Decisione T.F.N.- Sezione Vertenze Economiche: Decisione n. 6/TFN-SVE del 28 Luglio  2022

Impugnazione Istanza Reclamo ex art. 90, comma 1, lett. a), CGS proposto dalla società AC Monza Spa (matr. 943309) al fine di richiedere alla società ASD Virtus Battipaglia Calcio (matr. 943915) il saldo dell'intero corrispettivo previsto dal contratto di affiliazione sportiva denominato "Monza Elite sul territorio italiano"

Massima: Il TFN è competente in merito al mancato rispetto del contratto di affiliazione tra due società…Ai sensi dell’art. 90 comma 1, lett. a), la Sezione vertenze economiche del Tribunale federale a livello nazionale è competente, quale giudice di primo grado, tra l’altro, in ordine “alle controversie di natura economica tra società, comprese quelle relative al risarcimento dei danni per i fatti di cui all’art. 26”

Decisione T.F.N.- Sezione Vertenze Economiche: Decisione n. 3/TFN-SVE del 22 Luglio  2022

Impugnazione Istanza Ricorso ex art. 90, comma 1, lett. a), CGS proposto dalla società ACD Don Carlo Misilmeri (matr. 916129)

Massima: Nella specie si tratta, infatti, di vertenza di natura economica tra società che, a tenore dell’art. 90, comma 1, lettera a) rientra nella piena ed esclusiva competenza di questa Sezione del Tribunale Federale Nazionale quale giudice di prima istanza, atteso che il successivo richiamo alle fattispecie di responsabilità contemplate dall’art. 26 CGS (letteralmente: “comprese quelle relative al risarcimento dei danni per i fatti di cui all’art. 26”) deve intendersi in senso estensivo e non limitativo come erroneamente interpretato dalla difesa della società resistente.

Decisione T.F.N.- Sezione Vertenze Economiche: Decisione n. 77/TFN-SVE del 11 Febbraio 2022

Decisione Impugnata: Diritto di credito derivante dal mancato pagamento di parte degli importi previsti dalla Scrittura Privata, sottoscritta tra le parti in data 1° dicembre 2015, avente ad oggetto lo svolgimento di due partite amichevoli tra le due compagini sociali da disputarsi entro il 15 agosto 2018,

Impugnazione Istanza: Ricorso ex art. 91 CGS - FIGC presentato dalla società ACF Fiorentina Spa (matr. FIGC 750587) contro la società UC Sampdoria Spa (matr. FIGC 45950)

