere esentata da responsabilità in virtù dell’adozione di misure di prevenzione, non essendo possibile attingere ad altre fattispecie esimenti in tema di responsabilità oggettiva in ambito sportivo calcistico, ivi compresa quella prevista dall’art. 7, comma 2, D.Lgs. n. 231/2001…. la deferita Società non ha dimostrato di aver adottato modelli di organizzazione tali da prevenire i comportamenti, né di aver immediatamente agito per far cessare i comportamenti posti in essere dai propri sostenitori e, pertanto, deve essere ritenuta responsabile ex art. 4, comma 3, CGS. L’accertata violazione comporta l’irrogazione delle sanzioni così come previste dall’art. 12, n. 6, CGS trattandosi di Società non appartenente alla sfera professionistica.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.052/TFN del 28 Aprile 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (157) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: Società SSD SAMBENEDETTESE A RL - (nota n. 8155/452 pf14-15/MS/vdb del 30.3.2015).

Massima: Il TFN infligge alla società l’ammenda di € 1.500,00 per le violazioni, ai sensi e per gli effetti degli artt. 4, comma 3, e 12, comma 3, del CGS, per avere i propri sostenitori, nel secondo tempo dell’incontro, indirizzato all’Assistente Arbitrale sputi e insulti scurrili e offensivi e per avere gli stessi lanciato, al termine della gara, sul terreno di giuoco oggetti vari, tra cui bottiglie di vetro, senza colpire nessuno. In considerazione della ratio sottesa all’istituto della responsabilità oggettiva, é di tutta evidenza come, alla luce dell’art. 13 CGS, in tutti i residuali ambiti in cui operi la responsabilità oggettiva, la Società sportiva eventualmente coinvolta non possa essere esentata da responsabilità in virtù dell’adozione di misure di prevenzione, non essendo possibile attingere ad altre fattispecie esimenti in tema di responsabilità oggettiva in ambito sportivo calcistico, ivi compresa quella prevista dall’art. 7, comma 2, D.Lgs. n. 231/2001…. la deferita Società non ha dimostrato di aver adottato modelli di organizzazione tali da prevenire i comportamenti, né di aver immediatamente agito per far cessare i comportamenti posti in essere dai propri sostenitori e, pertanto, deve essere ritenuta responsabile ex art. 4, comma 3, CGS. L’accertata violazione comporta l’irrogazione delle sanzioni così come previste dall’art. 12, n. 6, CGS trattandosi di Società non appartenente alla sfera professionistica.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.052/TFN del 28 Aprile 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (104) – DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI: P.B.(all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società SSD ARL Taranto FC 1927, attualmente tesserato in prestito per la Società Reggina Calcio Spa), G.D.I.P. (all’epoca dei fatti allenatore in seconda della Società SSD ARL Taranto FC 1927) - (nota n. 6102/1031 pf13-14 AM/ma del 16.2.2015).

Massima: A seguito di patteggiamento il calciatore è sanzionato con 1 giornata di squalifica e l’ammenda di Euro 400,00  per avere, a termine della gara, negli spogliatoi e non alla presenza del D.G., tenuto nei confronti del dirigente della Società un comportamento gravemente ingiurioso e calunnioso Anche l’allenatore in seconda è sanzionato con  1 giornata di squalifica e l’ammenda di Euro 800,00, in quanto, al fine di garantire l’impunità disciplinare al calciatore, non forniva al collaboratore della Procura federale presente sul posto il nominativo del calciatore che aveva tenuto un comportamento gravemente ingiurioso e calunnioso nei confronti del dirigente.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.041/TFN del 25 Marzo 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (107) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: G.T. (calciatore tesserato per la stagione sportiva 2013/2014 per la Soc. AS Barletta C/5) e della Società AS BARLETTA C/5 - (nota n. 6225/295pf14-15/MS/vdb del 18.2.2015).

Massima: Il calciatore è sanzionato con 10 giornate di squalifica per la violazione di cui all’art. 1, comma 1 (oggi trasfuso nel nuovo art. 1 bis comma 1), del CGS per avere, al termine della gara, al momento dell’effettuazione del Fair Play, “colpito alla nuca l’arbitro dell’incontro con una bottiglia di plastica piena d’acqua, provocandogli lieve e momentaneo dolore. La Società è sanzionata con l’ammenda di euro 800,00

 

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 011/CFA del 05 Dicembre 2014 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 036/CFA del 19 Marzo 2015 e  su  www.figc.it.

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare - Com. Uff. n. 16/TFN del 30.10.2014

Impugnazione – istanza: RICORSI: 1. Calc. B.C.,2. Calc. C.F.,3. Calc. D.M.L.,4. Calc. I.R.,5. Calc. L.C.G.,6. Calc. M.F.,7. Calc. R.T. AVVERSO LA SANZIONE DELL’AMMENDA DI € 7.500,00 INFLITTA A CIASCUNO DEI RECLAMANTI SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1, COMMA 1, C.G.S. IN RELAZIONE ALLA GARA LATINA/PADOVA DEL 28.2.2014- NOTA N. 7792/635 PF13-14 AM/BLP DEL 26.6.2014

Massima: La riduce la sanzione dell’ammenda ad euro 5.000,00 inflitta al calciatori - per la violazione dell’art. 1, comma 1, C.G.S., per avere “deciso di sfilarsi le maglie di gioco e di abbandonarle a terra, cedendo così ad una illegittima pretesa a loro rivolta da propri sedicenti tifosi. Così di fatto legittimando un comportamento ingiurioso ed aggressivo degli stessi (…)”, al termine della partita del Campionato Italiano di Serie “B” del 28.2.2014 disputata presso lo Stadio comunale di Latina tra la squadra locale e il Padova e terminata con la sconfitta della squadra ospite per tre reti a zero -   tenendo conto di un generale principio di proporzionalità sia con riguardo al ruolo ricoperto nella squadra sia con riferimento agli stipendi percepiti dai calciatori medesimi. Il Tribunale Federale Nazionale, li aveva condannati al pagamento dell’ammenda di € 7.500,00 ciascuno.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.036/TFN del 04 Marzo 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (437) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: R.K. (all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società Calcio Padova Spa, attualmente tesserato per Federazione estera) - (nota n. 7792/635 pf13-14 AM/blp del 26.6.2014).

Massima: Il calciatore risponde della violazione dell’art. 1, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per  avere, al termine della gara, deciso di sfilarsi le maglie di gioco e di abbandonarle a  terra, così cedendo ad una illegittima pretesa loro rivolta da propri sedicenti tifosi, di fatto  legittimandone il comportamento ingiurioso ed aggressivo.

 

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 031/CFA del 06 Marzo 2015  e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 047/CFA del 19 Marzo 2015 e  su  www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare - Com. Uff. n. 33/TFN – Sez. Disc. del 19.2.2015

Impugnazione – istanza: 3. RICORSO A.S. GUBBIO 1910 AVVERSO LE SANZIONI: - INIBIZIONE DI MESI 3 AL SIG. LUCA TASSO, DIRIGENTE DELLA SOCIETÀ; - AMMENDA DI € 5.000,00 ALLA SOCIETÀ GUBBIO 1910, A TITOLO DI RESPONSABILITÀ OGGETTIVA EX ART. 4 COMMA 2 C.G.S., INFLITTE SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 BIS COMMA 1 C.G.S., IN RELAZIONE ALL’ART. 62 COMMI 1 E 2 N.O.I.F., SEGUITO GARA GUBBIO/FROSINONE DEL 23.3.2014 (NOTA N. 4907/708 PF13-14 AM/MA DEL 13.1.2015) -

Massima: La Corte riduce l’inibizione fino al 31.3.2015, inflitta dal TFN al dirigente che lo ha sanzionato con l’inibizione di mesi 3 per la violazione dell’art. 1, comma 1, CGS, oggi art. 1 bis, comma 1, CGS, in relazione all’art. 62, comma 1, NOIF, non avendo, in qualità di dirigente addetto all’ordine pubblico nella gara, ottemperato agli obblighi di sua competenza, sanciti dall’art. 65 NOIF, di assistenza agli Ufficiali di gara i quali venivano avvicinati da alcuni soggetti, non identificati, ma riconducibili alla Società, i quali, indebitamente presenti negli spogliatoi, profferivano minacce alla terna arbitrale che rientrava dal terreno di gioco, rivolgendole insulti e spintoni; ed anche in relazione a quanto previsto dall’art. 62, nn. 1 e 2, NOIF non avendo, in qualità di responsabile della sicurezza, tutelato i dirigenti della squadra ospite presenti in tribuna, i quali subivano aggressioni verbali e fisiche tali da dover abbandonare la stessa tribuna dello stadio. La Corte riduce ad Euro 2.000,00 l’ammenda a carico della società. La Corte, in proposito, osserva che, così come l’annotazione di servizio del Luogotenente dei Carabinieri– omissis - è inequivoca nell’indicare, con riferimento al comportamento dei tifosi eugubini verso la dirigenza del Frosinone calcio, che “… le frasi offensive si sono trasformate in una vera e propria aggressione fisica” e che “durante il percorso che dalla tribuna centrale porta agli spogliatoi, circa 30-40 metri, un nutrito gruppo di tifosi (40-50), oltre ad inveire verbalmente ha cercato di colpirci con calci, manate, sputi, spintoni e lancio di acqua, cosa questa che in alcuni casi è anche avvenuta”, di contro, le dichiarazioni rese dal Ufficiale di Polizia Giudiziaria – omissis -, dal Vice Questore Aggiunto – omissis -, dall’Agente di Polizia Giudiziaria – omissis - e dagli steward – omissis -, – omissis - e – omissis - nonché la nota del dirigente Digos – omissis - portano a ridimensionare l’accaduto. In particolare, la relazione degli steward, incaricati dal delegato alla sicurezza di controllare e dare supporto ai dirigenti del Frosinone che avrebbero preso posto per la visione della gara in tribuna vip, indica, tra l’altro, “possiamo affermare che ci sono state solo ed esclusivamente parole ingiuriose da parte di tutte e due le parti e che mai nessuno è venuto al contatto fisico”. La Corte, a prescindere dalle concrete modalità di realizzazione degli stessi, ritiene che non possa essere posto comunque in dubbio che si siano verificati fatti incresciosi al termine della gara nei confronti della dirigenza frusinate presente e dei loro accompagnatori. Pertanto - fermo restando che l’ing. – omissis -, precedentemente alla gara, ha predisposto il piano di sicurezza sottoposto al vaglio preventivo del GOS e durante la gara si è attivato per cercare di porre rimedio alle situazioni di tensione che si stavano verificando, tanto che il vice delegato ing. – omissis - ha dichiarato che l’ing. Tasso gli ha detto di recarsi negli spogliatoi per supportare gli steward assegnati e vigilare che il rientro sia della terna arbitrale che dei calciatori avvenisse in modo corretto – è indubbio che entrambi gli episodi contestati, pur volendo ridurre l’intensità e la gravità del secondo rispetto a quanto considerato dal Tribunale Nazionale Federale, hanno denotato una criticità nei sistemi di sicurezza a tutela della terna arbitrale (1° episodio) e dei dirigenti della squadra ospite (2° episodio) che deve essere ascritta, a titolo di responsabilità soggettiva, al delegato all’ordine pubblico, per cui la richiesta formulata in via principale dai ricorrenti, di totale riforma della decisione gravata e di annullamento delle sanzioni irrogate, non può essere accolta. Nondimeno - tenuto conto del ruolo comunque attivo e partecipe svolto dall’ing – omissis -, della gravità più mitigata del secondo episodio ascritto e delle circostanze attenuanti derivanti dalla oggettiva e non facilmente prevedibile situazione di tensione venutasi a creare a seguito dello svolgimento della gara nei suoi minuti finali – la Corte ritiene di accogliere la domanda formulata in via subordinata dai ricorrenti, di parziale riforma della sentenza gravata, e di ridurre in modo consistente le sanzioni irrogate.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.036/TFN del 04 Marzo 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza:  (77) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: A.D.(all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società SC Vallée D’Aoste Srl, attualmente tesserato per la Società ASD Benarzole 2012), Società SC VALLÉE D’AOSTE Srl - (nota n. 4924/907 pf13-14 AM/ma del 13.1.2015).

