Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 4/CSA del 7 Luglio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti, di cui al Com. Uff. n. 99 del 07.06.2022

Impugnazione – istanza: - Polisportiva Taloro Gavoi

Massima: Ridotta la squalifica da 5 a 4 giornate di gara al calciatore perchè “A gioco fermo, nella mass confrontation già citata, spingeva con violenza e tirava uno schiaffo al capitano n. 13 della squadra avversaria. Inoltre rifilava 2 calci con violenza all'altezza della coscia e della gamba dell'avversario n. 2, tale Ponzi Andrea. Sau, seguito provvedimento di espulsione, abbandonava il terreno di gioco ed il recinto di gioco senza minimamente protestare, accettando la decisione presa."…Deve pertanto ritenersi applicabile alla fattispecie concreta l'art. 38 C.G.S. e la conseguente squalifica per almeno tre giornate effettive di gara, tale essendo la sanzione minima comminata dalla citata disposizione ai calciatori responsabili di condotta violenta nei confronti di altri calciatori. Nel caso di specie, tenuto conto che la condotta violenta (consistente in uno schiaffo e in due calci), pur in un contesto unitario di mass confrontation, è stata posta in essere nei confronti sia del capitano avversario, sia di altro giocatore della squadra rivale, appare equo aggravare la sanzione minima di tre giornate con la squalifica per una ulteriore giornata, escludendo la configurabilità di una condotta violenta particolarmente grave e, in definitiva, determinando in quattro giornate effettive di gara la sanzione della squalifica del calciatore …

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 329/CSA del 24 Giugno 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento interregionale LND, di cui al Com. Uff. n. 53 del 26.05.2022

Impugnazione – istanza: - A.S.D. Nocerina Calcio 1910

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore “per avere rivolto espressioni offensive e gesti plateali all'indirizzo del Direttore di gara. Alla notifica del provvedimento disciplinare puntava il dito contro l'Ufficiale di gara e gli rivolgeva espressioni offensive e intimidatorie. Nell'abbandonare il terreno di gioco reiterava la condotta”.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 328/CSA del 24 Giugno 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti, campionato Nazionale Juniores Under 19, di cui al Com. Uff. n. 31 del 23.05.2022

Impugnazione – istanza: - A.S.D. Molfetta Calcio

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore: “al termine della gara colpiva calciatori avversari con calci e manate nel corso di un confronto tra i componenti delle 2 squadre.”

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 327/CSA del 24 Giugno 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti, Dipartimento Interregionale, di cui al Com. Uff. n. 53 del 26.05.2022

Impugnazione – istanza: - Sig. V.S.

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore “per avere, a gioco fermo, colpito un calciatore avversario con due manate sulle spalle.”

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 318/CSA del 1 Giugno 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento Interregionale, di cui al Com. Uff. n. 31 dell’23.05.2022

Impugnazione – istanza: - F.C. Francavilla 1931

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore “Per aver colpito un calciatore a terra dopo un fallo subito con un pestone violento al torace. Sanzione così determinata in considerazione anche dell'aver approfittato di circostanze tali da impedire la difesa”.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 316/CSA del 26 Maggio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento Calcio Femminile L.N.D.  di cui al Com. Uff. n. 17 del 28.04.2022

Impugnazione – istanza: - Roma XIV Decimoquarto

Massima: Ridotta la squalifica da 5 a 4 gare effettive alla calciatrice che: “espulsa per aver rivolto espressioni irriguardose all’indirizzo del direttore di gara, alla notifica del provvedimento disciplinare tentava di avvicinare con atteggiamento minaccioso l’arbitro senza tuttavia riuscirvi grazie all’intervento delle proprie compagne. Abbandonava il terreno di gioco si posizionava nello spazio antistante gli spogliatoi e reiterava ulteriori espressioni irriguardose. Sanzione così determinata in relazione al riconoscimento della continuazione del disegno criminoso”. ….Pertanto, sulla base delle risultanze documentali e di una valutazione complessiva delle plurime condotte ascritte alla calciatrice, il Collegio ritiene che il reclamo non sia accoglibile con riguardo alla domanda di derubricazione dei fatti in questione in termini di mera condotta ingiuriosa o irriguardosa al fine di accedere alla sanzione minima edittale di due giornate di squalifica, pur essendo la decisione impugnata eccessivamente gravosa laddove sembra aver valorizzato negativamente l’istituto della continuazione delle infrazioni commesse dalla A.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 311/CSA del 26 Maggio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la LND Divisione Calcio a 5, di cui al Com. Uff. n.1277 del 28/04/2022

Impugnazione – istanza: - A.S.D. ALMA SALERNO

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore: “Perché col pallone non a distanza di gioco colpiva con un calcio al volto un calciatore avversario causandogli abbondante fuoriuscita di sangue e costringendolo ad abbandonare il gioco per essere trasportato in ospedale”.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 308/CSA del 18 Maggio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento Interregionale-Lega Nazionale Dilettanti, di cui al Com. Uff. n. 23 del 20.4.2022