Massima: Va respinta l’eccezione di difetto di giurisdizione, nel caso in cui due società abbiano stipulato una scrittura privata con la quale una si è obbligata al pagamento della somma concordata in favore dell’altra  relativamente all’impegno di disputare in un dato periodo due partite amichevoli tra le due compagini sociali, anche nel caso in cui nella stessa sia stato indicato come competente il foro esclusivo del Tribunale di Genova.….La previsione di cui all’art. 90, comma 1 del CGS, secondo cui il Tribunale Federale a livello nazionale, sezione vertenze economiche, “è giudice di primo grado in ordine: a) alle controversie di natura economica tra società, comprese quelle relative al risarcimento dei danni per i fatti di cui all’art. 26” non può che alludere ad una tutela giurisdizionale ampia e diversificata, diretta a definire le controversie, di natura esclusivamente economica, insorte tra società calcistiche ed, anche riconducibili a profili di responsabilità precontrattuale, contrattuale (come nella specie) ed extracontrattuale. È noto, inoltre, che ai sensi dell’art. 134 del CGS la Camera Arbitrale per le vertenze economiche è investita della competenza a pronunciarsi “sulle controversie di natura economica tra società professionistiche, comprese quelle relative al risarcimento d i danni per i fatti di cui all’art. 26”; ma che tale organo non risulta istituito. Di converso, risultano dirimenti alcune previsioni di cui all’art. 30 dello Statuto FIGC, ai sensi del quale “ i tesserati, le società affiliate e tutti i soggetti, organismi e loro componenti, che svolgono attività di carattere agonistico, tecnico, organizzativo, decisionale o comunque rilevanti per l’ordinamento federale, hanno l’obbligo di osservare il presente Statuto e ogni altra norma federale” (comma 1); che “i soggetti di cui al comma precedente, in ragione della loro appartenenza all’ordinamento settoriale sportivo o dei vincoli assunti con la costituzione del rapporto associativo, accettano la piena e definitiva efficacia di qualsiasi provvedimento adottato dalla FIGC, dai suoi organi o soggetti delegati, nelle materie comunque riconducibili allo svolgimento dell’attività federale nonché nelle relative vertenze di carattere tecnico, disciplinare ed economico” (comma 2); che, soprattutto, “fatto salvo il diritto ad agire innanzi ai competenti organi giurisdizionali dello Stato per la nullità dei lodi arbitrali di cui al comma precedente, il Consiglio Federale, per gravi ragioni di opportunità, può autorizzare il ricorso alla giurisdizione statale in deroga al vincolo di giustizia. Ogni comportamento contrastante con gli obblighi di cui al presente articolo, ovvero comunque volto a eludere il vincolo di giustizia, comporta l’irrogazione delle sanzioni disciplinari stabilite dalle norme federali” (comma 4). Tale disposizioni trovano naturale compendio nell’art. 47 del CGS, secondo cui “i tesserati, gli affiliati e gli altri soggetti legittimati dall’ordinamento federale hanno diritto di agire innanzi agli organi di giustizia sportiva per la tutela dei diritto e degli interessi legittimi loro riconosciuti dall’ordinamento sportivo”. Il tutto a conferma del principio generale, risalentemente espresso dall’art. 1 del decreto legge 220/2003, convertito dalla legge 280/2003, secondo cui la Repubblica riconosce e favorisce l'autonomia dell'ordinamento sportivo nazionale (comma 1), ulteriormente precisandosi che i rapporti tra l'ordinamento sportivo e l'ordinamento della Repubblica sono, appunto, regolati in base al principio di autonomia, salvi i casi di  rilevanza per l'ordinamento giuridico della Repubblica di situazioni giuridiche   soggettive connesse con l’ordinamento sportivo (comma 2). Questa, del resto, è la ragione per cui con nota del 25.5.2021 il vice segretario generale della FIGC – corrispondendo all’istanza di autorizzazione ad adire le vie legali, presentata dalla Fiorentina nei confronti della Sampdoria in data 4.5.2021 e motivata sul mancato pagamento delle somme oggetto del contendere – ha ravvisato “allo stato sussistenti le ragioni per la concessione della deroga alla clausola compromissoria ex art. 30, comma 4, dello Statuto Federale”. Né coglie nel segno l’opposizione della società Sampdoria facente perno sulla disciplina di cui all’art. 3 del predetto decreto legge (rubricato “Norme sulla giurisdizione e disciplina transitoria”), in cui è affermata “la giurisdizione del giudice ordinario sui rapporti patrimoniali tra società”. Tale riferimento va, invero, ricondotto alle controversie che investono il patrimonio sociale della società, cioè all’insieme dei rapporti giuridici, attivi e passivi, che fanno capo alla società, sarebbe a dire all’insieme dei conferimenti eseguiti o promessi dai soci ed alle variazioni che possano verificarsi in relazione alle vicende economiche della società. Nella specie, invece, si controverte circa un inadempimento contrattuale, che sostanzia una vicenda tutt’affatto diversa e che, pertanto, pienamente rientra nel novero delle “controversie di natura economica tra società” di cui all’art. 90 del CGS. Né, tantomeno, per completezza di analisi si può ritenere che il radicamento della controversia presso il giudice ordinario possa essere prospettato in ragione del carattere vessatorio che potrebbe attribuirsi alla clausola sul “foro competente” (al punto 6 del contratto si è previsto che “per qualsiasi controversia che dovesse sorgere tra le parti in relazione al presente contratto, comprese e senza alcuna limitazione quelle relative alla validità, all'interpretazione, all'esecuzione o alla risoluzione del contratto, sarà esclusivamente competente il Foro di Genova, anche per connessione e garanzia”). Ciò in quanto: a) la clausola in questione non può essere qualificata alla stregua di una c.d. clausola compromissoria ai sensi dell’art. 808 del codice di procedura civile (“le parti, nel contratto che stipulano o in un atto separato, possono stabilire che le controversie nascenti dal contratto medesimo siano decise da arbitri, purché si tratti di controversie che possono formare oggetto di convenzione d'arbitrato”): si vuol dire, cioè, che le parti non hanno inteso derogare alla giurisdizione statale in favore della giurisdizione privata di tipo arbitrale; b) la giurisprudenza ha osservato che “la designazione convenzionale di un foro territoriale, anche se coincidente con uno di quelli previsti dalla legge, non attribuisce a tale foro carattere di esclusività in difetto di pattuizione espressa in tal senso, pattuizione che, pur non dovendo rivestire formule sacramentali, non può essere desunta in via di argomentazione logica da elementi presuntivi, dovendo per converso scaturire da una non equivoca e concorde manifestazione di volontà delle parti volta ad escludere la competenza degli altri fori previsti dalla legge (così è stata chiaramente massimata sez. 3, 18 maggio 2005 n. 10376, che si esprime sulla linea di Cass. sez. 1, 15 febbraio 2001 n. 2214, Cass. sez. 2, 15 maggio 1998 n. 4907 e Cass. sez. 1, 27 marzo 1997 n. 2723; e da ultimo è conforme Cass. sez. 6-2, ord. 4 settembre 2014 n. 18707); e, specificamente, è stato chiarito proprio che l'espressione "per qualsiasi controversia" è inidonea a identificare un foro esclusivo, perchè è diretta soltanto ad individuare l'ambito oggettivo di applicabilità del foro convenzionale (Cass. sez. 3, ord. 5 giugno 2009 n. 13033 e Cass. sez. 3, ord. 9 agosto 2007 n. 17449)” (cfr. Corte di Cassazione, ordinanza 25 gennaio 2018, n. 1838); c) le parti non hanno affatto inteso esplicitare e convenire una deroga al principio della giurisdizione, cioè consapevolmente sottrarsi al vincolo di giustizia sportiva. Esse, più banalmente (sebbene ignorando la vincolatività sottesa alle disposizioni speciali, sopra richiamate), hanno inteso escludere che il foro competente potesse essere il c.d. forum contractus (il che avrebbe comportato la competenza del giudice del luogo in cui il proponente ha avuto notizia dell'accettazione, ai sensi dell' 1326 del codice civile) o l’alternativo foro competente dato dal luogo in cui l'obbligazione deve essere eseguita (c.d. forum destinatae solutionis), di norma fissato, quando l’obbligazione abbia ad oggetto una somma di denaro, nel domicilio del creditore (in questo caso quello della società Fiorentina); hanno, quindi, verosimilmente pattuito che il foro competente fosse quello dove ha sede il debitore (la società Sampdoria).Alla luce di quanto rilevato, sussiste, pertanto, a carico delle società calcistiche un vincolo di natura normativa – si è detto, prima, correlato ai profili soggettivi e oggettivi – che giustifica la devoluzione delle controversie occasionate da vicende riconducibili all’ordinamento sportivo, come nella specie, alla giustizia federale.