Massima: Il calciatore è sanzionato con la squalifica per 1 giornata di gara per la violazione di cui all’art. 1, comma 1, del Codice Giustizia Sportiva, in relazione al punto 7 del Protocollo d’intesa (ancora vigente) firmato in data 21.10.2004 tra AIC e LND, cui conseguono le sanzioni 19 Codice Giustizia Sportiva FIGC per aver posto volontariamente in essere, dopo la gara, in danno del proprio D.S. un’aggressione verbale con fare minaccioso, accompagnata dal pronunciamento dell’epiteto “che c.. vuoi”. La Società è sanzionata con l’ammenda di Euro 300,00

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.033/TFN del 19 Febbraio 2015 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (74) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: L.T.(Dirigente della Società AS Gubbio 1910 Srl), Società AS GUBBIO 1910 Srl - (nota n. 4907/708 pf13-14 AM/ma del 13.1.2015).

Massima: Il dirigente è sanzionato con l’inibizione di mesi 3 per la violazione dell’art. 1, comma 1, CGS, oggi art. 1 bis, comma 1, CGS, in relazione all’art. 62, comma 1, NOIF, non avendo, in qualità di dirigente addetto all’ordine pubblico nella gara, ottemperato agli obblighi di sua competenza, sanciti dall’art. 65 NOIF, di assistenza agli Ufficiali di gara i quali venivano avvicinati da alcuni soggetti, non identificati, ma riconducibili alla Società, i quali, indebitamente presenti negli spogliatoi, profferivano minacce alla terna arbitrale che rientrava dal terreno di gioco, rivolgendole insulti e spintoni; ed anche in relazione a quanto previsto dall’art. 62, nn. 1 e 2, NOIF non avendo, in qualità di responsabile della sicurezza, tutelato i dirigenti della squadra ospite presenti in tribuna, i quali subivano aggressioni verbali e fisiche tali da dover abbandonare la stessa tribuna dello stadio. La società è sanzionata con l’ammenda di Euro 5.000,00

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 027/CFA del  12 Febbraio 2015 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 038/CFA del 21 Ottobre 2015 e  su  www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera del Tribunale Federale Nazionale - Sez. Disciplinare – Com. Uff. n. 5/TFN del 25.9.2014

Impugnazione – istanza: 1. RICORSO SIG. C.M. AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA DI MESI 6 INFLITTA AL RECLAMANTE SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 COMMA 1 C.G.S. – NOTA N. 7845/690 PF13-14 AM/MA DEL 30.6.2014 - N. 284/690 PF13-14.

Massima: La Corte conferma la decisione del TFN che ha sanzionato l’allenatore per aver colpito con un calcio un giocatore della squadra avversaria, raggiungendolo all’altezza dei testicoli. Irrilevante la circostanza che il Comandante dei carabinieri non avrebbe assistito ai fatti posto che lo stesso si è limitato a trasmettere l’informativa, avendo così rappresentato quanto appreso dai militari operanti. Le testimonianze dei soggetti presenti, ritualmente sentiti dalla Procura, sono comunque puntuali e smentiscono tutti i motivi del ricorso. Dette testimonianze non appaiono poi scalfite nemmeno indirettamente sulla scorta di qualsivoglia non solo elemento di prova ma nemmeno principio di prova offerto dal reclamante. Quest’ultimo non ha indicato, in concreto, nessun nominativo che potesse supportare quanto sottolineato a suo discarico.

Decisione C.F.A.: Comunicato ufficiale n. 022/CFA del 22 Gennaio 2015 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 054/CFA del 12 Maggio 2015 e  su  www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera del Tribunale Federale Territoriale presso Comitato Regionale Lazio – Com. Uff. n. 83/LND del 7.11.2014

Impugnazione – istanza: 2. RICORSO DELL’A.S.D. MINTURNO AVVERSO LE SANZIONI: - AMMENDA DI € 1.500,00 ALLA SOCIETÀ, A TITOLO DI RESPONSABILITÀ DIRETTA EX ART. 4 COMMA 1 C.G.S., PER FATTI ASCRIVIBILI AL PROPRIO LEGALE RAPPRESENTANTE; - INIBIZIONE DI ANNI 5 AL SIG. D.D.C., INFLITTE SEGUITO DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE PER VIOLAZIONE DI CUI ALL’ART. 1 COMMA 1 C.G.S. – NOTA N. 2960/35 PF 13-14/GT/DL DELL’11.12.2013

Massima: La Corte, respinge il ricorso come sopra proposto dalla società e dispone la trasmissione di copia degli atti alla Procura Federale e al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di – omissis - ai fini delle valutazioni di competenza. In primo luogo, questa Corte non può esimersi dallo stigmatizzare i toni e le espressioni (in alcuni casi, trattasi, peraltro, di gravissime insinuazioni) contenute nel reclamo che risultano non rispettose dell’autorità e del prestigio che devono essere sempre riconosciuti alle decisioni degli Organi della giustizia sportiva, anche quando non se ne condividano le opinioni. Trattasi di toni ed espressioni che inducono questa Corte a disporre la trasmissione di copia del presente reclamo alla Procura Federale della F.I.G.C. ed al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di – omissis - (presso il cui albo degli avvocati risultano iscritti l’Avv. – omissis - e l’Avv. – omissis -), ai fini delle rispettive valutazioni in ordine alla rilevanza disciplinare dei predetti fatti nei confronti dei tesserati (– omissis - e – omissis -) che, sottoscrivendo la procura legale, hanno condiviso il contenuto del reclamo, e nei confronti degli avvocati che hanno firmato l’atto.

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.016/TFN del 30 Ottobre 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (437) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: M.I., T.R., T.N., F.M., A.A., R.I., F.C., G.L.C., C.B., L.D.M. e R.K.(calciatori della Società Calcio  Padova Spa, al tempo dei fatti della contestazione), Società CALCIO PADOVA Spa - (nota n. 7792/635 pf13-14 AM/blp del 26.6.2014).

Massima: I calciatori rispondono della violazione dell’art. 1, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per  avere, al termine della gara, deciso di sfilarsi le maglie di gioco e di abbandonarle a  terra, così cedendo ad una illegittima pretesa loro rivolta da propri sedicenti tifosi, di fatto  legittimandone il comportamento ingiurioso ed aggressivo. La società è oggettivamente responsabile.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.016/TFN del 30 Ottobre 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (452) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: G.A., A.C., L. L., V.D.C., A.M., A.A., M.B., S.M. (Calciatori tesserati per la Società Turris Neapolis Srl), F.M. (Dirigente accompagnatore della Società Turris Neapoli Srl), Società TURRIS NEAPOLIS Srl -(nota n. 7813/655 pf13-14 AM/ma del 27.6.2014).

Massima: A seguito di patteggiamento i calciatori sono sanzionati con 1 giornata di squalifica per la violazione disciplinare ex art. 1, comma 1, CGS, per aver deciso, al termine della gara, di spogliarsi delle maglie di gioco a fronte di una specifica richiesta di un gruppo di tifosi, cedendo così ad un’illegittima pretesa intimidatoria e di sudditanza. Il dirigente è sanzionato con giorni 20 di inibizione per la violazione ex art. 1, comma 1, CGS, per aver consentito, senza nulla obiettare, che i calciatori si spogliassero delle maglie su indebita pressione dei tifosi. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 1.200,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.009/TFN del 07 Ottobre 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (1) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: C.M.L.F.(Calciatore tesserato per la Società AC Milan Spa), Società AC MILAN Spa - (nota n. 142/706 pf13-14 SS/blp del 9.7.2014).

Massima: Il calciatore è sanzionato con la squalifica per 5  giornate di gara nel campionato della categoria di appartenenza per la violazione dall’art. 1, comma 1, CGS e della violazione di cui all’art. 11, comma 1, CGS per aver utilizzato, nel corso della gara, nei confronti di un calciatore avversario espressioni di contenuto razzista, discriminatorie e lesive della dignità della persona. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 5.000,00 Considerato, con riferimento alla eccezione preliminare sollevata, che l’arbitro della gara non si è sicuramente accorto di quanto accaduto sul campo come può rilevarsi nello stesso rapporto di gara nel quale nulla riferisce al riguardo, che, trattandosi di gara del Campionato Allievi e dunque relativa al Settore giovanile e scolastico, il potere della Procura federale di far pervenire una segnalazione al Giudice Sportivo entro le ore 16 del giorno feriale successivo a quello della gara non sussiste nella fattispecie essendo previsto per questo tipo di gare (a norma di quanto previsto dall’art. 35 comma 1.4 CGS) limitatamente ai casi di condotta violenta o per l’uso di espressioni blasfeme. Rilevato che la fattispecie in questione è quella prevista dall’art. 11 CGS (Responsabilità per comportamenti discriminatori) sanzionabile quale illecito disciplinare indipendentemente dall’ambito in cui viene posta in essere la condotta, per la quale correttamente la Procura federale è intervenuta non appena venuta a conoscenza di quanto accaduto, avvalendosi dei poteri di indagine ad essa attribuiti dall’art. 32 n. 9 del CGS; Ritenuto, dunque, che l’eccezione preliminare va rigettata in quanto la condotta contestata al – omissis - non è riservata, nel caso specifico, alla esclusiva cognizione del Giudice Sportivo.

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.007/TFN del 30 Settembre  2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (14) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: D.D.C.(Presidente della Società ASD Bojano), G.G. (soggetto svolgente attività nell’interesse della Società ASD Bojano), Società ASD BOJANO (nota n. 571/719 pf13-14/AM/ma del 29.7.2014).

Massima: Integra la violazione dell'articolo 1, comma 1, CGS, nonché dell'articolo 1, comma 1, CGS, in relazione all'art. 66, del R.O., l’aver inserito nelle distinte delle gare, un soggetto non tesserato e per aver omesso, nella prima gara, la presenza di un medico sociale. La società è sanzionata con l’ammenda di Euro 1.000,00

 

Decisione T.F.N.- Sezione Disciplinare: Comunicato Ufficiale n.005/TFN del 25 Settembre 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (455) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: M.C. (all’epoca dei fatti, allenatore della Società ASD Isernia FC), Società ASD ISERNIA FC - (nota n. 7845/690 pf13-14 AM/ma del 30.6.2014 - n. 284/690 pf13-14).

Massima: L’allenatore, è sanzionato con l’inibizione di mesi 6  per la violazione dell’ art. 1 comma 1 CGS, per avere, in occasione della gara, aggredito alle spalle il calciatore avversario colpendolo con un calcio all’inguine, causandone il trasporto all’ospedale per lesioni con una diagnosi di 10 giorni per la guarigione. La Società a titolo di responsabilità oggettiva è sanzionata con l’ammenda di Euro 2.000,00

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 003 del 31 Luglio 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (397) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: V.C.(Consigliere regionale FIGC del Comitato Friuli Venezia Giulia) - (nota n. 7583/932 pf13-14 AM/ma del 18.6.2014).

Massima: Il Consigliere del Comitato Regionale è sanzionato con l’inibizione di mesi 2 per la violazione dell’art. 1 comma 1 del CGS in relazione all’art. 10, comma 2, delle NOIF poiché entrava nello spogliatoio dell’arbitro, senza essere autorizzato, e, benché fosse un dirigente federale tenuto alla rettitudine sportiva e morale così come statuito dall’art. 10 comma 2 delle NOIF, assumeva nei confronti del Direttore di gara un atteggiamento minaccioso nonostante il predetto avesse assolto, ex artt. 60 delle NOIF, correttamente alle propria funzione di verifica della praticabilità del terreno di giuoco il tutto in occasione della gara.

