DECISIONE C.S.A. – SEZIONI UNITE: DECISIONE PUBBLICATA SUL C.U. n. 165/CSA del 27/06/2019 (motivazioni) con riferimento al C.U. n.  N. 122/CSA del 27 Marzo 2019

Decisione Impugnata: Delibera del Giudice Sportivo presso il Dipartimento Interregionale Juniores Under 19 – Com. Uff. n. 65 del 13.03.2019

Impugnazione – istanza: RICORSO DELL’A.C.D. PRO DRONERO AVVERSO DECISIONI  MERITO  GARA  PRO  DRONERO/STRESA SPORTIVA DEL 13.02.2019

Massima: Confermata la decisione del giudice sportivo che ha sanzionato la società con la perdita della gara per aver fatto partecipare alla gara del campionato Juniores Under 19 n. 4 calciatori fuori quota, in luogo dei tre consentiti dalla disposizione di cui alla lettera n) del Com. Uff. n.1 del 2.7.2018;

 Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 28/C Riunione del 12 gennaio 2006 n. 8 - www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Emilia Romagna – Com. Uff. n. 20 del 30.11.2005 Impugnazione - istanza:Appello Real Panaro SBB avverso la declaratoria di inammissibilità del reclamo avverso decisioni merito gara Real Panaro/Virtus Camposanto del 12.11.2005 Massima: L’utilizzo di calciatori “fuori quota” in numero superiore rispetto a quello consentito (sei al posto di cinque) rientra nei casi relativi alla regolarità della gara e non tra quelli di posizione irregolare del calciatore. Ne consegue che il reclamo in prima istanza va proposto al giudice sportivo secondo la procedura di cui all’art. 24 commi 3 e 5 C.G.S. (preannuncio del reclamo entro le 24 ore successive alla gara). L’art. 42 comma 3, fa riferimento esclusivamente alla regolarità del tesseramento dei partecipanti alla gara e non alla loro effettiva partecipazione che attiene, al regolare svolgimento della gara.  Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 21/C Riunione del 01 dicembre 2005 n. 1 - www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Lombardia – Com. Uff. n. 16 del 20.10.2005 Impugnazione - istanza:Appello dell’A.S. Cologno Calcio avverso decisioni merito gara Gessate/Cologno Calcio del 17.9.2005 Massima: E’ sanzionata con la perdita della gara la società che contravviene a quanto disposto dal Comunicato Ufficiale n. 1, stagione sportiva 2005/2006 del Campionato Provinciale relativo alla partecipazione massima di 5 calciatori fuori quota per il campionato juniores. (Il caso di specie: La società pur mantenendo in campo 5 calciatori fuori quota ne ha indicato 6 in distinta, facendoli partecipare tutti alla gara in virtù delle sostituzioni). Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale 21/C Riunione del 29 Novembre 2004 n. 6 – www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Lazio - Com. Uff. n. 34 del 4.11.2004 Impugnazione - istanza:Reclamo A.S. Montalto Calcio avverso decisioni merito gara Valentano/Montalto di Castro del 3.10.2004 Massima: In considerazione del particolare assetto normativo che caratterizza la rispettiva attività alle Società di “3ª Categoria - Under 18” partecipanti al Campionato Regionale “Juniores” non è consentito l’impiego di calciatori “fuori quota”. Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale 15/C Riunione del 25 Ottobre 2004 n. 5 – www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Lombardia - Com. Uff. n. 26 del 7.10.2004 Impugnazione - istanza:Appello della A.S. Ternatese Calcio avverso decisioni merito gara Ternatese/Buguggiate dell’11.9.2004 Massima: Viene inflitta la sanzione della perdita della gara alla società che partecipa con calciatori “fuori quota” in numero superiore al massimo consentito. Decisione C.A.F.: Comunicato Ufficiale n. 15/C Riunione del 25 novembre 2002 n. 1 – www.figc.it Decisione impugnata: Delibera della Commissione Disciplinare presso il Comitato Regionale Umbria - Com. Uff. n. 13 del 17.10.2002 Impugnazione - istanza:Appello della Pol. Costano avverso decisioni merito gara Nuova Bevagna Montefalco/Costano del 14.9.2002 Massima: Regolando i criteri di partecipazione dei calciatori alle partite di Campionato Regionale Juniores, il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale ha così disposto: “alle gare del Campionato Regionale Juniores possono partecipare i calciatori nati dal 1° gennaio 1984 in poi e che comunque abbiano compiuto il quindicesimo anno di età; il Consiglio Direttivo del Comitato Regionale ha deliberato che è consentito impiegare sino ad un massimo di due calciatori fuori quota nati dal 1° gennaio 1982”. Il concetto del “possono partecipare” due fuori quota, trova, poi, una sua limitazione per quanto attiene la fase dell’impiego e cioè la fase dinamica della disposizione regolamentare, in altre parole la partecipazione attiva alla gara. Tale limitazione trova la sua giustificazione lessicale nell’utilizzo del verbo “impiegato” testualmente usato dal Comitato Regionale e nella logica che vuole una limitata partecipazione attiva dei due fuori quota ad una gara di un Campionato Regionale Juniores. Ne consegue che l’avvenuta sostituzione di un fuori quota con altro dei due calciatori della stessa categoria già impiegati, realizza la violazione dell’art. 12 comma 5 lettera c) del Codice di Giustizia Sportiva con la conseguente applicazione della perdita della gara.
DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2022 Dirittocalcistico.it