Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 043/C Riunione del 26 Marzo 2007 - www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Calabria – Com. Uff. n. 97 del 6.2.2007 Impugnazione - istanza: 9. RECLAMO A.S. LAMETIA GIZZERIA AVVERSO DECISIONI MERITO GARA CAPIZZAGLIE/LAMEZIA GIZZERIA DEL 13.1.2007 Massima: Entrambe le società sono sanzionate con la perdita della gara  per aver deciso di comune accordo di non ricominciare la gara dopo il grave infortunio occorso (al 15° del secondo tempo) ad un giocatore, in quanto tutti i calciatori erano “scossi e confusi” per l’accaduto, e ciò pur dopo essere state invitate dall’arbitro a riprendere il gioco. La valutazione al riguardo del direttore di gara, è pienamente discrezionale e solo al medesimo compete apprezzare tutte le circostanze del caso concreto ed adottare la decisione ritenuta più opportuna (alle due squadre fondatamente competendo la segnalazione di accadimenti considerati tali da poter interferire sulla regolare prosecuzione della gara in atto). Nella fattispecie, come osservato nella stessa decisione impugnata, evidentemente l’arbitro “valutava sussistere tutte le condizioni per portare a termine la gara”, e tale suo insindacabile avviso non avrebbe potuto essere disatteso dai partecipanti alla gara medesima, i quali avrebbero dovuto riprenderla e proseguirla siccome dall’arbitro disposto. Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 42/C Riunione dell’8 Aprile 2004 n. 2 – www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Nazionale Professionisti - Com. Uff. n. 315 del’1.4.2004 Impugnazione - istanza: Appello dell’A.S. Roma avverso la sanzione della squalifica del campo gioco per due giornate effettive di gara e l’ammenda di € 10.000,00 Massima: Il Giudice Sportivo, quando dagli atti ufficiali e dalla relazione dell’Ufficio Indagini, rileva che la decisione di non riprendere il giuoco da parte dei tesserati di entrambe le società e la conseguente sospensione definitiva della gara disposta dall’arbitro, non riconducibili a responsabilità di tesserati e Società, ma a circostanze eccezionali poste in essere da parte dei sostenitori, ordina la ripetizione della gara in applicazione dell’art. 12 comma 4 ultima parte del C.G.S., infliggendo la squalifica del campo alla società ospitante oltre l’ammenda e la sola pena dell’ammenda alla società ospitata. Decisione CAF: Comunicato Ufficiale 10/C Riunione del 6 Ottobre 2003 n. 5 – www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso la Lega Professionisti Serie C - Com. Uff. n. 23/CIT del 3.9.2003 Impugnazione - istanza: Reclamo del Frosinone Calcio avverso la punizione sportiva di perdita 0-3 della gara di Coppa Italia Serie C Isernia/Frosinone del 20.8.2003, l’ammenda di € 5.000,00 e la penalizzazione di n. 1 punto in classifica Massima: Entrambe le società sono sanzionate con la perdita della gara, la penalizzazione di un punto in classifica e l’ammenda ai sensi dell’art. 53 comma 2 NOIF quando rinunciano a portare a termine la gara nonostante manchino solo 27 secondi alla fine dell’incontro.(Il caso di specie: A seguito di un grave infortunio occorso ad un calciatore erano trascorsi quasi i cinque minuti di recupero e mancavano solo 27 secondi alla fine, quando i calciatori invitati dall’arbitro a riprendere il gioco si rifiutavano sottoscrivendo un atto di comune accordo in cui motivano la scelta sulla base del grave infortunio verificatosi).
DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2021 Dirittocalcistico.it