 

Decisione C.G.F. : Comunicato ufficiale n. 005/CGF del 10 Luglio 2014 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 027/CGF del 13 Agosto 2014 e  su  www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare Nazionale - Com. Uff. n.  92/CDN del 27.6.2014

Impugnazione – istanza:4. RICORSO DELLA PROCURA FEDERALE AVVERSO IL PROSCIOGLIMENTO  DEL CALCIATORE F.S., DEI SIGG. Q.M.,  S.O. E DELLA SOCIETÀ AC SAVOIA 1908 SRL SSD, A TITOLO  DI RESPONSABILITÀ DIRETTA E OGGETTIVA AI SENSI DELL’ART. 4 COMMI 1 E 2  CGS, DALLE INCOLPAZIONI LORO ASCRITTE SEGUITO PROPRIO DEFERIMENTO  PER VIOLAZIONE RISPETTIVAMENTE DEGLI ARTT. 1 COMMA 1 CGS IN  RELAZIONE ALL’ART. 72 COMMA 5 NOIF, E 21, COMMA 1 NOIF – NOTA N. 7352/581  PF13-14AM/MA DEL 10.6.14

Massima: La Corte in accoglimento del ricorso proposto dalla Procura  Federale, commina al calciatore la sanzione dell’ammenda di € 500,00 per la violazione dell'art. 1, comma 1, CGS, nonché dell’art. 72, comma 5, CGS, per aver posto in essere condotte gravemente contrastanti con i comportanti cui ciascun tesserato è tenuto, in quanto espressione di solidarietà e pubblicità nei confronti di un soggetto comunque identificabile fra quelli  indicati dall’art. 1, comma 5, CGS, colpito da rilevanti misure cautelari di natura penale per gravi ipotesi di reato a seguito di un gol realizzato dalla propria squadra in gesto di esultanza avrebbe mostrato una maglia (indossata sotto quella ufficiale di gioco) con la scritta “solo per te” e l’immagine del Sig. – omissis -; quest’ultimo, all’epoca dei fatti “patron” (e non formalmente Presidente) della società, sottoposto a misura cautelare dall’Autorità Giudiziaria per i reati di turbativa d’asta, corruzione aggravata e concorso in associazione mafiosa. La chiara previsione regolamentare non è suscettibile di alcuna  interpretazione dal momento che la stessa dispone in maniera assolutamente inequivoca, recitando  come segue: “L’indumento eventualmente indossato sotto al maglia di gioco potrà recare  esclusivamente il marchio dello sponsor tecnico di dimensioni non superiori alle misure  regolamentari”.   L’inconfondibile prescrizione appena riprodotta, nella fattispecie è stata indubbiamente  violata e pertanto l’appello va accolto sotto tale profilo senza necessità di apprezzare le ulteriori  censure da ritenersi assorbite.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.92/CDN  del 27 Giugno 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (370) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI:  F.S.(Calciatore), Q.M.(Presidente della Società AC  Savoia 1908 Srl SSD), O.S.(Vice Presidente della Società AC Savoia 1908 Srl SSD), Società AC SAVOIA 1908 Srl SSD (nota n. 7352/581 pf13-14/AM/ma del 10.6.2014).

Massima: Il calciatore viene prosciolto dall’accusa di violazione dell'art. 1, comma 1, CGS, nonché dell’art. 72, comma 5, CGS, per aver posto in essere condotte gravemente contrastanti con i comportanti cui ciascun tesserato è tenuto, in quanto espressione di solidarietà e pubblicità nei confronti di un soggetto comunque identificabile fra quelli  indicati dall’art. 1, comma 5, CGS, colpito da rilevanti misure cautelari di natura penale per gravi ipotesi di reato a seguito di un gol realizzato dalla propria squadra in gesto di esultanza avrebbe mostrato una maglia (indossata sotto quella ufficiale di gioco) con la scritta “solo per te” e l’immagine del Sig. – omissis -; quest’ultimo, all’epoca dei fatti “patron” (e non formalmente Presidente) della società, sottoposto a misura cautelare dall’Autorità Giudiziaria per i reati di turbativa d’asta, corruzione aggravata e concorso in associazione mafiosa. Dalla visione delle immagini acquisite a mezzo DVD emerge che il calciatore – omissis -, nell’abbandonare il terreno di gioco a fine gara unitamente ai compagni di squadra, in un chiaro contesto di esaltazione per la vittoria conseguita, si rivolgeva in direzione della telecamera mostrando la maglietta indossata sotto quella di gioco, per poi guadagnare gli spogliatoi. Il contenuto del messaggio così veicolato (la scritta sulla maglietta “solo per te” associata all’immagine del “patron” in vinculis – omissis -) appare prima facie diretto a solidarizzare con il soggetto colpito da misura custodiale per gravi reati, ritenendolo evidentemente vittima di un errore giudiziario e conseguentemente a denigrare l’azione dell’Autorità Giudiziaria e offendere l’amministrazione della giustizia. Ciò evidentemente in contrasto con i doveri di correttezza del tesserato. A ben vedere, tuttavia, gli elementi di prova (“visiva”) acquisiti agli atti non consentono di attribuire al tesserato quel segmento di condotta diffamatoria ulteriore costituito appunto dall’intenzione di offendere l’operato della magistratura attraverso l’equiparazione logica:  solidarietà al “Presidente” arrestato - vittima di errore giudiziario. Un’estensione (quid pluris senza il quale il comportamento pur criticabile resta privo del requisito di concreta offensività) della condotta, a parere della Commissione, non sufficientemente supportata dal materiale probatorio disponibile. Maggiormente aderente al contesto (anche ambientale) ricostruito risulta invece la mera volontà di esprimere ed esternare gratitudine umana e “sportiva” al Presidente di fatto della società, suo datore di lavoro, in una circostanza di estrema difficoltà perché coinvolto in gravi vicende giudiziarie, mediante la dedica della vittoria.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.84/CDN  del 26 Maggio 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (260) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: S.O.A., M.A., G.C., A.D.S., N.D.R., V.L., M.M., G.M., A.M., G.P., S.S.,  N.S., D.V. (calciatori), E.M.  (Presidente della Società SS Monospolis Srl), Società MONOSPOLIS Srl - (nota n.  4742/274 pf13-14 AM/ma del 4.3.2014).

Massima: I calciatori sono sanzionati con 2 giornate di squalifica per la violazione dell’art. 1, comma 1,  del CGS, per aver, al termine della gara valevole per il Campionato serie D, su pressione dei tifosi entrati in campo dismesso le magliette di gioco e adagiate a terra. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 2.000,00.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.78/CDN  del 15 Maggio 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza:(288) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: N.C. (Presidente della Società AS Bisceglie 1913 Don Uva APD) - (nota n. 5225/303 pf13-14 AM/ma del 21.3.2014).

Massima: A seguito di patteggiamento il Presidente è sanzionato con l’inibizione di mesi 4  perché in occasione dell’annullamento di una rete e della contestuale espulsione del calciatore, i sostenitori della suddetta squadra lanciavano in campo soprattutto nella zona limitrofa all’assistente arbitrale n. 2, bottiglie, sassi e due fumogeni, intonando sino al termine della gara cori offensivi. Inoltre, una volta terminata la gara, circa 60/70 di costoro con fare minaccioso sostavano innanzi il cancello d’uscita degli spogliatoi, sicché la terna arbitrale, dopo circa un’ora di attesa, era costretta ad abbandonare l’impianto da una porta secondaria e raggiungeva l’aeroporto di Bari sotto scorta. Prima che ciò accadesse, appena la terna arbitrale era rientrata nello spogliatoio di competenza, una persona, che si definiva presidente della società, iniziava ad inveire contro gli arbitri, minacciandoli ripetutamente e poi, preso da un attacco di rabbia, sfondava a calci la porta di detto spogliatoio, facendo crollare l’intonaco e le mattonelle ivi esistenti e, una volta dentro, si dirigeva contro l’assistente, che non riusciva a raggiungere fisicamente per l’intervento dei suoi collaboratori.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.060/CDN  del 19 Marzo 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (208) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: D.R.(all’epoca dei fatti calciatore tesserato per la Società ASD FC Gladiator 1924, attualmente tesserato per la Società ASD Real Poggio De Marinis), Società ASD FC GLADIATOR 1924  (nota n. 3874/31 pf12-13 GT/dl del 28.1.2014).

Massima: A seguito di patteggiamento il calciatore è sanzionato con 2 giornate di squalifica per la violazione dell’art. 1, comma 1 e 3, CGS, in particolare, per avere, durante la disputa della finale dei play off del campionato di Eccellenza, intorno al 25’ del secondo tempo, dopo essersi alzato dalla panchina ove si trovava, raggiunto e colpito l’allenatore della squadra avversaria, in un primo momento spintonandolo e, successivamente, colpendolo con entrambi gli scarpini da calcio che teneva in mano, attingendolo alla parte parietale destra”.

 

Decisione C.G.F.: Comunicato ufficiale n. 236/CGF del 13 Marzo 2014 con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 326/CGF del 17 Giugno 2014  su  www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare Nazionale – Com. Uff. n.  54/CDN del 20.2.2014

Impugnazione – istanza:  3. RICORSO PROCURATORE FEDERALE VICARIO AVVERSO IL  PROSCIOGLIMENTO  - DEL CALCIATORE L.B., ALL’EPOCA DEI FATTI TESSERATO IN  FAVORE DELLA SOCIETÀ U.S.D. CAVESE 1919, DALLA VIOLAZIONE DELL’ART. 1,  COMMA 3, C.G.S.;  - DELLA SOCIETÀ U.S.D. CAVESE A TITOLO DI RESPONSABILITÀ OGGETTIVA  AI SENSI DELL’ART. 4, COMMA 2, C.G.S PER LE VIOLAZIONI ADDEBITABILI AL  PROPRIO TESSERATO, SEGUITO PROPRIO DEFERIMENTO - (NOTA N. 3539/119 PF13-14  AM/MA DEL 15.1.2014)

Massima: La Corte ridetermina la sanzione nella squalifica di 2 giornate effettive di gara al calciatore per non essersi presentato alla convocazione innanzi alla Procura Federale. La società è sanzionata con l’ammenda di € 250,00.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.91/CDN  del 25 Giugno 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (355) – APPELLO DI B.C.C.(Calciatore tesserato per la Società FCD Pro Marudo ASD) avverso squalifica per 10 giornate (Decisione CDT c/o CR Lombardia – C.U. 59 del 15.5.2014 – nota n. 5472/517 pf13-14/MS/vdb del 3.4.2014).

Massima: La Corte conferma la decisione della CDN con la quale il calciatore, a seguito di deferimento, è stato sanzionato con la squalifica per 10 giornate di gara, in ordine alla violazione disciplinare ex art. 1, comma 1, CGS, in relazione all’art. 35, comma 1.1, CGS, poiché, nel corso della gara (valevole per il Campionato Provinciale Giovanissimi), rivolgeva ad un avversario di colore, parole dal contenuto razzista, quali “scimmia” e “sporco negro”.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.89/CDN  del 20 Giugno 2014 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: (354) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: P.B. (all’epoca dei fatti persona che svolgeva attività all’interno e nell’interesse della Società ASG Nocerina Srl), Società ASG NOCERINA Srl - (nota n. 6911/171 pf13-14 AM/ma del 22.5.2014).

