F.I.G.C. – CORTE FEDERALE – 1997/1998 Comunicato ufficiale n. 10/CF del 1 agosto 1998 – pubbl. su www.figc.it DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DEL SIG. CRAGNOTTI SERGIO, COMPONENTE DEL CONSIGLIO DELLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI E CONSIGLIERE DELLA S.S. LAZIO S.P.A., PER VIOLAZIONE DELL’ART. 1 COMMA 3 C.G.S., PER AVER ESPRESSO, NEL CORSO DI DICHIARAZIONI RILASCIATE AD ORGANI DI INFORMAZIONE, DOPO LA GARA LAZIO/JUVENTUS DEL 5.4.1998, GIUDIZI LESIVI DELLA REPUTAZIONE DELLA CLASSE ARBITRALE, E DELLA S.S. LAZIO, AI SENSI DELL’ART. 6 COMMA 2 C.G.S., PER RESPONSABILITA’ OGGETTIVA

F.I.G.C. – CORTE FEDERALE – 1997/1998 Comunicato ufficiale n. 10/CF del 1 agosto 1998 – pubbl. su www.figc.it DEFERIMENTO DEL PROCURATORE FEDERALE A CARICO DEL SIG. CRAGNOTTI SERGIO, COMPONENTE DEL CONSIGLIO DELLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI E CONSIGLIERE DELLA S.S. LAZIO S.P.A., PER VIOLAZIONE DELL'ART. 1 COMMA 3 C.G.S., PER AVER ESPRESSO, NEL CORSO DI DICHIARAZIONI RILASCIATE AD ORGANI DI INFORMAZIONE, DOPO LA GARA LAZIO/JUVENTUS DEL 5.4.1998, GIUDIZI LESIVI DELLA REPUTAZIONE DELLA CLASSE ARBITRALE, E DELLA S.S. LAZIO, AI SENSI DELL'ART. 6 COMMA 2 C.G.S., PER RESPONSABILITA' OGGETTIVA I1 Dott. Sergio Cragnotti, Componente del Consiglio della Lega Nazionale Professionisti e Consigliere della S.S. Lazio S.p.A., è stato tratto in giudizio, a seguito di deferimento del Procuratore Federale in data 6.4.1998, per violazione dell'art. l comma 3 C.G.S., così come la S.S. Lazio, ai sensi dell'art. 6 comma 2 C.G.S., per responsabilità oggettiva nella violazione ascritta a1 proprio Consigliere. Si fa carico a1 Dirigente di aver rilasciato dichiarazioni ad Organi di Informazione, lesive della reputazione della classe arbitrale e precisamente a: "La Gazzetta dello Sport" del 6.4.1998: "Nel calcio il colore della maglia conta tantissimo. L'arbitro certi episodi li ha giudicati diversamente, non con lo stesso metro, anche nell'occasione dell'espulsione di Nedved è stato frettoloso. Non ci ha perdonato proprio nulla. Ed alla fine c'era anche rigore". "Corriere dello Sport - Stadio" del 6.4.1998: "Nel calcio conta tantissimo i1 colore delle maglie. L'espulsione di Nedved mi è sembrata affrettata. L'arbitro? Si è capito subito che non ci voleva perdonare niente". L'incolpato e la S.S.Lazio hanno presentato memoria difensiva,datata 30.4.1998, chiedendo i1 pieno proscioglimento. All'udienza del 15.5.1998 il Procuratore Federale ha chiesto dichiararsi la responsabilità del Cragnotti per la violazione ascrittagli, 1'applicazione della sanzione dell'ammonizione all'incolpato e dell'ammenda di lire 10.000.000 alla società S.S. Lazio a titolo di responsabilità oggettiva. La Corte osserva: L'incolpato sostiene che le espressioni riportate dalla Stampa non costituiscono offesa alla classe arbitrale, ma solo espressione legittima di dissenso a certe decisioni arbitrali nella gara Lazio/Juventus del 5.4.1998. Conforta il suo dire ricordando che in tema di diffamazione a mezzo Stampa "il diritto di critca - come principio ermeneutico in subjecta materia si concretizza nella espressione di un giudizio o, più genericamente, di opinione che, come tale, non può pretendersi rigorosamente obiettiva tenuto conto che la critica, per sua natura, non può che essere fondata su una interpretazione necessariamente 'soggettiva di fatto o comportamento". Tali argomentazioni non possono attagliarsi però alle dichiarazioni fatte ed ai giudizi espressi. E' vero che il semplice dissenso da una decisione arbitrale non è di per se causa di responsabilità del soggetto tesserato, ma è altrettanto vero che 1a responsabilità si profila quando per le espressioni usate si eccede dal normale diritto di esprimere le proprie opinioni. La base della reputazione, come è peraltro costante giurisprudenza deg1i Organi della Giustizia Sportiva, quale riflesso oggettivo dell'onore inteso in senso lato, riguarda la stima e la valutazione che gli altri fanno dei pregi dell'individuo. Per accertare i1 carattere diffamatorio bisogna certamente tener conto di tutte le circostanze e dei criteri di valutazione usuali nell'ambito in cui i1 soggetto passivo svolge 1a sua attività. I1 dichiarare che nel calcio conta il colore della maglia non è riconducibile nei limiti del diritto di critica; esso è invece inteso ad accreditare la esistenza di una voluta disparità di trattamento e di comportamento da parte de11a classe arbitrale a seconda del "colore della maglia" delle società che disputano 1a gara e quindi non può non ledere 1a reputazione e la stima dell'arbitro e della stessa classe arbitrale. Va quindi dichiarata la responsabilità del Dott. Sergio Cragnotti.per violazione dell'art. 1 comma 3 del Codice di Giustizia Sportiva e quella oggettiva della S.S. Lazio p.A., ai sensi dall'art. 6 comma 2, stesso Codice, ne11a violazione ascritta al proprio Consigliere. Sanzione adeguata appare quella di cui al dispositivo. Per questi motivi la Corte Federale, pronunciando sul deferimento come sopra proposto dal Procuratore Federale, dichiara i deferiti responsabili della violazione loro rispettivamente ascritta ed infligge a1 Sig. Cragnotti Sergio la sanzione de1'ammonizione ed alla S.S. Lazio la sanzione dell'ammenda di lire 5.000.000.
DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2022 Dirittocalcistico.it