Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 330/CSA del 24 Giugno 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti – Divisione di Calcio a 5, di cui al Com. Uff. n. 1513 del 21.06.2022

Impugnazione – istanza: - Italservice Pesaro Calcio a 5

Massima: E’ inammissibile per carenza di legittimazione attiva della società il reclamo avverso la squalifica per 1 giornata di gara inflitta all’allenatore tendente ad ottenere la commutazione in ammenda….Sotto un primo profilo, l’inammissibilità consegue alla pacifica carenza di legittimazione della Società reclamante. Nel caso di specie, difatti, considerato che l’ammenda consiste in una misura di carattere economico che investe direttamente ed esclusivamente il patrimonio personale del tesserato, solo quest’ultimo potrebbe ritenersi legittimato ad invocarne l’applicazione in luogo della sanzione meramente interdittiva della squalifica. Sotto un secondo profilo, l’art. 9, comma 3, C.G.S., nello stabilire che le ammende sono applicabili “ai dirigenti, ai soci e non soci di cui art. 2, comma 2 nonché ai tesserati della sfera professionistica”, implicitamente esclude l’applicabilità di tale tipologia di sanzione ai tesserati della sfera dilettantistica (tra i quali certamente rientra il sig. …, in quanto allenatore di una società appartenente alla Divisione Calcio a 5)

Decisione C.S.A. – Sezione III : DECISIONE N. 195/CSA del 9 Marzo 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti - Dipartimento Interregionale, di cui al Com. Uff. n. 31 CS del 16.02.2022

Impugnazione – istanza: - Vis Artena

Massima: E’ inammissibile il reclamo avverso l’ammenda inflitta alla società perché proposto dal presidente inibito con la medesime decisione. Il reclamo può invece ritenersi ammissibile laddove il sig. B. impugna personalmente e chiede l’annullamento della sanzione a suo carico dell’inibizione a svolgere ogni attività fino all’1.3.2022.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 158/CSA del 3 Febbraio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Divisione Calcio a 5, di cui al Com. Uff. n. 398 del 21.12.2021

Impugnazione – istanza: -  A.S.D. Eta Beta F.C. Fano

Massima: E’ ammissibile l’unico reclamo proposto dalla società avverso la sanzione dell’ammenda alla stessa inflitta dal giudice sportivo, nonché avverso la squalifica comminata ai due calciatori, ma sono tre i contributi da versare per l’accesso alla giustizia sportivaLa Corte rileva che nel processo davanti agli organi di giustizia sportiva la regola generale è che i ricorsi e i reclami abbiano ad oggetto un solo provvedimento e che i vizi-motivi si correlino strettamente a quest’ultimo, onde evitare l’abuso dello strumento processuale (anche) per eludere le disposizioni fiscali in materia di contributo per l’accesso alla giustizia sportiva (art. 48 C.G.S.). Nel caso in esame, deve rilevarsi che i provvedimenti sanzionatori adottati dal Giudice Sportivo, seppure comminati per fatti verificatisi in occasione della medesima gara, riguardano tre diverse situazioni che non sono connesse soggettivamente - riguardando condotte rispettivamente ascrivibili a un calciatore, in un caso, e fattispecie  illecite ascrivibili alla società ed a un suo tesserato, negli altri casi - né oggettivamente, riguardando condotte distinte e come tali autonomamente sanzionate quanto a luogo, tempo e circostanze del fatto commesso.  Pertanto, pur ritenuto ammissibile in rito il reclamo cumulativamente proposto dalla A.S.D. Eta Beta F.C. avverso le tre distinte sanzioni, in quanto comunque tutte riferibili, in via diretta o mediata alla società medesima (art. 47, comma 2, C.G.S.), la Corte deve dare contestualmente atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della società reclamante, di tanti contributi per l’accesso alla giustizia sportiva quanti sono i reclami proposti cumulativamente.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 153/CSA del 27 Gennaio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la Lega Nazionale Dilettanti – Dipartimento Interregionale di cui al Com. Uff. n. 24/CS del 23.12.2021

Impugnazione – istanza: - A.S. Bisceglie s.r.l.

Massima: E’ inammissibile il reclamo sottoscritto dal presidente della società avverso la squalifica del calciatore, essendo stato lo stesso sanzionato con l’inibizione nella medesima gara in cui svolgeva le funzioni di Dirigente addetto all’Arbitro…..Posto che, ai sensi dell’art. 9, comma 2, lett. a), C.G.S., la sanzione dell’inibizione temporanea comporta, tra l’altro, “il divieto di rappresentare la società di appartenenza in attività rilevanti per l’ordinamento sportivo nazionale ed internazionale”, il reclamo deve ritenersi proposto in assenza del necessario potere di rappresentanza in ambito federale in capo al soggetto che lo ha sottoscritto e, per tale ragione, esso è inammissibile.

Decisione C.S.A. – Sezione III: DECISIONE N. 143/CSA del 14 Gennaio 2022 (Motivazioni) - www.figc.it

Decisione Impugnata: Decisione del Giudice Sportivo presso la LND Divisione Calcio a 5 di cui al Com. Uff. n. 363 del 15.12.2021

Impugnazione – istanza: - A.S.D. PGS Luce Messina

Massima:….. questa Corte Sportiva d’Appello rileva che nel processo davanti agli organi di Giustizia Sportiva la regola generale è che i ricorsi e i reclami abbiano ad oggetto un solo provvedimento e che i vizi-motivi si correlino strettamente a quest’ultimo, onde evitare l’abuso dello strumento processuale (anche) per eludere le disposizioni fiscali in materia di contributo per l’accesso alla giustizia sportiva (art. 48 C.G.S.). Nel caso in esame deve rilevarsi che i provvedimenti sanzionatori adottati dal Giudice Sportivo, seppure comminati per fatti verificatisi in occasione della medesima gara, riguardano tre diverse situazioni che non sono connesse soggettivamente - riguardando condotte rispettivamente ascrivibili a un calciatore, in un caso, ed alla società, negli altri due casi - né oggettivamente, riguardando condotte distinte e come tali autonomamente sanzionate quanto a luogo, tempo e circostanze del fatto commesso. Pertanto, pur ritenuto ammissibile in rito il reclamo cumulativamente proposto dalla A.S.D. PGS Luce Messina avverso le tre distinte sanzioni, in quanto comunque tutte riferibili, in via diretta o mediata alla società medesima (art. 47, comma 2, C.G.S.), la Corte deve dare contestualmente atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della società reclamante, di tanti contributi per l’accesso alla giustizia sportiva quanti sono i reclami proposti cumulativamente.

DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2022 Dirittocalcistico.it