Massima: Il soggetto che all'epoca dei fatti, svolgeva attività all'interno e nell'interesse della Società è sanzionato con l’inibizione di anni 1 per la violazione di cui all'art. 1, comma 1, del CGS vigente, ai sensi dell'art. 1, comma 5, del CGS vigente, nonché per essersi introdotto indebitamente, poiché non ne aveva titolo, sul terreno di gioco e nel tunnel che conduce all'interno degli spogliatoi e ciò al termine della, e nell'occasione colpiva dapprima con uno schiaffo alla nuca il calciatore e successivamente con un pugno al volto il calciatore. Infatti in virtù delle immagini del sistema di videosorveglianza, che hanno consentito anche al Questore della Provincia di Salerno di emettere nei suoi confronti un provvedimento D.A.S.P.O., ai sensi dell'art. 6 della legge n. 401/89, per gli stessi fatti, con il conseguente divieto per 18 mesi di accedere su tutto il territorio nazionale nei luoghi dove si svolgono le manifestazioni sportive, il responsabile di dette aggressioni veniva successivamente identificato nel responsabile area marketing della Società così come qualificato peraltro dal sito ufficiale della Società. La società con l’ammenda di Euro 5.000,00

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.034/CDN  del 14 Novembre 2013 - www.figc.it

Impugnazione Istanza:(96) – DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI: E.P. (all’epoca dei fatti ed attualmente Presidente e Legale rappresentante della Società Genoa Cricket & Football Club Spa), Società GENOA CRICKET & FOOTBALL CLUB Spa - (nota n. 1943/1160 pf12-13 SP/blp del 28.10.2013).

Massima: A seguito di patteggiamento il legale rapp.te è sanzionato con Euro 10.000,00 di ammenda per la violazione dell’art. 1 commi 1 e 3 CGS, perchè all’uscita di un ristorante, aggrediva un video reporter di un quotidiano, che colpiva con dei calci e gli strappava dalle mani la telecamera, che la gettava a terra e la rompeva. La società è sanzionata con Euro 7.000,00 di ammenda.

 

Decisione C.G.F.: Comunicato ufficiale n. 089/CGF del 7 Novembre 2013 con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 190/CGF del 30 Gennaio 2014  su  www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare Nazionale – Com. Uff. n. 22/CDN del 4.10.2013

Impugnazione – istanza: RICORSO DEL CALC. B.D.AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA PER MESI 3 INFLITTA AL RECLAMANTE IN RELAZIONE ALLA GARA DEL CAMPIONATO JUNIORES PROVINCIALE, PONDERANO/VIRTUS VERCELLI DEL 19.05.2012 SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1, COMMA 1, C.G.S. - NOTA N. 8489/115PF 12-13/MS/VDB DEL 24.6.2013

Massima: La Corte riduce a mesi 2 la squalifica inflitta al calciatore, sanzionato in relazione ai fatti verificatisi in occasione della gara del Campionato provinciale Juniores, infatti, mentre assisteva quale spettatore alla gara in questione, si rendeva protagonista di una condotta gravemente minacciosa ed offensiva nei confronti del direttore di gara verso il quale, coinvolgendo ed incitando altre persone presenti sugli spalti, ripetutamente proferiva dalla tribuna frasi costituenti minaccia ed altamente lesive della dignità personale e della reputazione dell’arbitro. Tale condotta, resa ancora più eclatante dall’impiego da parte del calciatore di un megafono, si protraeva per tutto il corso della gara. Ed infatti, se, da una parte, nel caso in esame, tenuto conto delle caratteristiche soggettive ed oggettive della fattispecie, la corretta sanzione da comminare al Sig. – omissis - non può essere individuata nell’ambito dell’art. 19, comma 4 – che sanziona la condotta dei calciatori responsabili di infrazioni commesse in occasione e durante la gara (in particolare, nella lettera a), che sanziona con il minimo edittale di due giornate la condotta ingiuriosa o irriguardosa nei confronti degli ufficiali di gara) - dall’altra, trattandosi di condotta di un tesserato comunque rilevante ai sensi dell’art. 1, comma 1, C.G.S., il comportamento del – omissis -, tenuto conto della natura e della gravità dei fatti commessi, deve essere sanzionato in applicazione dell’art. 19, comma 1, lett. f) che stabilisce la sanzione della squalifica a tempo determinato; tuttavia, la Corte ritiene che, facendo applicazione nel caso specifico del principio di afflittività e proporzionalità, la sanzione comminata dalla Commissione disciplinare sia eccessivamente gravosa e possa pertanto essere ridotta a mesi 2.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.023/CDN  del 10 Ottobre 2013 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DELLA PROCURA FEDERALE A CARICO DI: G.A.(già calciatore della Società ASD Capitolina C/5, attualmente svincolato),  Società ASD CAPITOLINA C/5 - (nota n. 902/1230pf12-13/MS/vdb del 5.9.2013).

Massima: Il calciatore è sanzionato con mesi 2 di squalifica per il contegno tenuto nei confronti dell’avversario come relazionato nel rapporto del Commissario di campo, che al pari di  quello dell'arbitro, degli assistenti e del quarto ufficiale costituisce fonte privilegiata di  prova, nel senso che il relativo rilievo e il relativo valore fidefacente sono riconducibili alla  provenienza ed al ruolo ufficiale rivestito da chi lo redige.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.022/CDN  del 04 Ottobre 2013 - www.figc.it

Impugnazione Istanza:(475) – DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: D.B. (Calciatore), E DELLA Società ASD CITTANOVA INTERPIANA CALCIO - (nota n. 8489/115pf 12-13/MS/vdb del 24.6.2013).

Massima: Il calciatore presente tra il pubblico è sanzionato con mesi 3 di squalifica per la violazione di cui all’art. 1 comma 1 CGS per aver tenuto un comportamento gravemente irriguardoso ed offensivo nei confronti dell’arbitro. In particolare, dalla lettura degli atti si evidenzia che, nel rapporto della gara innanzi indicata, il Direttore di gara, tra i comportamenti del pubblico, annotava che il Sig. – omissis -, persona di sua conoscenza, presente tra il pubblico e tesserato per altra Società, dall’inizio alla fine della partita lo insultava, minacciava e offendeva con l’utilizzo di un megafono, urlando al suo indirizzo ogni tipo di epiteto. La società è sanzionata con Euro 1.000,00 di ammenda

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.013/CDN  del 12 Settembre 2013 - www.figc.it

Impugnazione Istanza: DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: M.N. (Preparatore Atletico della Società Trapani Calcio Srl), D.F.(Direttore Sportivo della Società Trapani Calcio Srl), Società TRAPANI  CALCIO Srl - (nota n. 8709/933 pf 12-13/AM/ma del 26.6.2013).

Massima: A seguito di patteggiamento il preparatore atletico è sanzionato con l’inibizione di giorni 60 per la violazione di cui all’art. 1, comma  1, del C.G.S., anche in relazione al disposto di cui all’art. 66, comma 1, delle N.O.I.F. e di  cui all’art. 35, commi 1 e 2, del Regolamento del Settore Tecnico, perché, in occasione  della gara del Campionato di Lega Pro, accedeva e stazionava nel recinto di gioco senza autorizzazione perché non iscritto nella distinta di gara e, nei minuti finali dell’incontro, si avvicinava alla panchina  avversaria al fine di comunicare il risultato di altra gara che comunque aveva rilevanza con  quella in corso. Anche il direttore sportivo è sanzionato perchè ometteva di impedire l’accesso e la permanenza nel recinto di gioco del tesserato non  autorizzato perché non iscritto nella distinta di gara. La società è sanzionata con l’ammenda di Euro 2.000,00

Decisione C.G.F.: Comunicato ufficiale n.012/CGF del 12 Luglio  2013  con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 077/CGF del 29 Ottobre  2013   su  www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare Nazionale – Com. Uff. n. 97/CDN del 7.6.2013

Impugnazione – istanza: 4. RICORSO AURORA PRO PATRIA 1919 S.R.L. AVVERSO LA SANZIONE DELLA AMMENDA DI € 10.000,00 INFLITTA SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DI CUI ALL’ART. 11, COMMI 3 E 4, C.G.S., A TITOLO DI RESPONSABILITÀ CONCORRENTE; EX ART. 4, COMMA 2, C.G.S. A TITOLO DI RESPONSABILITÀ OGGETTIVA, IN RELAZIONE A QUANTO ASCRITTO AL CALCIATORE P.L, SEGUITO GARA CASALE/PRO PATRIA DEL 19.1.2013 - NOTA N. 7164/561 PF12-13/SP/BLP DEL 9.5.20135. RICORSO CALC. P.L. AVVERSO LA SANZIONE DELLA SQUALIFICA PER 5 GIORNATE EFFETTIVE DI GARA INFLITTA SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE PER VIOLAZIONE DI CUI ALL’ART. 1, COMMA 1, C.G.S., E DELL’ART. 11, COMMA 1, C.G.S., SEGUITO GARA CASALE/PRO PATRIA DEL 19.1.2013 - NOTA N. 7164/561 PF12-13/SP/BLP DEL 9.5.2013

Massima: La Corte conferma la decisione del Giudice Sportivo con la quale il calciatore è stato  per la  condotta discriminatoria recante offesa per origine etnica, in occasione dell’incontro, in danno dell’avversario

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n.003/CDN  del 10 Luglio 2013 - www.figc.it

Impugnazione Istanza:  DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DI: F.T. (all’epoca dei fatti calciatore tesserato della Società Città Potenza Srl), S.R.(all’epoca dei fatti calciatore tesserato della Società Città  Potenza Srl), Società CITTÁ DI POTENZA Srl (già ATLETICO POTENZA) - (nota n.  8016/310pf12-13/AM/ma del 6.6.2013).

Massima: Il calciatore è sanzionato con 3 giornate di squalifica per la violazione dell’art. 1, comma 1,  del CGS, per aver consegnato al termine della gara valevole per il Campionato serie D, la  sua maglietta di gioco nella mani di sedicenti tifosi della curva a seguito di una dura  contestazione, cedendo così ad un’illegittima pretesa rivolta a lui e ad altri calciatori della  stessa squadra e di fatto legittimando un comportamento violento, intimidatorio ed  aggressivo da parte dei medesimi. La società è sanzionata con l’ammenda di euro 2.500,00. In punto di diritto, poi, occorre richiamare il principio enunciato da questa Commissione in  un caso analogo (in CU n. 66/CDN 2012/2013), secondo cui “…non può revocarsi in  dubbio che il togliersi di dosso la maglia di gioco durante una gara costituisce il venir meno  ai valori dello sport; non a caso il comune sentire esalta l’attaccamento ai colori sociali,  tanto è vero che l’atleta che interpreta in modo particolare tale attaccamento viene definito,  non solo dai propri tifosi, la bandiera. In questa precisa ottica, tradire siffatto valore  travalica il significato etico del principio di lealtà, probità e correttezza di cui all’art.1  comma 1 CGS, perché tradisce il senso d’appartenenza ed offende che (tifosi, dirigenti,  calciatori) in tale appartenenza crede e confida.”  La circostanza che il gesto in scrutinio sia stato commesso al termine della gara, e non già  durante il suo svolgimento, costituisce un’aggravante, considerato che non può venire in  soccorso l’ipotesi che la condotta fosse finalizzata a scongiurare la sospensione della gara  e le sanzioni che essa avrebbe generato.