Impugnazione – istanza: - S.S.D. Casarano Calcio Srl

Massima: Ridotta la squalifica da 5 a 4 gare effettive al calciatore che “…. occupante la panchina, entrava sul TdG per esultare dopo che la sua squadra aveva segnato una rete, alla richiesta dell’arbitro di rientrare rapidamente in panchina, esclamava: ‘Porco dio, stai zitto’! Alla notifica del provvedimento disciplinare si avvicinava alla mia persona, facendo ingresso sul TdG con fare minaccioso, ed esclamava: ‘Ma che cazzo stai facendo, noi ci giochiamo la vita, sei un coglione, cosa cazzo stai facendo? Stai rovinando la partita, pezzo di merda'. Veniva fisicamente trattenuto e allontanato da 3 persone tra cui dirigenti e compagni, e nonostante venisse allontanato di peso e strattonato affinché non venisse a contatto con la l’arbitro, continuava a reiterare insulti e minacce e venire verso l’ufficiale di gara. Abbandonava il terreno gioco dopo circa 1 minuto”…..Alla sanzione delle tre giornate di squalifica come sopra determinata, va aggiunta la sanzione della squalifica per una ulteriore giornata effettiva di gara in ragione dell’utilizzo dell’espressione blasfema, ai sensi dell’art. 37, comma 1, lettera a), C.G.S.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 306/CSA del 18 Maggio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento interregionale della Lega Nazionale Dilettanti FIGC di cui al Com. Uff. n. 27 del 26.04.2022

Impugnazione – istanza: - A.S.D. Cannara

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore, “Per avere avvicinato il Direttore di gara e averlo strattonato per un braccio.In considerazione della dinamica dell’infrazione di cui si è reso responsabile il calciatore, appare dirimente osservare come, essendo la fattispecie in esame riconducibile ad un caso di “condotta gravemente irriguardosa nei confronti degli ufficiali di gara che si concretizza in un contatto fisico” per il quale l’art. 36, comma 1, lett. b), del C.G.S. prevede come sanzione minima la squalifica per quattro giornate effettive di gara, al B. sia stata in effetti irrogata dal Giudice Sportivo la sanzione minima edittale.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 304/CSA del 18 Maggio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento Interregionale, di cui al Com. Uff. n. 23 del 20.04.2022

Impugnazione – istanza: - Rende Calcio 1968 S.S.D. a r.l.

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore “Per avere, a gioco fermo, abbandonato il terreno di gioco e, recatosi nei pressi della panchina della squadra ospitata, colpito con un pugno al volto un calciatore avversario”.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 257/CSA del 19 Aprile 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti – Dipartimento Interregionale, di cui al Com. Uff. n. 8 del 31.03.2022

Impugnazione – istanza: - Sig. G.A.

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore  “Per avere attinto con uno sputo ad una spalla un calciatore avversario. Sanzione così determinata in considerazione dell’emergenza sanitaria in corso”….Ciò premesso, viene in rilievo, ai fini della decisione della presente controversia, quanto disposto dall’art. 38 C.G.S., riguardo alla condotta violenta dei calciatori durante la gara, che prevede come sanzione minima la squalifica per tre giornate effettive di gara. Infatti, mentre restano escluse le invocate attenuanti ex art. 13 C.G.S., deve ribadirsi che lo sputo può certamente equipararsi ad un atto di violenza, assimilazione peraltro normativamente recepita dall’art. 35, comma 1, C.G.S., ancorché nei confronti degli ufficiali di gara. In questo senso la più recente giurisprudenza di questa Sezione (cfr. CSA, sez. III, 1 aprile 2022 n. 233; Id., sez. III, 14 giugno 2021 n. 223). La Corte concorda con il Giudice Sportivo che, nel caso di specie, la sanzione minima edittale prevista dall’art. 38 C.G.S. meriti di essere aggravata, a fronte dell’evidente violazione delle norme di contenimento della pandemia da Covid-19.

Decisione C.S.A. – Sezione III : DECISIONE N. 233/CSA del 01 Aprile 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti – Dipartimento Interregionale, di cui al Com. Uff. n. 58/CS del 02.03.2022

Impugnazione – istanza: - F.C. Rieti s.r.l.

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore  “per avere colpito con uno sputo al volto un calciatore avversario. Sanzione così determinata in considerazione della palese violazione delle norme di contenimento della pandemia da Covid-19”.

Decisione C.S.A. – Sezione II : DECISIONE N. 211/CSA del 18 Marzo 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Italiana Calcio Professionistico Com. Uff. n. 220/DIV del 23.02.2022

Impugnazione – istanza: - Latina Calcio 1932 s.r.l.

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore “perché, a seguito di un proprio fallo su un calciatore avversario e della reazione dello stesso, lo colpiva con uno schiaffo al volto facendolo cadere a terra dolorante. A seguito della notifica del provvedimento di espulsione, tentava per diverse volte di raggiungere l’avversario a terra venendo trattenuto dai propri compagni di squadra. Durante l’uscita dal campo veniva nuovamente a confronto con l’avversario senza ulteriori contatti in quanto, sempre trattenuto dai compagni (r. IV ufficiale).”.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 138/CSA del 14 Gennaio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti Figc di cui al Com. Uff. n. 13/CS del 09.12.2021

Impugnazione – istanza: - A.C. Mestre SSDAR

Massima: Confermata la squalifica per 4 giornate di gara al calciatore “Per avere rivolto espressioni offensive al Direttore di gara mentre lo avvicinava con fare minaccioso. Alla notifica del provvedimento disciplinare reiterava la condotta profferendo espressioni intimidatorie. Al termine della gara, nell'area degli spogliatoi, tentava nuovamente di avvicinare l'Arbitro non riuscendoci per il tempestivo intervento di un dirigente”….In definitiva le condotte contestate al calciatore sanzionato, così come descritte dal Direttore di Gara nel suo referto, sono plurime, reiterate e particolarmente gravi e, come tali, vanno stigmatizzate con fermezza ed adeguatamente sanzionate, tanto da risultare al limite della reformatio in peius della sanzione inflitta.

DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2022 Dirittocalcistico.it