Collegio di Garanzia dello Sport - C.O.N.I. –  Sezione Quarta: Decisione n. 4 del 03/01/2022

Decisione impugnata: Decisione n. 15/CFA della Corte Federale d'Appello della FIGC del 16 settembre 2021, confermativa della decisione n. 18/TFNSVE del Tribunale Federale Nazionale FIGC, Sezione Vertenze Economiche, in data 4 agosto 2021, Reg. Prot. 56/TFN-SVE, con la quale è stato respinto il ricorso presentato il 7 giugno 2021 dall’odierna ricorrente per ottenere il risarcimento del danno asseritamente derivante dal contratto stipulato tra la medesima Società e la S.S. Turris Calcio ed il calciatore L. P.

Impugnazione Istanza Brescia Calcio S.p.A./ Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC)/S.S. Turris Calcio S.r.l.

Massima: Benché, come già rilevato dal giudice dappello, la questione di giurisdizione sia ormai preclusa perché non è stata sollevata nuovamente dalla Turris in secondo grado, per ragioni squisitamente nomofilattiche vale la pena di considerare come, diversamente da quanto ritenuto dal giudice di prime cure, la controversia oggi in esame, insorta tra società professionistiche per il risarcimento del danno derivato dal dolo incidente del cedente, rientri nella previsione dell’art. 134, comma 2, del Codice di giustizia sportiva della FIGC, il quale espressamente dispone che «la Camera arbitrale per le vertenze economiche ha competenza a giudicare: a) sulle controversie di natura economica tra società professionistiche, comprese quelle relative al risarcimento dei danni per i fatti di cui allart. 26».

DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2023 Dirittocalcistico.it