 

Decisione C.G.F.: Comunicato ufficiale n. 223/CGF del 27 Marzo 2013 con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 002/CGF del 01 Luglio 2013   su www.figc.it

Decisione Impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare Nazionale – Com. Uff. n. 64/CDN del 4.2.2013

Impugnazione – istanza: 1. RICORSO U.S. GROSSETO F.C. S.R.L. AVVERSO LE SANZIONI: - AMMENDA DI € 10.000,00 ALLA RECLAMANTE AI SENSI DELL’ART. 4, COMMA  2, C.G.S. A TITOLO DI RESPONSABILITÀ OGGETTIVA; -  AMMENDA DI € 10.000,00 AL CALC. D.V.G.; - AMMENDA DI € 10.000,00 AL CALC. J.A., INFLITTE SEGUITO DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE, PER VIOLAZIONE DI CUI ALL’ART. 1, COMMA 1, C.G.S., IN RELAZIONE ALLA GARA VIRTUS LANCIANO/GROSSETO DEL 22.9.2012 (NOTA N. 3472/198 PF12-13 GR/MG DEL 7.12.2012) -

Massima: La Corte riduce la sanzione dell’ammenda inflitta ai calciatori ad Euro 3.000,00 per la violazione dell’art. 1, comma 1, C.G.S., per avere  gli stessi, circa un’ora dopo il termine della gara del campionato di serie B, nel recinto di giuoco dello stadio ., posto in essere un  litigio con conseguente colluttazione, poiché il litigio è derivato esclusivamente da incomprensioni e ragioni sportive di giuoco, lo stesso non ha prodotto conseguenze e la riappacificazione tra i soggetti coinvolti è stata immediata. Anche alla società la sanzione viene ridotta ad euro 3.000,00.

 

Decisione T.N.A.S.–C.O.N.I.: Lodo arbitrale del 05 febbraio 2013 –  www.coni.it

Decisione impugnata: Delibera della Corte di Giustizia Federale pubblicata sul C.U. n. 109/CGF del 7 dicembre 2012

Parti: Sig. P.A. / Federazione Italiana Giuoco Calcio

Massima TNAS: (2) Il gesto del giocatore di reclamare, mercé l’esibizione della propria maglia con una scritta, davanti alle telecamere della televisione, proprio durante lo svolgimento di una gara di calcio ed in occasione del particolare momento di esaltazione collettiva che caratterizza la segnatura del goal, l’innocenza di un soggetto riconosciuto dalla magistratura quale autore di un grave delitto, integra una condotta contraria ai doveri di lealtà e probità sanciti dall’art. 1 C.G.S., senza che lo stesso giocatore possa invocare a propria discolpa i diritti garantiti dall’art. 21 Cost.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 90/CDN  del 07 Giugno 2010 n. 3  - www.figc.it

Impugnazione - istanza: Deferimento della Procura Federale a carico di: C.V. (Presidente Onorario della Soc. ASD Mecobil Pese C/5) (nota n. 7064/545pf09- 10/AM/ma del 26.4.2010). Massima: Il presidente onorario della società è sanzionato con l’inibizione per anni 3 per la violazione prevista e punita dall'art. 1, comma 1 e 5, del C.G.S. vigente, perché al termine della gara del campionato nazionale di serie B Calcio a Cinque, dopo essersi qualificato come Presidente della Società ospitante, compiva atti di violenza nei confronti del direttore di gara, colpendolo con due schiaffi al petto.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 90/CDN  del 07 Giugno 2010 n. 3  - www.figc.it

Impugnazione - istanza: Deferimento della Procura Federale a carico di: C.V. (Presidente Onorario della Soc. ASD Mecobil Pese C/5) (nota n. 7064/545pf09- 10/AM/ma del 26.4.2010).

Massima: Il presidente onorario della società è sanzionato con l’inibizione per anni 3 per la violazione prevista e punita dall'art. 1, comma 1 e 5, del C.G.S. vigente, perché al termine della gara del campionato nazionale di serie B Calcio a Cinque, dopo essersi qualificato come Presidente della Società ospitante, compiva atti di violenza nei confronti del direttore di gara, colpendolo con due schiaffi al petto.

 

Decisione C.G.F.: Comunicato ufficiale n. 202/CGF del 19 Marzo 2010 n. 1 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 221/CGF del 14 Aprile 2010 n. 1 e  su  www.figc.it

Impugnazione – istanza: Deferimento dell’ufficio di Procura Antidoping del CONI a carico del calciatore Imad Agdid, attualmente tesserato in favore dell’A.S. C5 Futsal Carmenta, per violazione dell’art. 2.1 del Codice Wada.

Massima: Il calciatore è sanzionato con la squalifica (mesi 18) perché al termine della gara di Calcio a 5 è stato sottoposto a controllo antidoping e le relative analisi hanno dato esito positivo. Vengono riconosciute le attenuanti al calciatore per aver tenuto un comportamento corretto che lo ha indotto a riconoscere pienamente l’addebito ed una fattiva collaborazione, a fronte della quale ha indicato dapprima solo con il soprannome e quindi con le reali generalità ed il numero di tessera, altro atleta coinvolto nella medesima censurabile circostanza.

Decisione C.G.F.: Comunicato ufficiale n. 131/CGF del 20 Gennaio 2010 n. 1 e con motivazioni pubblicate sul Comunicato ufficiale n. 163/CGF del 23 Febbraio 2010 n. 1 e  su  www.figc.it Decisone impugnata: Delibera del Giudice Sportivo presso la Divisione Calcio a Cinque – Com. Uff. n. 303 del 24.12.2009

Impugnazione – istanza:1) Ricorso del Leonida Gragnano futsal avverso le sanzioni: a) dell’ammenda di € 2.500,00; b) della penalizzazione di 9 punti in classifica; c) della squalifica del terreno di gioco a tutto il 30.6.2010 con l’obbligo di disputare le gare in campo neutro e a porte chiuse; seguito gara Leonida Gragnano Futsal/Isef del 20.12.2009

Massima: La società è sanzionata con l’ammenda ad € 1.500,00, della penalizzazione a punti 6 in classifica e della squalifica del terreno di giuoco fino al 31.3.2010 perché a seguito di un diverbio fra due calciatori, quasi tutti i calciatori della squadra ospitante si scagliavano contro gli avversari colpendoli con calci e pugni, sicchè, l’arbitro, vista l’impossibilità di riportare la calma essendo risultato vano anche l’intervento dell’allenatore, inutilmente adoperatosi per placare gli animi, decideva di sospendere l’incontro. Pur senza voler in alcun modo sminuire la notevole antisportività dell’accaduto, tanto più grave ove si consideri la modesta rilevanza della causale, la giovane età dei protagonisti ed infine il fatto che la società non aveva provveduto a fornire alla propria squadra un congruo sostegno dirigenziale, è innegabile che le doglianze avanzate con l’atto di impugnazione abbiano un qualche fondamento. Il vano prodigarsi dell’allenatore che, come refertata l’arbitro, anche dopo la sospensione, rimproverò aspramente i propri calciatori, va tenuto nella debita considerazione e costituisce sufficiente motivo per circoscrivere il perimetro sanzionatorio in un’area meno affittiva che, comunque, non sottovaluti l’incidenza negativa dell’evento.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 48/CDN  del 21 Dicembre 2009  n. 4 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: Deferimento del Procuratore Federale a carico di: R. C. (calciatrice attualmente svincolata) e della società ASD CF Bardolino Verona (nota n. 2633/107pf09-10/ms/vdb del 16.11.2009).

Massima: Il responsabile del settore calcio a cinque femminile della società risponde della violazione dell’art. 1, comma 1, CGS, per aver rivolto espressioni ingiuriose al Delegato Regionale della FIGC

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 05/CDN  del 07 Luglio 2009  n. 1 - www.figc.it Impugnazione - istanza: Deferimento del Procuratore Federale a carico di: P. R.(Consigliere del Consiglio di Amministrazione della Soc. Calcio Lecco 1912 SpA) e della società Calcio Lecco 1912 SpA (nota n. 7213/550pf08-09/AM/ma dell’8.5.2009).

Massima: Su deferimento della Procura federale l’amministratore della società è sanzionato con l’inibizione per aver al termine della gara del Campionato Lega Pro, nell’area degli spogliatoi, durante una discussione, colpito al volto con una mano l’allenatore della squadra avversaria. Di tale comportamento ne risponde anche la società ai sensi dell’art. 4, co. 2, CGS a titolo di responsabilità oggettiva per la violazione ascritta al proprio consigliere di amministrazione con conseguenza irrogazione della sanzione dell’ammenda.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 100/CDN  del 12 Giugno 2009  n. 3 - www.figc.it

Impugnazione – istanza: (259) – Deferimento della Procura Federale a carico di: E.R.M. (Presidente della Soc. Valle D’Aosta Calcio) (nota n. 6226/603pf08-09/AM/ma del 9.4.2009).

Massima: Il Presidente della Società risponde della violazione dell’art. 1, comma 1 del C.G.S. per aver rivolto espressioni gravemente oltraggiose, offensive e minacciose al direttore di gara e nei confronti della classe Arbitrale, in occasione della gara.

 

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 35/CDN  del 13 novembre 2008  n.  1 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: (68) – Deferimento del Procuratore Federale a carico di: M.C. (Presidente della Soc. Cagliari Calcio SpA) e della società Cagliari Calcio SpA (nota n. 1810/738pf07-08/SP/blp del 20.10.2008)

Massima: Il Presidente della società risponde della violazione dell’art. 1 comma 1, CGS, (secondo il quale i soggetti che svolgono attività di carattere agonistico, tecnico, organizzativo, decisionale o comunque rilevante per l’ordinamento federale, devono comportarsi secondo i principi di lealtà, correttezza e probità in ogni rapporto comunque riferibile all’attività sportiva) perché durante lo svolgimento della gara, in occasione della realizzazione della seconda rete da parte della propria squadra, ha proferito una espressione offensiva nei confronti dei sostenitori della squadra avversaria. Consegue la sanzione dell’ammenda sia a carico del Presidente e sia a carico della società a titolo di responsabilità diretta. Tale comportamento è stato provato da articoli di stampa e DVD con registrazione della gara prodotti dall’Ufficio Indagini.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 29/CDN  del 23 ottobre 2008  n.  2 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: (20) – Deferimento del Procuratore Federale a carico di: G.C. (Presidente della Soc. AC Martina Srl), D.P. (dirigente responsabile sicurezza della Soc. AC Martina Srl), D.S. (addetto al servizio d’ordine della Soc. AC Martina Srl) e della società AC Martina Srl (nota n. 181/1426pf07-08/AM/ma del 10.7.2008)

Massima: Il presidente della società risponde della violazione dell’art. 1, comma 1, del CGS, per avere aggredito il Dirigente dell’Ordine Pubblico colpendolo con una manata al petto. Consegue la sanzione dell’inibizione a carico del presidente e quella dell’ammenda a carico della società.

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 26/CDN  del 16 ottobre 2008  n.  6 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: (338) – Deferimento del Procuratore Federale a carico della società Morro D’Oro Srl (nota n. 4631/494pf07-08/GT/en dell’8.5.2008)

Massima: La società risponde ai sensi dell’art. 4, commi 3 e 4 del nuovo CGS, della violazione di cui all’art. 14, comma 1 CGS, in relazione all’art. 62, comma 2 NOIF, per avere fuori dal recinto di giuoco ed al termine della gara, proprio personale non identificato ed alcuni sostenitori, tenuto comportamento ostile e minaccioso nei confronti dell’Osservatore Arbitrale, strattonandolo ed offendendolo in modo da ritardarne l’accesso agli spogliatoi per raggiungere l’Arbitro. E ciò, in quanto, la società non ha diligentemente operato, affinchè venisse impedita la presenza di estranei, ma sicuramente sostenitori della società stessa, nelle immediate vicinanze degli spogliatoi e di non aver saputo identificare il proprio personale addetto all’apertura del cancello, consentendo così a costoro comportamenti ostili e minacciosi nei confronti del O.A., fino a strattonarlo ed offenderlo. Consegue la sanzione dell’ammenda.

