Decisione T.F.N.- Sezione Vertenze Economiche: Decisione n. 18/TFN-SVE del 5 Dicembre  2022

Decisione Impugnata: Decisione della Commissione Accordi Economici - LND pubblicata sul C.U. n. 130 del 3 novembre 2022

Impugnazione Istanza: Reclamo ex art. 90, comma 2, lett. c), CGS proposto dal sig. R.B. (Collaboratore della Gestione Sportiva di cui all’art. 47 bis del Regolamento della LND - matr. 907613405) nei confronti della società ASD Nocerina Calcio 1910 (matr. 952941)

Massima: Riformata la decisione della CAE che aveva dichiarato inammissibile il ricorso, stante l’allegazione di una copia dell’accordo economico priva dell’attestazione di avvenuto deposito (adempimento ritenuto necessario ai sensi dell’art. 28, comma 3, secondo periodo, del Regolamento LND)…Risultava infatti depositato un documento – ricevuto il 23 giugno 2022 dal Dipartimento Interregionale della LND – sprovvisto del timbro di deposito. A tale esito la CAE giungeva sull’assunto che “non possa ritenersi sufficiente – per considerare rispettato il requisito della “attestazione” – il deposito della corrispondenza con la LND/Dipartimento Interregionale e ciò in quanto il ricorrente non ha fornito prova alcuna del fatto che l’accordo allegato al ricorso introduttivo – privo del timbro – fosse il medesimo che gli era stato trasmesso il 23 giugno dalla LND (i.e. il file denominato 20220623140735787.pdf)”…..In data 23 giugno 2022, il sig. B. – per il tramite del suo legale – presentava formale istanza volta a richiedere al Dipartimento Interregionale della LND (hic inde anche “Dipartimento Interregionale”) se l’Accordo Economico in questione fosse stato effettivamente depositato “e, in tal caso, di riceverne copia ‘depositata’”. In pari data, gli uffici del Dipartimento Interregionale fornivano riscontro alla richiesta, trasmettendo via mail copia dell’accordo economico senza che lo stesso recasse alcun timbro. Data l’imminente scadenza del termine previsto per radicare l’azione innanzi alla CAE, il ricorrente produceva, come attestazione dell’avvenuto deposito, l’intera corrispondenza intercorsa con il Dipartimento Interregionale, considerata self explanatory, in quanto proveniente dal solo ente competente alla ricezione del deposito dei contratti. A termini già spirati (e a ricorso già presentato), il sig. B., in data 4 luglio 2022, tornava a interessare della questione il Dipartimento Interregionale, chiedendo, sempre via mail, copia dell’accordo economico con il relativo timbro di ‘depositato’. Nella stessa data, il Dipartimento rispondeva sostenendo che “la documentazione in possesso dello scrivente Dipartimento” fosse “già stata inviata in data 23/06”. La normativa di riferimento ai fini della risoluzione della controversia è rappresentata dall’art. 28, comma 3 del Regolamento LND, ai sensi del quale “Il procedimento è instaurato su ricorso sottoscritto dalla società, dal calciatore/calciatrice ovvero dal Collaboratore della Gestione Sportiva, con l’indicazione dei titoli su cui si fondano le pretese. Allo stesso devono essere allegati copia dell’accordo economico recante attestazione dell’avvenuto deposito a pena di inammissibilità, nonché ogni altra documentazione rilevante ai fini della decisione”. Non vi è dubbio che il timbro di deposito rappresenti il più immediato strumento di attestazione dell’avvenuto deposito, comprovando inequivocabilmente la ricezione del documento da parte dell’ente competente. Tuttavia, considerare detto ‘timbro’ come l’unico elemento idoneo a comprovare con certezza l’attestazione del deposito, oltre a non risultare dalla lettera dell’art. 28 Reg. LND, è frutto di un’interpretazione eccessivamente rigida e formalistica, idonea a causare una non ragionevole delimitazione del perimetro di azione riconosciuto a società/calciatori/Collaboratori della Gestione Sportiva, e dunque, di riflesso, una compressione sproporzionata del loro diritto di difesa. La ratio sottesa alla norma in questione è, in effetti, esclusivamente quella di garantire che le controversie attivate innanzi alla CAE siano corredate da titolo idoneo e legittimante, precludendo l’attivazione di procedimenti di natura economica fondati su pretese prive di basi giuridiche. Un’interpretazione oltremodo rigorosa come quella accreditata dalla CAE che si spinge a subordinare l’instaurazione del procedimento in esame alla produzione in giudizio di un accordo economico munito di apposito ‘timbro di deposito’ comporterebbe la preminenza di un criterio meramente formale – non espressamente richiesto dalla lettera della disposizione de qua – rispetto ad elementi di natura sostanziale. E ciò risulterebbe oltre tutto disarmonico rispetto all’indirizzo a cui questo TFN ormai da tempo aderisce in forza del quale “è compito degli Organi di giustizia considerare meno stringenti le regole formali rispetto ad aspetti sostanziali” (da ultimo, decisione n. 87/TFN/SVE/2021-2022 in cui si richiama il precedente n. 56/2018 del Collegio di garanzia dello Sport) e, conseguentemente, occorre interpretare le norme di rito nel senso di escludere un ingiustificato aggravio di oneri in capo alla parte ricorrente. In altre parole, a rilevare non deve essere la tipologia dell’attestazione, bensì la certezza del deposito dell’accordo. Su queste basi, il requisito dell’attestazione previsto dall’art. 28, comma 3 del Regolamento LND può dirsi soddisfatto ogniqualvolta vi sia espressa conferma del deposito degli accordi economici da parte dell’unico organo – il Dipartimento Interregionale – competente a riceverli, non potendosi imputare alla parte ricorrente l’eventuale assenza del ‘timbro’ di deposito nei documenti trasmessi dal Dipartimento. Eventuali omissioni del Dipartimento nell’apporre il timbro sui documenti ricevuti in deposito non possono essere imputati, tanto da risolversi in cause di inammissibilità, al ricorrente, sul quale grava, invece, l’onere di porre in atto ogni condotta diretta a recuperare dall’organo preposto la copia dell’accordo economico già depositato. Nel caso di specie, come esposto in narrativa, il ricorrente si è tempestivamente attivato per ottemperare all’adempimento previsto dall’art. 28, co. 3 del Regolamento LND e ha prodotto in giudizio la copia dell’accordo economico fornita, priva dell’apposito timbro, dal Dipartimento Interregionale. Non solo. Il ricorrente ha provato a rimediare alla mancanza del timbro inviando pure una seconda comunicazione al Dipartimento Interregionale e ricevendo quale risposta l’asserita esaustività del precedente documento. Del resto, il Dipartimento Interregionale non avrebbe mai potuto offrire riscontro all’istanza del Collaboratore della Gestione Sportiva del 23 giugno 2022 se l’accordo economico non fosse stato previamente depositato. In definitiva, la provenienza della copia dell’accordo economico, nonché la natura del documento prodotto – in formato non modificabile e recante le sottoscrizioni e il timbro della Società – devono essere considerate condizioni sufficienti a dimostrare l’avvenuto deposito del titolo per il cui riconoscimento l’odierno ricorrente ha agito.

DirittoCalcistico.it è il portale giuridico - normativo di riferimento per il diritto sportivo. E' diretto alla società, al calciatore, all'agente (procuratore), all'allenatore e contiene norme, regolamenti, decisioni, sentenze e una banca dati di giurisprudenza di giustizia sportiva. Contiene informazioni inerenti norme, decisioni, regolamenti, sentenze, ricorsi. - Copyright © 2023 Dirittocalcistico.it