 

Decisione C.G.F.: Comunicato Ufficiale n. 161/CGF Riunione del 30 maggio 2008  n. 6 con motivazione sul Comunicato Ufficiale n. 272/CGF Riunione del 21 luglio 2008 n.6  - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera del Giudice Sportivo presso il Comitato Interregionale – Com.  Uff. n. 12 del 19.5.2008

Impugnazione - istanza:  Ricorso dell’ U.S.D. Siracusa S.r.l. avverso le sanzioni: squalifica per 3 gare effettive al sig. A.G.; squalifica per 2 gare effettive al sig. G.S.; inflitte seguito gara Bacoli Sibilla/Siracusa del 18.5.2008

Massima: Il fatto che le ingiurie e le minacce siano state rivolte all'arbitro, ovvero quel soggetto che, nell’ambito della competizione sportiva, assume il ruolo di garante delle regole e di rappresentante dell’ordinamento sportivo nel suo complesso, impone che esse non siano in nessun caso giustificate e siano anzi adeguatamente sanzionate.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 60/CDN del 30 maggio 2008 n. 4 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: – Deferimento del Procuratore Federale a carico di: F.S. (dirigente Cagliese Calcio) e della societa’ Cagliese Calcio (nota n. 2426/609pf06-07/sp/en del 30.1.2008)

Massima: Il dirigente è sanzionato con la inibizione per aver violato l’art. 1 comma 1 CGS e l'art. 62 comma 1 NOIF (che impone alle società il dovere di accogliere cortesemente e di ampiamente tutelare i dirigenti federali, gli ufficiali di gara e le comitive delle Società ospitate prima, durante e dopo lo svolgimento della gara) allorquando al termine della gara aggredisce l’allenatore della società avversaria causandogli non lievi conseguenze di natura fisica certificate. Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 57/CDN del 22 maggio 2008 n. 1 - www.figc.itImpugnazione - istanza: Deferimento del procuratore federale a carico di: F.D.M., E.P., F.B.P. (calciatori ASD Nuova Cavallino), V.C. (dirigente ASD Nuova Cavallino), A.S. (dirigente federale con qualifica di componente della delegazione Provinciale di Lecce della FIGC) e della Società ASD Nuova Cavallino (nota n. 3184/174pf07-08/SP/en del 28.2.2008).

Massima: La società, a seguito di deferimento da parte del procuratore federale, è sanzionata con la penalizzazione di punti (3) in classifica per aver i propri tesserati posto in essere atti di inaudita violenza in occasione della gara nei confronti dei calciatori avversari che si sono concretizzati nella violazione dell’art. 1 comma 1 CGS. Per tali fatti il Comando della locale Stazione dei Carabinieri ha provveduto a denunciare più persone.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 59/CDN del 29 maggio 2008 n. 4 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: – Deferimento del Procuratore Federale a carico di: A.R. (dirigente US Sestri Levante) e della Società US Sestri Levante (nota n. 2486/788pf06-07/SP/ma del 1.2.2008)

Massima: Il dirigente della società risponde della violazione dei doveri di correttezza e probità di cui all’art. 1, comma 1, del CGS, per avere aggredito l’Osservatore Arbitrale, sugli spalti dello stadio Comunale, dapprima spingendolo ripetutamente con il petto fino a farlo cadere sulla fila di posti inferiore, quindi colpendolo con due calci all’altezza dei glutei; la società è responsabile per violazione dell’art. 2, comma 4, del CGS vigente all’epoca dei fatti, oggi trasfuso nell’art. 4, comma 2, CGS, a titolo di responsabilità oggettiva per i comportamenti ascritti al suo dirigente.

 

 Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 46/CDN del 10 aprile 2008 n. 2 - www.figc.it

Impugnazione – istanza: (118) – Deferimento del Procuratore Federale a carico di: V.B. (tesserato AS Ippogrifo Sarno) per violazione art. 1 comma 1 CGS e art. 66 NOIF, A.P. (dirigente AS Ippogrifo Sarno) e G.G. (calciatore FC Francavilla) per violazione art. 1 comma 1 CGS e delle società AS Ippogrifo Sarno e FC Francavilla per violazione art. 2 comma 4 (oggi art. 2 comma 4) (nota n. 1584/600pf06-07/sp/en del 7.12.2007)

Massima: Chi partecipa ad una rissa, su deferimento della procura federale risponde della violazione dell’art. 1 comma 1 CGS. Anche la società è sanzionata a titolo di responsabilità oggettiva.

 

Decisione C.G.F.: Comunicato Ufficiale n. 27/CGF Riunione del 12 ottobre 2007 n. 4 con motivazione sul Comunicato Ufficiale n. 98/CGF Riunione del 4 febbraio 2008 n. 4 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera del Giudice Sportivo presso il Comitato Interregionale – Com. Uff. n. 26 del 26.9.2007

Impugnazione - istanza:Ricorso A.S. Pro Belvedere Vercelli avverso la sanzione dell’ammenda di € 1.000,00 inflitta alla reclamante seguito gara A.S. Pro Belvedere Vercelli/Rivolese 1906 del 23.9.2007

Massima: Non integra la violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S. la mancata effettuazione del saluto FAIRPLAY a fine gara come disposto dal Comitato Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti, con disposizione emanata il 30.8.2006 avente ad oggetto “Disposizioni in materia di fair play”, quando la scelta di non dare corso alla procedura di fair-play sia stata effettuata dall’arbitro, al quale è intestato l’insindacabile potere di stabilirne la sussistenza delle condizioni, senza – però – che sia stato opposto alcun rifiuto dalla società partecipanti.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 25/CDN del 18 Gennaio 2008 n. 2 - www.figc.it

Impugnazione - istanza:Deferimento del Procuratore Federale a carico di: J.C. (calciatore tesserato AC Castellettese attualmente in prestito AC Vergiatese) per violazione art. 1 comma 1 CGS e della società AC Castellettese per violazione art. 2 comma 4 CGS (trasfuso nell’art. 4 comma 2 CGS) (nota n. 797/537pf06-07/sp/ma del 19.10.2007).

Massima: Il calciatore risponde della violazione dell’art. 1, comma 1, CGS per aver aggredito alle spalle e colpito con un pugno un avversario di giuoco causandogli una ferita lacero – contusa suturata con tre punti.

 

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 25/CDN del 18 Gennaio 2008 n. 1 - www.figc.it

Impugnazione - istanza: Deferimento del Procuratore Federale a carico della società SS Manfredonia Calcio Srl per violazione art. 11 CGS vigente all’epoca dei fatti (oggi trasfuso nell’art. 14 CGS) (nota n. 1013/544pf06-07/sp/en del 5.11.2007).

Massima: Quando emerge in modo pacifico che l’aggressione posta in essere nei confronti del giornalista è stata opera di sostenitori della società e che essa è avvenuta all’interno dello stadio deriva l’indubbia responsabilità oggettiva del sodalizio per violazione art. 11 CGS vigente all’epoca dei fatti (oggi trasfuso nell’art. 14 CGS)

Decisione C.D.N.: Comunicato Ufficiale n. 21/CDN del 20 Dicembre 2007 n. 1 - www.figc.it

Impugnazione - istanza:Deferimento del Procuratore Federale a carico di: P.F. (presidente e legale rappresentante Reggina Calcio SpA) per violazione artt. 1 comma 1 e 10 comma 6 CGS vigente all’epoca dei fatti e della societa’ Reggina Calcio SpA per violazione artt. 2 comma 4 e 10 comma 4 CGS vigente all’epoca dei fatti (nota n. 681/238pf06-07/sp/ma dell’ 8.10.2007).

Massima: Il Presidente della società è responsabile della violazione dell’art. 1 comma 1 CGS per avere – in occasione della gara - rivolto all’arbitro una frase ingiuriosa specificamente evidenziata nel corso della trasmissione televisiva”, andata in onda sulla seconda rete RAI. Infatti, rivolgere frasi volgarmente ingiuriose nei riguardi del direttore di gara va ben al di là, infatti, delle esternazioni legittimamente consentite dal corretto esercizio del diritto di critica. Altrettanto indubitabile è che il comportamento tenuto dal deferito sia contrario ai doveri di lealtà, probità e correttezza che fondano l’ordinamento sportivo, anche in considerazione della qualifica soggettiva dal medesimo rivestita al momento del fatto, commesso per di più in costanza di esecuzione di una precedente sanzione dell’Organo disciplinare.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 38/C Riunione del 25 febbraio 2006 n.1 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti – Com. Uff. n. 260 del 23.2.2006

Impugnazione - istanza: Appello del Procuratore Federale avverso l’annullamento della sanzione della squalifica inflitta al calciatore L.R.A., ex art. 31, lett. a3), C.G.S., per due giornate effettive di gara .

Massima: E’ costante giurisprudenza che sia qualificabile come condotta violenta l’atto intenzionale che provoca o che è idoneo a provocare conseguenze pregiudizievoli in danno dell’avversario; giudizio che è da formulare ex ante ed in concreto, si versa, infatti, in tema di illecito di pericolo a consumazione anticipata. Nella fattispecie non ci si può esimere dall’esaminare le modalità del fatto quali: 1) la notevole apertura del braccio, la velocità e forza del gesto, la posizione e l’atteggiamento della sua mano; 2) la mano dell’avversario attinta con forza; 3) la posizione del viso dell’avversario prima della mano rispetto alla traiettoria dello schiaffo; 4) la rotazione del viso dell’avversario che dimostra o che l’impatto vi è stato o che il suo movimento ha avuto una finalità difensiva, non potendo essere svilito e mero riflesso condizionato;5) la posizione della mano dell’avversario vicinissima al viso. Desumendosi da ciò, e quindi dalle modalità complessive del fatto, l’intenzionalità aggressiva, l’estraneità e gratuità assoluta del gesto rispetto all’azione di gioco che proseguiva in altra zona del campo.

 Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 32/C Riunione del 26 gennaio 2006 n. 2 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti – Com. Uff. n.220 del 23.1.2006

Impugnazione - istanza:Appello del calciatore D.C.P. avverso le sanzioni della squalifica per una giornata effettiva di gara e l’ammenda di € 10.000,00, inflitte a seguito di deferimento del Procuratore Federale, per violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S.

Massima: Il calciatore è responsabile della violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S. ed è sanzionato con la squalifica e l’ammenda per aver posto in essere un “saluto romano”. Consegue, la responsabilità oggettiva della società che sarà sanzionata con l’ammenda.Non devesi tener conto del significato che soggettivamente si vuole attribuire ad un determinato comportamento, ma va considerato l’aspetto oggettivo che può ricondursi al comportamento medesimo, per come lo stesso può essere generalmente recepito. Nella fattispecie, rilevato che il saluto è avvenuto con il braccio teso, la mano tesa e le dita serrate, non v’è dubbio che lo stesso possa essere oggettivamente definito e qualificato come “saluto romano”, mentre in termini altrettanto oggettivi può affermarsi che detto peculiare saluto, nella comune accezione, oltre che ad una collocazione storica ben determinata, può essere immediatamente ricondotto a ben precisa ed individuata ideologia politica. La CAF non deve fare alcuna valutazione delle idee altrui, sindacarle o vulnerarle, ma ritiene che l’ideologia politica non possa in nessuna maniera interferire con il mondo dello sport. Detta interferenza deve peraltro essere vieppiù censurata, inibita e sanzionata quando la stessa sia idonea a creare contrapposizioni ideologiche, prodromiche anche in via meramente potenziale, di fatti o reazioni violente. Non può altrettanto condividersi che il gesto del calciatore sia distintivo di una particolare appartenenza ad una tifoseria. Il calciatore dimostra la sua appartenenza in termini oggettivi indossando la maglia della propria squadra ed i colori sociali e non ha necessità di ricorrere ad altri segni distintivi, soprattutto, se i detti ulteriori segni distintivi siano evocativi di fatti non riconducibili alla mera attività sportiva. Non può rilevare altresì la circostanza che il gesto in sé non abbia provocato conseguenze concrete ed immediate. L’esternazione politica deve essere vietata come dato oggettivo nell’ambito di un’attività sportiva, a prescindere dai suoi conseguenti effetti, semplicemente perché lo sport e la politica devono restare rigorosamente separati ed a nessuno deve essere consentita la benché minima esternazione politica in ambito sportivo.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 20/C Riunione del 28 novembre 2005 n. 2 - www.figc.it

Impugnazione - istanza:Deferimento alla C.A.F. della Procura Federale ai sensi degli artt. 29, comma 6 e 31, comma 1 dello statuto della F.I.G.C. a carico: - del sig. P.F., arbitro effettivo della sezione A.I.A. di Macerata, per violazione dell’art. 1, comma 1, C.G.S.; - della sig.ra T.G. dirigente accompagnatrice dell’A.C.F. Porto Santo Elpidio, per violazione dell’art. 1, comma 1, in riferimento all’art. 66, comma 2 delle N.O.I.F.; - del sig. G.G., dirigente addetto all’arbitro, dell’A.C.F. Porto Santo Elpidio, per violazione dell’art. 1, comma 1, in riferimento all’art. 66, comma 2 delle N.O.I.F.; - la societa’ A.C.F. Porto Santo Elpidio, per la violazione di cui all’art. 2, commi 3 e 4 C.G.S.

Massima: Gli incolpati tutti vanno prosciolti dagli addebiti quando, a parte il fatto che non risulta agli atti l’identificazione del soggetto nei confronti del quale sarebbe stata proferita l’ingiuria, non può non riscontrarsi una carenza di elementi probatori risultando tale espressione essere stata sentita da coloro che hanno poi provveduto a fare la denunzia, espressione negata dall’incolpato e soprattutto espressione non sentita dagli altri componenti la terna arbitrale. In estrema sintesi non vi è la certezza che quelle espressioni vennero usate in quel contesto di gioco nei confronti di una non ben identificata calciatrice.

Massima: Gli incolpati tutti vanno prosciolti dagli addebiti quando l’ingiuria risulta essere stata comunque proferita come espressione ma diverso era l’intento che alla stessa era stata data dal Direttore di gara, che l’aveva pronunciata, e diversa da coloro che l’avevano sentita ma che avevano dato un significato diverso, probabilmente colpiti dalla crudezza della espressione non avevano fatto attenzione alle altre parole profferite dal direttore di gara nello stesso contesto.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 17/C Riunione del 14 novembre 2005 n. 2 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti - Com. Uff. n. 119 del 20.10.2005

Impugnazione - istanza: Appello del Procuratore Federale avverso la declaratoria di inammissibilità del deferimento a carico del calciatore J.F.P.V. per violazione dell’art. 1 C.G.S. e della societa’ Livorno per violazione dell’art. 2 commi 3 e 4 C.G.S, per responsabilità oggettiva

Massima: La condotta antiregolamentare, non rilevata dall’arbitro della gara, posta in essere dal calciatore deve considerarsi violenta in base alla regola 12 del Regolamento del Giuoco del Calcio e per il novellato art. 31 C.G.S.. Nello specifico il comma a 3), statuisce che limitatamente ai fatti di condotta violenta o gravemente antisportiva non visti dall’arbitro, che di conseguenza non ha potuto prendere decisioni al riguardo, il Procuratore Federale fa pervenire al G.S. riservata segnalazione entro le ore 12 del giorno successivo a quello della gara. Il preciso dettato della norma preclude, pertanto, in via assoluta ed in virtù della eccezione voluta dal Legislatore Federale, limitatamente ai fatti di condotta violenta o gravemente antisportiva non visti dall’arbitro, il ricorso alla procedura alternativa seguita dal Procuratore Federale ex art. 1 comma 1 C.G.S. Previsione procedurale, si ribadisce, di natura speciale ed esclusiva, che risponde ad evidenti esigenze di tempestività ed immediatezza nell’intervento sanzionatorio di esclusiva competenza del Giudice Sportivo come correttamente argomentato dalla difesa degli incolpati. E’ pur vero, che la lettera A) del cit. art. 31 C.G.S. prevede che gli organi di giustizia sportiva possono utilizzare altresì ai fini di prova le relazioni dell’ Ufficio Indagini, fatta salva, per, l’eccezione procedurale di cui al comma a 3). Procedimento speciale che, non potrebbe essere ovviato neppure, quando il filmato non sia stato reperibile nei termini temporali utili per la segnalazione riservata del Procuratore Federale o nella estrema ipotesi in cui la condotta violenta o gravemente antisportiva sia sfuggita anche alle molteplici telecamere operanti sul campo che, quindi, non la hanno potuta documentare con il filmato.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 7/C Riunione del 8 settembre 2005 n. 4 - www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Interregionale – Com. Uff. n. 208 del 14.7.2005

Impugnazione - istanza:Appello dell’A.S.D. Folgore Selinunte avverso le sanzioni delle inibizioni inflitte al signor D.D. per mesi 5 e al signor M.B. per mesi 4 , la sanzione dell’ammenda di € 1.000,00 alla reclamante a seguito di deferimento del Procuratore Federale

Massima: La società risponde della violazione dell’art. 1 C.G.S. commessa, rispettivamente dal Presidente e dal Consigliere della società (relativamente alle gravi minacce rivolte al Commissario di Campo ed all’arbitro durante l’intervallo tra primo e secondo tempo della gara in epigrafe indicata) ed è sanzionata a titolo di responsabilità diretta ed oggettiva ai sensi dell’art. 2, comma 4, C.G.S. con la sanzione dell’ammenda.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale 37/C Riunione del 7 Aprile 2005 n. 4 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti - Com. Uff. n. 289 del 20.1.2005

Impugnazione - istanza:Appello F.C. Messina avverso le sanzioni dell’ammenda di € 10.000,00 ad essa reclamante e dell’ammenda di € 10.000,00 con ammonizione al calciatore Z.R., inflitte a seguito di deferimento del Procuratore Federale rispettivamente per violazione degli artt. 2 comma 4 e 1 comma 1 C.G.S.

Massima: Il calciatore è responsabile della violazione dell’art. 1 comma 1 del C.G.S. per avere, durante la gara, rivolto ai sostenitori un saluto con il pugno chiuso. Il gesto addebitato al calciatore, consistito nel piegare il braccio con la mano chiusa a pugno, non è confondibile con un normale gesto di saluto ma ha un chiaro significato ideologico, quale saluto di natura politica. Il diritto costituzionalmente garantito di esprimere liberamente il proprio pensiero, anche politico, non è in discussione, va ribadito che la condotta del calciatore deve qualificarsi come antiregolamentare perché estranea al contesto agonistico di disputa di una gara ed inconciliabile con la rivalità sportiva. Consegue la sanzione dell’ammonizione a carico del calciatore e quella dell’ammenda a carico della società, responsabile, a titolo di responsabilità oggettiva del comportamento del proprio calciatore.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale 37/C Riunione del 7 Aprile 2005 n. 3 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti - Com. Uff. n. 265 del 10.3.2005

Impugnazione - istanza:Appello della S.S. Lazio avverso le sanzioni dell’ammenda di € 10.000,00 ad essa reclamante e l’ammenda di € 10.000,00 con ammonizione al calciatore D.C.P., inflitte a seguito di deferimento del Procuratore Federale rispettivamente per violazione degli artt. 2 comma 4 e 1 comma 1 C.G.S.

Massima: Su deferimento del Procuratore Federale,in virtù di segnalazione da parte del collaboratore dell’Ufficio Indagini il calciatore risponde della violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S. per avere rivolto ai propri sostenitori, dopo il termine della gara, un saluto con il braccio destro teso, gesto interpretabile come c.d. saluto romano. La società è responsabile a titolo di responsabilità oggettiva ai sensi dell’art. 2, comma 4 C.G.S., per la violazione ascritta al proprio tesserato. Una volta accertata la connotazione politica del gesto compiuto dal calciatore, non vi sono dubbi sulla rilevanza disciplinare dello stesso, non essendo ammissibile che, nell’ambito di un evento agonistico, vengano poste in essere manifestazioni estranee alla rivalità sportiva ed idonee ad evocare qualsiasi tipo di ideologia, col rischio potenziale (come evidenziato dai primi giudici) di provocare atteggiamenti violenti da parte delle tifoserie. In conclusione, la delibera impugnata merita integrale conferma, anche in punto entità delle sanzioni, non essendo neppure stato formulato al riguardo un motivo di appello. Consegue la sanzione dell’ammonizione per il calciatore e quella dell’ammenda per la società.

 

 Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale 30/C Riunione del 7 Febbraio 2005 n. 3 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Interregionale - Com. Uff. n. 80 del 17.12.2004

Impugnazione - istanza:Reclamo della A.S. Città di Lecco avverso la sanzione dell’inibizione per mesi 4 inflitta al sig. A.G., presidente dell’A.S. Città di Lecco, e quella dell’ammenda di € 1.000,00 inflitta ad essa reclamante a seguito di deferimento del Procuratore Federale, rispettivamente per violazione degli artt. 1 comma 1 e 2 comma 4 C.G.S.

Massima: Su deferimento della procura federale il presidente della società è responsabile della violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S. per aver rivolto, in occasione della gara, al commissario di campo frasi irriguardose, come risultano dal rapporto dello stesso commissario. Ne deriva la sanzione dell’inibizione. Conseguentemente ne discende la responsabilità diretta della società ex art. 2 comma 4 C.G.S. che è punita con l’ammenda.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale 3/C Riunione del 19 Luglio 2004 n. 7 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C - Com. Uff. n. 334/C del 30.6.2004

Impugnazione - istanza:Appello del Frosinone Calcio avverso la sanzione della squalifica del calciatore D.J.R. fino al 15.9.2004 e dell’ammenda di € 500,00 alla società a seguito di deferimento del Procuratore Federale

Massima: Il calciatore che stacca le reti delle porte del campo di gara, provocando un ritardo nella ripresa del giuoco di circa 10 minuti, dovuto alla necessità di ripristinare la regolarità delle porte, viene deferito dalla Procuratore Federale alla Commissione Disciplinare per rispondere della violazione dell’art. 1 comma 1) C.G.S. La condotta del calciatore assume carattere di grave scorrettezza ed antigiuridicità, avendo pesantemente influito sui tempi di effettuazione della gara con indebita interferenza sul potere di disciplinarne l’ordinato svolgimento, che compete all’arbitro in via esclusiva. Né tale antigiuridicità può dirsi elisa dal convincimento del calciatore di perseguire una finalità conforme a giustizia, non essendo ovviamente consentito ai tesserati di esercitare direttamente le proprie ragioni mediante condotte per di più contrarie ai principi di lealtà e correttezza sanciti dall’art. 1 comma 1 C.G.S.. (Nel caso di specie dalla relzione dell’Ufficio Indagini si evince che si è trattato non di una iniziativa estemporanea e stravagante del calciatore, bensì di una condotta deliberatamente intesa a procrastinare di un tempo rilevante la ripresa del giuoco, al fine di “bilanciare” il ritardo con il quale si stava svolgendo altra gara, impedendo in tal modo alla squadra, avversaria in classifica, di conoscere anticipatamente il risultato della gara della propria squadra).

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 25/C Riunione del 29 marzo 2001 n. 1 – www.figc.it

Decisione impugnata: Decisioni della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C di cui al Com. Uff. n. 135/C del 31.1.2001

Impugnazione - istanza:Appelli del Procuratore Federale, del calciatore F.M. e del Calcio Como avverso decisioni della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C, a seguito di deferimento del Procuratore Federale in relazione agli episodi verificatisi dopo la gara Como/Modena del 19.11.2000. F.M., squalifica fino al 31.12.2003; Calcio Como, ammenda di L. 3.000.000

Massima: Il calciatore risponde della violazione dell’art. 1 comma 1 Cod. Giist. Sport. per aver posto in essere la condotta antiregolamentare così descritta: “dopo circa un’ora dal termine della gara, incrociando in un corridoio che collega la sala stampa con gli spogliatoi delle due squadre il calciatore avversario, lo aggrediva colpendolo con un violento pugno al viso, che lo faceva cadere rovinosamente per terra”, subito soccorso e trasportato all’Ospedale, veniva riscontrato un trauma cranico e, stante la gravità delle lesioni cerebrali subite, egli era immediatamente sottoposto ad intervento chirurgico.  Massima: In tema di applicazione dell’art. 1 C.G.S. sussiste un evidente rapporto di causalità tra l’evento (scontro tra calciatori all’interno dello spogliatoio) e il precedente scontro sul campo di giuoco. L’atto violento si è consumato all’interno della struttura sportiva e quando erano ancora presenti i calciatori delle due squadre, di tal che deve ritenersi sussistente la responsabilità oggettiva della società che, a norma di regolamento, consegue in termini automatici a quella personale del tesserato colpevole dell’illecito.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 8/C Riunione del 26 ottobre 2000 n. 2 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C - Com. Uff. n. 25/C del 27.9.2000

Impugnazione - istanza:Appello del Pisa Calcio avverso le sanzioni dell’inibizione fino al 31.12.2000 al sig. G.E. e dell’ammenda di L. 1.500.000 ad essa reclamante, loro inflitte a seguito di deferimento del Procuratore Federale rispettivamente per violazione dell’art. 2 comma 1 ed ai sensi dell’art. 6 comma 1 C.G.S.

Massima: Il Presidente della società è responsabile della violazione dell’art. 1 comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva ed è sanzionato con l’inibizione per avere proferito, in occasione dell’incontro, espressioni ingiuriose e diffamatorie nei confronti dell’Organizzazione Federale, rilevate dal Collaboratore dell’Ufficio Indagini il quale ha valore di fonte privilegiata di prova. La società è sanzionata con l’ammenda per responsabilità diretta nella violazione ascritta al proprio Presidente.

 

Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 8/C Riunione del 7 ottobre 1999 n. 4 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C - Com. Uff. n. 29/C del 22.9.1999

Impugnazione - istanza:Appello del FC. Messina Peloro avverso le sanzioni della squalifica di giorni 15 all’allenatore C.S. e dell’ammenda di L. 1.000.000 alla società, loro inflitte, a seguito di deferimento del Procuratore Federale, per violazione rispettivamente degli artt. 1 comma 1 e 6 comma 2 C.G.S.

Massima: L’allenatore che ingiura e minaccia un rappresentante di un Organo Federale (Collaboratore dell'Ufficio Indagini) risponde della violazione dall'art. 1 comma 1 C.G.S., perché il suo comportamento è contrario ai principi sportivi della correttezza morale e materiale. (Nel caso di specie: l’allenatore, dopo avere appreso che colui che lo invitava alla calma era un Collaboratore dell'Ufficio Indagini, replicava che egli rispondeva solo alla tema arbitrale ed al quarto uomo; successivamente gli urlava “... non può valutare i miei comportamenti: Lei non sa fare il suo mestiere! Basta che vi mettono una divisa addosso e vi sentite potenti”. Successivamente, prima di salire sul pullman, gridava ancora all'indirizzo del Collaboratore dell'Ufficio Indagini: “vieni qui adesso. Parliamo a quattrocchi; perché non rispondi; vieni qui e ancora vieni qui, andiamo dietro il muro e ti tiro tre schiatti, non ho paura di te”).

  

Decisione CF: Comunicato Ufficiale 2/CF del 6 novembre 1997 n. 1 – www.figc.it

Impugnazione – istanza: Deferimento del Procuratore Federale a carico del sig. C.M. consigliere della Lega Nazionale Professionisti e Presidente del Cagliari Calcio, per violazione dell'art. 1 comma 1 C.G.S., per aver stazionato nel campo per destinazione nel corso della gara Cagliari/Sampdoria oel 25.5.1997 ed il Cagliari Calcio, ai sensi dell'art. 6 comma 1 C.G.S., per responsabilità diretta.

Massima: Il Presidente della società è responsabile della violazione dell'art. 1 comma 1 C.G.S., per aver stazionato nel campo per destinazione nel corso della gara senza che il suo nominativo sia stato inserito nella lista, da consegnarsi all'arbitro, di persone autorizzate all'ingresso in campo (regola n. 5). Consegue la sanzione dell’inibizione per il Presidente e quella dell’ammenda a carico della propria società, che a titolo di responsabilità diretta, risponde del comportamento del tesserato. (Il caso di specie: Il Presidente della società era sistemato, nel corso della partita, su di una tribunetta corredata da poltroncine mobili, posta all'interno della recinzione e, pertanto, all’interno del c.d. campo di destinazione, atteso che tra la tribunetta ed il campo l’unico momento interruttivo era costituito dalla pista di atletica, la quale però non costituisce un ostacolo atto ad interrompere la continuità rispetto al campo di giuoco).Massima: Il Presidente della società è responsabile della violazione dell'art. 1 comma 1 C.G.S. e dall'art. 66 della N.O.I.F., per aver sostato indebitamente nel c.d. campo per destinazione, con la conseguente applicazione della sanzione dell’inibizione ed a carico della propria società, a titolo di responsabilità diretta, della pena dell’ammenda. (Nel caso di specie il Presidente si trovava su una tribunetta corredata da poltroncine mobili, posta all'interno della recinzione).

 

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 8/C Riunione del 23 ottobre 1997 - n. 2 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Dilettanti - Com. Uff. n. 27 del 12.9.1997

Impugnazione - istanza: Appello del Procuratore Federale avverso decisioni a seguito del proprio deferimento a carico di P.A., vice presidente Verona Calcio Femminile, per violazione dell’art. 1, comma 1, C.G.D. e del Verona Calcio Femminile per violazione dell’art. 6, comma 2, C.G.S.

Massima: Il dirigente viola l'art.1 comma 1 C.G.S. quando ha posto in essere comportamenti antiregolamentari, quali offese alla reputazione di varie atlete, mancata comunicazione ad una tesserata della convocazione nella squadra nazionale, utilizzazione di calciatrici non tesserate. La società di appartenenza è sanzionata, a titolo di responsabilità oggettiva ex art. 6 comma 2 C.G.S., con l’ ammenda.

 

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 5/C Riunione del 19 settembre 1996 n. 2 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C - Com. Uff. n. 208/C del 22.7.1996

Impugnazione - istanza: Appello dell’allenatore D.N.L. avverso la sanzione della squalifica inflittagli fino al 4.9.1996, a seguito di deferimento del Procuratore Federale, per violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S., in relazione alla gara Ascoli Calcio/Nocerina del 9.6.1996

Massima: Integra la violazione dall'art. 1 comma 1 C.G.S. il comportamento dell’allenatore che rivolge ripetutamente espressioni offensive nei confronti dell'arbitro.

 

 Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 4/C Riunione del 25 luglio 1996 n. 2 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera del Giudice Sportivo di 2° Grado presso il Comitato Regionale Lazio del Settore per l’Attività Giovanile e Scolastica - Com. Uff. n. 48 del 20.6.1996Impugnazione - istanza: Appello dell’A.S. Morena avverso la sanzione della squalifica fino al 30.9.1997 inflitta al calciatore B.D.

Massima: E’ sanzionato con la squalifica il comportamento aggressivo, minaccioso e offensivo di un calciatore nei confronti dell'arbitro che si desume in maniera inequivoca dagli atti ufficiali e segnatamente dal referto arbitrale.

 

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 2/C Riunione dell’11 luglio 1996 n. 7 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Campania Com. Uff. n. 84 del 6.6.1996Impugnazione - istanza: Appello dell’A.S. Boys Marano avverso la sanzione della squalifica fino all'11.10.2000 inflitta al calciatore V.L.

Massima: Un calciatore, che colpisce un guardalinee e rivolge frasiingiuriose all'arbitro è sanzionato con la squalifica, che può essere ridotta se da una valutazione attenta delle circostanze che hanno caratterizzato l’accadimento i fatti risultano meno gravi.

Decisione C.F.: Comunicato Ufficiale 7/CF del 16 luglio 1996 n. 5 – www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento del procuratore federale a carico del sig. di T.E., già consigliere del Comitato Regionale Lazio della L.N.D. per violazione dell'art. 1 comma 1 C.G.S., in relazione a comportamenti antiregolamentari posti in essere in occasione della gara Sperlonga/Fondi del 13.3.1994.

Massima: Risponde della violazione dell'art. 1 comma 1 C.G.S., con la conseguente sanzione dell’inibizione temporanea il Consigliere del Comitato Regionale che in occasione di una partita rivolge frasi ingiuriose all’arbitro, mostrandogli la tessera federale.

 

Decisione C.F.: Comunicato Ufficiale 3/CF del 2 luglio 1996 n. 3 – www.figc.it

Impugnazione - Istanza: Deferimento del Procuratore Federale a carico del sig. C.E., componente effettivo del collegio revisori dei conti del comitato regionale Sicilia, per violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S., per comportamenti antiregolamentari tenuti in occasione della gara Juris Messina/Messina Zanclea dell'8.12.1994, nonchè in sede di indagini.

Massima: Integra la violazione dell’art. 1 comma 1 C.G.S. la condotta del componente effettivo del Collegio dei Revisori dei Conti presso il Comitato Regionale, che rivolge all'arbitro, reiterati epiteti ingiuriosi. Ne consegue l’irrogazione della sanzione dell'inibizione temporanea a svolgere ogni attività in seno alla F.I.G.C., a ricoprire cariche federali ed a rappresentare le società nell'ambito federale.

 

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 37/C Riunione del 6 giugno 1996 n. 2 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti - Com. Uff. n. 347 del 3.5.1996

Impugnazione - istanza: Appello del sig. L.E. avverso la sanzione dell’inibizione fino al 10.1.1998 inflittagli in relazione alla gara Cesena/Lucchese Libertas del 6.4.1996

Massima: Il comportamento del Presidente di una società di calcio, cui istituzionalmente incombe l'onere di carattere sportivo ed etico di tutelare la dignità e l'incolumità dei direttori di gara e dei collaboratori di ques'ultimo, che si sia lasciato andare in comportamenti di violenza, di ingiurie e di intimidazione, deve essere oggetto di censura e di sanzione.

 

Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 34/C Riunione del 16 maggio 1996 n. 4 – www.figc.it

Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Dilettanti - Com. Uff. n. 186 del 12.4.1996

Impugnazione - istanza: Appelli del sig. P.M. e della A.S. Ferratella avverso rispettivamente le sanzioni dell’inibizione per anni tre e dell’ammenda di L. 2.500.000 loro inflitte, a seguito di deferimento del Procuratore Federale, per violazione degli artt. 1 comma 1 e 6 comma 2 C.G.S., in relazione alla gara di Coppa Italia di Calcio a Cinque Ferratella/Livorno del 4.4.1995

Massima: Un allenatore che estrae dalla cintola dei pantaloni una pistola che punta contro un calciatore, minacciando di sparargli, viola l’art. 1 comma 1 CGS e la società risponde di tale comportamento per responsabilità oggettiva ai sensi dell'art. 6 comma 2 C.G.S., con la conseguente applicazione rispettivamente della sanzione della inibizione e dell’ammenda. In alcun modo può essere invocata la legittima difesa a discolpa dell’allenatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2022 Dirittocalcistico.it